venerdì 4 novembre 2011

Da destra a sinistra tutti contro il racket dei cartelloni

COMUNICATO STAMPA
MASSIMO INCHES - ROBERTO CAPPIELLO- PIETRO CASSIANO – LA DESTRA MUNICIPIO ROMA II

DI CARTELLOPOLI SI MUORE

Roma 03 Novembre 2011

“L’abusivismo di Cartellopoli ha provocato una vittima al Tuscolano, proprio per la presenza di un tabellone abusivo che non doveva stare lì. Siamo preoccupati per il proliferare di queste odiose violazioni, che hanno avuto conseguenze addirittura mortali,  pur trovandosi sotto gli occhi di tutti, che continuano  ad avanzare con arroganza e spregio delle regole. Nel secondo Municipio il Gruppo La Destra ha proposto all’aula consiliare di votare per il rafforzamento del personale del II Gruppo della Polizia Municipale addetto al controllo delle affissioni, mettendo a loro disposizione autocarri e mano d’opera per la rimozione immediata degli impianti abusivi, ma le continue assenze dell’ex maggioranza PdL non hanno ancora consentito l’approvazione del nostro ordine del giorno. Ci auguriamo che questa tragedia possa servire da monito e far attuare i provvedimenti che i cittadini richiedono da anni, anche per l’ostentata sicurezza e legalità che ci avevano promesso in campagna elettorale”

Lo dichiarano con una nota  Massimo Inches - Roberto Cappiello – Pietro Cassiano del Gruppo La  Destra al II municipio

Consiglieri Massimo Inches  Roberto Cappiello Pietro Cassiano
Gruppo  La Destra al II° Municipio
Indirizzo: via Dire Daua, 11 -  00199 Roma

******************************************************************

Andrea Catarci
Presidente Municipio XI

Comunicato del 03 novembre 2011
Cartelloni: la Giunta Alemanno è parte incivile
“E’ una tragedia e una vergognosa metafora. A Roma si muore schiantandosi su
un cartellone abusivo che viola il Codice della Strada, come qualche decina
di migliaia di obbrobri simili. La Giunta Alemanno lo sa e invita l’operatore
economico a spostare il cartello altrove, ovviamente senza definire né modi
né tempi. Il senso è chiaro, prima viene l’asservimento alle cordate di
interessi e poi la sicurezza della cittadinanza e il decoro urbano. Oggi,
dopo tante volte in cui ci si era andati vicino, viene in secondo ordine
anche la vita umana!”- dichiara il presidente del Municipio Roma XI, Andrea
Catarci.
“I Municipi che, come l’XI, provarono ad agire ed a contrastare l’inerzia
connivente con le agenzie di affissioni sono stati ostacolati in ogni modo
dal centro destra alla guida della città. A via Grottaperfetta, a via
Sartorio, a piazza Lotto, il Municipio XI, in collaborazione con la Regione
Lazio, prima dell’avvento della Polverini, restituì alla cittadinanza la
splendida vista del parco di Tor Marancia. Ma invece dei ringraziamenti per
aver fatto quello di cui la giunta Alemanno non era capace, si ebbero in
cambio accuse ed ostruzionismo. Purtroppo, quello che doveva essere il primo
di una serie di interventi di bonifica è rimasta un’isolata seppur positiva
eccezione. La Giunta Alemanno, che oggi intende dichiararsi parte civile, è
stata da sempre dalla parte delle inciviltà.”

1 commento:

  1. Ho paura che tenderanno ad insabbiare tutto e tutto tornerà come prima. Alemanno è già troppo compromesso per far emergere un nuovo scandalo, Bordoni è troppo raccomandato per essere licenziato (il vero sindaco di Roma) e, con la complicità dei media che già oggi hanno attenuato la tensione, finirà tutto a pizza e fichi. Fino alla prossima tragedia.

    RispondiElimina