martedì 15 novembre 2011

Retake Roma: Installazione impianti pubblicitari sulla via Cassia

Inviamo la presente per elevare appello a coloro che sono impegnati a mantenere un adeguato livello di decoro nei quartieri della nostra città di Roma: segnaliamo che una tra le più belle strade antiche di Roma, con bellissime tracce artistiche e storiche lasciate dalle civiltà susseguitesi nel tempo, viene oggi deturpata da una indecente installazione di cartelloni e impianti pubblicitari vari che sono l’immagine della inciviltà e del degrado in cui la nostra società va gradatamente scivolando. Ed è proprio questa lenta e continua svalutazione del nostro patrimonio naturale, paesaggistico e artistico che, ove insieme non ponessimo seri rimedi, finirà par soffocare le bellezze della nostra città.

Ci riferiamo alla Strada Consolare n 2, la Via Cassia, che dopo essere stata soggetta ad una pluriennale cementificazione dei suoi contorni, e da un traffico veicolare cui le varie amministrazioni non hanno posto alcun rimedio, ora sta subendo il colpo di grazia di una installazione selvaggia di impianti pubblicitarie che ne deturpano la bellezza paesaggistica e occludono la godibilità dei pini secolari e del verde circostante.

E siccome questa è  l’ultima e la più recente “mazzata” che la strada subisce, chiediamo un urgente intervento riparatore sia alla Sovraintendenza ai Beni Artistici e Culturali del Comune di Roma sia all’Ufficio del Decoro Urbano perché facciano loro questa nostra denuncia intervenendo presso il Dipartimento competente del Comune di Roma.


Retake Roma  quindi, alla luce di quanto sopraesposto, ha  elaborato una documentazione fotografica di alcune delle installazioni di più evidente contrasto con l’ambiente, nell’ottica di fornire materiale e indicazioni che possano favorire i vostri auspicati positivi interventi: precisiamo tuttavia che quelle qui di seguito documentate sono soltanto una minima parte dell’inaudito affollamento di impianti lungo la via Cassia, lasciato ormai senza alcun controllo, se non quello derivante dalle denunce delle associazioni dei cittadini.

Tutti gli impianti di cui forniamo documentazione fotografica risultano installati in violazione delle distanze minime prescritte dal Regolamento di attuazione del Codice della Strada e degli stessi divieti imposti dal vigente Regolamento approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 37/2009. E tra l’altro sono posti in parallelo a recinzioni tutte più basse dei tre metri ostacolando la vista panoramica di alberi secolari o del verde in genere.

Ai sensi della lettera c) del 4° comma dell’art. 51 del Regolamento di attuazione ed esecuzione del Codice della Strada, emanato con D.P.R.) n. 495/1992, “entro i centri abitati ed entro i tratti di strade extraurbane per i quali è imposto un limite di velocità non superiore a 50 km/h il posizionamento è autorizzato invece nel rispetto della distanza minima di 25 metri dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari”.

Il suddetto 4° comma dell’art. 51 del D.P.R. n. 495/1992 fa salva la possibilità di deroga concessa ai Comuni dal 6° comma dell’art. 23 del Codice della Strada, emanato con D.Lgs. n. 285/1992: di tale deroga si è avvalso il Consiglio Comunale che al 5° comma dell’art. 4 del vigente Regolamento approvato con la delibera n. 37/2009 ha disposto che le distanze minime per il posizionamento dei cartelli pubblicitari entro il centro abitato, limitatamente alle strade di quartiere (E) ed alle strade locali (F) debbono essere di 15 metri dagli altri cartelli e mezzi pubblicitari, ma solo per impianti di dimensione non superiore a metri 1,20 x 1,80.

Il Piano Regolatore degli impianti e dei Mezzi Pubblicitari (PRIP), che lo scorso 2 febbraio è stato adottato dalla Giunta Comunale, ha allegato allo schema normativo le schede tecniche di tutti i tipi di impianti che si potranno installare a Roma:  tutti, nessuno escluso (ad eccezione dei parapedonali, che potranno essere posizionati anche in sequenza), dovranno essere posizionati ad almeno 25 metri l’uno dall’altro, sia che siano dello stesso formato sia che siano di formato diverso.

I suddetti impianti risultano installati ad una distanza l’uno dall’altro che non sembra rispettare nemmeno i 15 metri concessi per impianti uguali o inferiori a mt. 1,20 x 1,80.

