venerdì 4 novembre 2011

Chi non viene è un cartellonaro!

COMUNICATO STAMPA
Domani, sabato 05 novembre 2011 in piazza contro cartellone selvaggio:
Piazza dell’Ara Coeli, ore 11.00 

E' il momento di gridare basta! Di farlo compostamente e civilmente. Ma con durezza e indignazione. Sabato prossimo 5 novembre, alle ore 11.00 appuntamento a piazza dell'Ara Coeli, accanto ai capolinea degli autobus di piazza Venezia, per una grande e pacifica manifestazione. Tutti i lettori, i simpatizzanti, gli animatori del nostro e degli altri Blog anti-degrado di Roma, sono chiamati a partecipare e a far sentire la loro voce. Chiederemo conto alla Giunta e al Consiglio Comunale della situazione indegna della cartellonistica a Roma. La sicurezza stradale è sempre più a rischio come dimostrato dalla tragedia avvenuta nelle ultime ore in via Tuscolana. Il decoro della città è devastato dalle migliaia di cartelloni piantati ovunque, come se Roma fosse terra di nessuno. I beni artistici e architettonici di quella che fu la Capitale del mondo e che oggi vorrebbe essere la Capitale di Italia, sono nascosti, violentati, cancellati da orrendi impianti installati senza controllo. La legalità e il rispetto delle regole sono stati accantonati per lasciare spazio alla prepotenza del più forte e del più furbo. Questi alcuni dei temi e degli slogan della manifestazione di sabato. Mostreremo ai romani e ai turisti di passaggio alcune gigantografie di strade del centro e della periferia sfigurate dai cartelloni. E chiederemo a gran voce l'approvazione della Delibera di Iniziativa Popolare, per la quale hanno firmato oltre 10mila persone. E poi ci sarà una sorpresa che farà piacere a tutti coloro che amano Roma e hanno a cuore il suo decoro. I cittadini con le loro azioni possono cambiare quello che sembra immutabile. Ritroviamoci tutti, sabato mattina 5 novembre, alle ore 11.00 in piazza dell'Ara Coeli, accanto ai capolinea degli autobus.

Il Comitato Promotore

8 commenti:

  1. che portiamo? striscioni e bandiere? che ci scriviamo? BORDONI A CASA?

    RispondiElimina
  2. No, si mostrino in giro le foto degli scempi, stampiamo (in poche pagine fronte-retro) il decalogo di come si riconosce il cartellone pericoloso e di come lo si denuncia (possibilmente a persone interessate: di cartacce a terra ce ne sono già troppe). Diffondiamo l'indirizzo di questo sito web.

    Qualcuno potrebbe perfino portare ramazza, scope e sacchetti, per ricordare ai tanti manifestanti che la propria città si protegge dagli allagamenti anche rimuovendo le foglie secche dai tombini. Altrimenti ci si dovrà rassegnare a vedere le strade allagate al primo acquazzone.

    RispondiElimina
  3. http://www.romatoday.it/cronaca/ciampino-via-dei-laghi-via-del-sassone-via-doganale-affissioni-abusive-cartelloni-abusivi.html

    Ma quando accadrà anche a Roma?

    RispondiElimina
  4. ho il febbrone ma sono con voi!
    forza ragazzi, che je la famo. e la prossima battaglia è per bancarellopoli!!!
    daje cazzo!

    RispondiElimina
  5. una distorsione alla caviglia dovuta ad evitare di cadere dallo scooter passando sopra uno dei tanti buchi che tappezzano da sempre le strade di roma mi impedisce fisicamente di camminare e muovermi....:( fatevi sentire anche per me ....manusardi

    RispondiElimina
  6. ci sono passato ho visto un pò di gente e ci doveva essere anche qualche consigliere ! Spero che i giornali abbiano fatto domande anche sull'atac e la storiaccia dei raccomandati che hanno distrutto l'azienda (e tra breve cominceranno gli scioperi, vedrete).

    RispondiElimina
  7. Dott. Lombroso5 novembre 2011 17:04

    è passato ma non si è fermato..e si, ormai lo conoscono tutti.
    Periodo di libertà vigilata.
    Serenase sospeso.

    RispondiElimina
  8. e si Dottore lo conosciamo tutti.
    Pare che stesse correndo dal suo bel Pennacchione!!!
    Avete fatto bene a farlo uscire: è una lezione vivente del delirio ossessivo che gli impedisce, poveretto, di discernere le persone e il loro temperamento.
    Ma è innocuo, è vero.
    Fa solo un pò pena.
    In tutta la città lo conoscono come "Scrotino", a disgrazia si aggiunge disgrazia.

    RispondiElimina