mercoledì 23 novembre 2011

Ma di che stiamo parlando? Di niente


Il comandante Di Maggio come fa a parlare di circa 100 cartelloni da rimuovere nel centro storico quando sono più di 100 solo quelli che stanno su Via Veneto? Che facciamo, sistemiamo solo una strada rispetto alle decine di migliaia del centro storico protetto dall'Unesco? Di Maggio è così certo che è stato messo in quel ruolo per pigliarci per i fondelli a tutti? Solo a Via Veneto ve ne sono 100, a Via Nazionale altri 100. Ma di che stiamo parlando?

L'assessore Bordoni, quando dice che se delle ditte di furfanti stasera installano 50 impianti è praticamente impossibile accorgersene, ha perfettamente ragione. Ecco perché in tutte le città civili d'occidente -ue, ma perché sta cosa la ripete, solitario, solo Cartellopoli?- gli impianti hanno una sola forma, colore, linea grafica, layout. Così se ne viene installato anche mezzo di abusivo, la cosa è evidente ad occhio nudo. Un po' come sotto le nostre stazioni della metropolitana: tutti impianti del medesimo colore, forma, tonalità di illuminazione. Tutti identici e identificabili. Un pannello abusivo sarebbe scoperto in tre minuti. Questo succede da Napoli a Parigi, cosa ci vuole a farlo succedere anche a Roma? Semplicemente volontà politica. Dice: ma poi alcune ditte gli tocca smettere di lavorare. Ehggià, faranno altro. Come hanno fatto altro le centinaia di benzinai che durante il giubileo vennero fatti chiudere per questioni di sicurezza (e decoro), come ha fatto altro chi vendeva musicassette o rullini fotografici perché è andato fuori mercato. Quel tipo di proposta, oggi presente solo a Roma tra le grandi città occidentali, è fuori mercato dunque chi sta su quel mercato si deve riciclare come accade in mille piccoli mercati. O la legge del mercato vale in tutti i settori meno che sui cartelloni dove si devono perpetrare situazioni preistoriche?
A maggior ragione in una città sconfinata, come giustamente la definisce Bordoni, è stringente e obbligatoria la presenza di un unico modello di impianto gestito da una o da pochissime società a cui demandare il compito di combattere, a spese zero per i cittadini, l'abusivismo.

12 commenti:

  1. "Efficenza della macchina amministrativa".
    Mi vengono i brividi...

    RispondiElimina
  2. Semplice: hanno escluso dal conteggio gli infestanti 1x1 (con eventuale orologio fuori orario).

    RispondiElimina
  3. NO DICO MA AVETE CAPITO COSA DICE BORDONI?????????????!

    "LA SITUAZIONE ATTUALE E' DOVUTA ALLE PRECEDENTI AMMINISTRAIONI.

    CHE CATTIVI, LE PRECEDENTI AMMINISTRAZIONI AVEVANO CONGELATO IL COMPARTO E OGNI CARTELLONE FACEVANO UNA CAUSA, ADESSSO INVECE IL CONTENZIOSO E' SCESO A 3.800.....E'UN SEGNALE DI COME E' CAMBIATA LA SITUAZIONE" " Si Si Signor davide, è proprio il segnale di come è cambiata la situazione!!! ...Ma ALMENO PENSARE PRIMA DI PARLARE, NOOO??!! ANCHE SE STA DICENDO LA ERITA'!!!! E' IL COLMO DEI COLMI!!!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  4. CIOE' LA SITUAZIONE NON TE LA DA LO STATO IN CUI SONO RIDOTTE STRADE PIAZZE E MONUMENTI MA IL NUMERO DI CONTENZIOSI INESSERE!!..i quali ovviamente, consentendo ai porci cartellonari di fare tutto ciò che vogliono, è sceso ai minimi storici... HAI CAPITO CHE BRAVO, il signor davide ??!!

    FOLLIA PURA!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  5. ALEMANNO E BORDONI, CO STI CARTELLONI, CI AVETE ROTTO LI COJONI.

    RispondiElimina
  6. QUOTO Tonelli, stiamo parlando del nulla, e dai video che ho visto continueremo a parlare delle virgole e dello 0,0% per ancora molti anni, ancora non si è capit da parte delle istituzioni che il settore non va regolamentato, ma distrutto e rifondato su basi completamente diverse.
    A BORDONI dico solo che come prim passo basterebbe chiudere il mmeccanismo di autodenuncia, prendere la banca dati e andare a controllare i cartelli uno per uno senza possibilità di ricolllocazione, nel giro di un paio di anni ne rimarranno s è il 2% vivi.

    RispondiElimina
  7. ULTIM'ORA:

    i due cartelloni in corso di istallazione a V. Marmorata di fronte all'edificio razionalista delle Poste sono stati prontamente rimosi ed i bichi fatti nel marciapiedi sono stati ritappati in maniera "artigianale", tentando di nascondere il meglio possibile il tentato stupro.
    Questo la dice lunga su quanto fossero in regola i due cartelloni che-IN PIENO GIORNO- queste "imprese serissime" stavano impiantando DI FRONTE AD UN GIOIELLO DELL'ARCHITETTURA ITALIANA IN PIENO I MUNICIPIO- CENTRO STORICO.
    RENDIAMOCI CONTO, PER FAVORE!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  8. MAGNIFICO VIDEO DI REPUBBLICA TV SULLO SCANDALO CARTELLOPOLI A ROMA. DAVVERO MAGNIFICO: DA DIFFONDERE IL PIU' POSSIBILE.

    SI PUO' VEDERE SU REPUBBLICA TV O SU RIPRENDIAMOCIROMA.BLOGSPOT. COM

    DAVVERO MAGNIFICO E PRECISO!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  9. Dimissioni. Ora. Subito.

    RispondiElimina
  10. grazie al c.... che sono scese a 3800 le cause contro il comune, li hanno condonati tutti i cartelli.

    ma non capisco una cosa:
    Bordoni è sinceramente convinto che i cittadini romani sono tutti ottusi come lui.

    OTTUSANGOLO RICORDATE????

    RispondiElimina
  11. condonatemi l'ambaradam

    RispondiElimina
  12. MA IL CURRICULUM VITAE DI BORDONI????????
    CI FAREBBE PIACERE CONOSCERE IL SUO CV

    RispondiElimina