Tra l’altro ai sensi della lettera c) ed h) del 1° comma dell’art. 18 del Regolamento vigente sulle affissioni pubblicitarie, approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 37 del 30 marzo 2009, "é vietata la collocazione di impianti e mezzi pubblicitari nei seguenti siti ad eccezione di quelli collocati su ponteggi e recinzioni di cantiere relativi a restauri e manutenzioni di beni patrimoniali pubblici: …. c) parchi pubblici e ville storiche nonché le vie che delimitano il perimetro di queste, ad eccezione degli impianti e dei mezzi di informazione di proprietà del Comune di cui all’art. 20, comma 1, lett. E), punto 4), lettera f) [che riguarda per l’appunto gli “impianti e altri mezzi di informazione turistica e di indicazione stradale di proprietà del Comune”]".

Si mette in evidenza che tutti  i i cartelloni di cui all’oggetto risultano installati a fianco di una strada di alto interesse storico paesaggistico e a ridosso di Ville come Villa Manzoni, Villa San Pietro, Villa Paladini……

Retake Roma, movimento spontaneo per il decoro urbano (www.retakeroma.it, e Retake Roma su facebook) chiede in conclusione di voler verificare, ciascuna nell’ambito delle rispettive competenze, la legittimità di tutti gli impianti installati lungo il percorso della via Cassia dall’incrocio con Via Oriolo Romano all’incrocio col GRA adoperandosi presso il Dipartimento competente per la loro rimozione.

Restiamo in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche via mail.

Bruno Gramiccia
Paola Carra

Retake Roma Nord

IMPIANTI POSTI DALL’ALTEZZA DI VIA CASSIA 486/490  ALL’ALTEZZA DI VILLA MANZONI
                                  
Concessionaria S.C.I.  codice autorizzazione 0040/AH510/P
cartellone 1

Concessionaria ??? codice autorizzazione  0010/BL105/B
Cartellone 2

Concessionaria Gregor 50  codice autorizzazione 0074/AO446/P
Cartellone 3

Concessionaria Gregor 51 codice autorizzazione 0074/AO445/P
Cartellone 4

Concessionaria  S.C.I.  codice autorizzazione 0040/AH511/P
Cartellone 5

Concessionaria: S.C.I. codice autorizzazione 0040/AH512/P
Cartellone 6

Concessionaria Seipertre codice autorizzazione 0061/AV549/P
Cartellone 7

Stessa zona prima che venissero installati gli impianti fissi,

IMPIANTO POSTO AFFIANCO AL SEMAFORO ALL’INCROCIO DI VIA CASSIA CON VIA DI SAN GODENZO
Concessionaria: Diemme Immobiliare codice autorizzazione 0087/BD255/P    Impianto posto    sull’incrocio con Via San Godenzo
Impianto pubblicitario 8

IMPIANTI POSTI LUNGO IL MURO DI RECINZIONE (inferiore a tre mt di altezza) DI VILLA SAN PIETRO  VIA CASSIA 578

Concessionaria MG codice autorizzazione 0056/BH736/P
Cartellone 9

Concessionaria FOX ADV codice autorizzazione 0164/BR327/P
Cartellone 10

Concessionaria FOX ADV codice autorizzazione 0164/BB596/P
Cartellone 11

Concessionaria APA  codice autorizzazione  0044/BD054/P
Cartellone 12

Concessionaria I Affissioni codice autorizzazione 061/AV549/P
Cartellone 13

Concessionaria Gregor codice autorizzazione 0074 AO443/P
Cartellone 14

Concessionaria Gregor codice autorizzazione 0074/AO444/P
Cartellone 15

concessionaria APA codice autorizzazione 0044/BD049/P
Cartellone 16

Stessa zona prima che venissero installati gli impianti fissi.

Concessionaria  IGP DECAUX codice autorizzazione 0019/AC023/P
Cartellone 17

INCROCIO CON SEMAFORO TRA VIA CASSIA E VIA DEI DUE PONTI

Concessionaria ESOTAS codice autorizzazione 00847°5570/P
Cartellone 18

Concessionaria Diemme Immobiliare codice autorizzazione 0087BD155/P
Impianti pubblicitari 19

Parapedonali incrocio Cassia Due Ponti davanti a Rudere antica Roma
Impianti pubblicitari 20

A FIANCO PRESIDIO S.ANDREA E FERMATA AUTOBUS VIA Cassia 721

Concessionaria CBS codice autorizzazione  0051/AM 384/P
Cartellone 21

2 commenti: