domenica 27 novembre 2011

Occhio alle scale

Chi ha deciso che dopo il 2008 tutte (ripetiamo TUTTE) le stazioni della Metro, A e B non fa differenza, dovevano essere dotate di questi stendardi pubblicitari?
Chi ha permesso che vengano messi in una posizione assurda che crea distrazione a chi sta facendo le scale con il rischio che si spezzi l'osso del collo?
Davide Bordoni.

9 commenti:

  1. BORDONI , ALEMANNO, PACIELLO, CASSONE E I CONSIGLIERI DI MAGGIORANZA HANNO DISTRUTTO ROMA E L' HANNO REGALATA ALLA MAFIA!!

    MAI DIMENTICARSELO.

    RispondiElimina
  2. basta una semplice osservazione per motivare che vadano tolti, addirittura senza andare a tirar fuori il fatto che sono abusivi e pericolsi:
    FANNO CAGARE! SONO ORRIBILI E DETURPANTI!
    anche se fossero regolari andrebbero divelti solo per quanto fanno schifo!
    ALEMANNO E BORDONI DOVETE FARE LE VALIGIE!
    con tutta onestà non credo che la città possa sopravvivere ad un altro anno e mezzo di questi "amministratori".
    stiamo diventando come Città del Messico.

    RispondiElimina
  3. La pubblicità vodafone che è in rotazione in questi giorni, a roma non si può più fare
    E come questa tante altre
    Ma checcefrega, basta che magnano i 400 che fanno pubblicità alla sòra pina, poi se gli inserzionisti SERI e i grandi spenditori (Bernabè dixit) spariscono, qual'è il problema ?
    Marco1963

    RispondiElimina
  4. Anonimo ore 21.03, guarda che a città del messico stanno meglio !!
    Ho preso a casaccio un viale periferico squallidissimo
    Intanto sullo spartitraffico non c'è niente, al limite alberi, ma guarda che bell'impianto invece c'è sul lato (arrotondato, non squadrato come i killer della pes !)

    http://g.co/maps/zr7pc

    Marco1963

    RispondiElimina
  5. BORDONI, CO STI CARTELLONI, CI HAI ROTTO LI COJONI.

    RispondiElimina
  6. Ecco un posto che somiglia a Roma!

    http://www.lettera43.it/upload/images/11_2011/congo-kabila-111127102233_big.jpg

    RispondiElimina
  7. C'è pure er callarostaro, l'ambulanti abusivi, er mega cartellone, cartacce e zozzeria per terra...Roma capitale der Congo!

    RispondiElimina
  8. si avevo citato io Città del Messico.
    ma il mio confronto provocatorio non era riguardo la cartellonistica (so bene che siamo l'unica città del globo deturpata così), ma quanto piuttosto sulla qualità degli amministratori e delle autorità giudiziarie.
    ormai i cittadini romani sono lasciati a loro stessi, abbandonati alle prevaricazioni del più arrogante e strafottente di passaggio, sicuro del fatto che nessun rappresentante della giustizia gli andrà a rompere le palle perchè "impegnato" in altre cose...
    siamo una giungla di cemento, asfalto, suv e cartelloni pubblicitari dove ognuno deve pensare a sopravvivere meglio che può schivando le pallottole.

    RispondiElimina