martedì 22 novembre 2011

Un genio del male

Cliccate sulla foto e guardate il video. Lo riportiamo solo per dovere di cronaca, vi diciamo prima che è roba per stomaci forti. Ma forti, forti...


Lui balbetta cose, e intanto spende 800mila euro di soldi nostri. 800mila euro. Per togliere impianti che riappariranno dopo qualche giorno, in numero maggiore. Ieri mentre li toglieva a Piazza Meucci, in periferia, ne apparivano altri, di enormi, a Via Marmorata, in centro. Altro che tutela del centro storico.
Impianti di pubblica utilità? Ma se il Prip non dice una parola per contrastare l'abominevole sfilza di orologi pubblicitari uno-ogni-trenta-metri nelle strade del centro e anzi considera Via Nazionale tra le strade da densificare, dove gli impianti sono troppo pochi. La pubblicità utilità è dare cinquanta orologi a Via Veneto e 100 a Via Nazionale quando tutti hanno due telefonini in saccoccia? La pubblica utilità sono i terrificanti parapedonali pubblicitari. Ma se sono di pubblica utilità allora perché esistono solo a Roma? Le altre capitali vogliono del male ai loro cittadini?

800mila euro signori. Di questi tempi. E' allucinante, impensabile.

E, come avete sentito, nel 2012, invece di fare un bando e assegnare ai privati, con soldi privati, la rimozione degli abusivi, lo faranno ulteriormente spendendo denari pubblici. Soldi di tutti noi. Spesi per rimuovere gli impianti solo di chi non è protetto. Mica per togliere, ad esempio, tutta la robaccia delle ditte accreditate che il Comune ha già soppresso. Noooo, solo per togliere gli impianti figli di nessuno o giù di lì.

13 commenti:

  1. Non è affatto un genio del male.
    E' solo un nano politico che può dire qualsiasi sciocchezza, distruggere la città e sperperare denaro pubblico (come in effetti e ripetutamente fa) grazie al fatto che il suo capo è da meno di lui, i giornalisti non sanno fare il loro mestiere e qualche magistrato gira colpevolmente lo sguardo altrove.

    RispondiElimina
  2. A questo servirebbe solo esiliarlo.

    RispondiElimina
  3. I geni del male sono, come dice il nome stesso, personaggi dotati di grande intelligenza che scelgono di usare la loro conoscenza per scopi malvagi (immoralità) e tendono a sviluppare piani su grande scala (megalomania). Per poter essere considerato un genio del male, il personaggio deve usare l'astuzia per elaborare piani complessi che causeranno caos e distruzione. I loro schemi spesso dipendono da dettagli banali che gli eroi possono utilizzare, sventando i loro piani al climax della storia.

    Fonte: Wikipedia
    http://it.wikipedia.org/wiki/Genio_del_male

    RispondiElimina
  4. mi viene il vomito, e pure un certo prurito..

    RispondiElimina
  5. BORDONI, CO STI CARTELLONI, CI HAI ROTTO LI COJONI.

    RispondiElimina
  6. 800.000 / 1.000 = 800
    EURI a cartellone.

    Considerando che una Tessera ATAC mensile per studenti = 18 Euro, circa 5.000 studenti romani avrebbero avuto l'abbonamento gratis per andare a scuola 9 mesi.

    Se consideriamo i 12.000 cartelloni che lui dice di aver rimosso... altro che carta igienica.

    RispondiElimina
  7. E' possibile informare la Corte dei Conti?

    RispondiElimina
  8. BASTA CARTELLONI!
    Incontro Pubblico
    giovedì 24 novembre ore 17.00
    Sala Consiglio del Municipio Roma XI
    Via Benedetto Croce n. 50

    Promuovono l’iniziativa:
    I Presidenti dei Municipi:
    Orlando Corsetti (I), Dario Marcucci (III), Ivano Caradonna (V), Giammarco Palmieri (VI), Roberto Mastrantonio (VII), Susi Fantino (IX), Sandro Medici (X), Andrea Catarci (XI), Gianni Paris (XV), Fabio Bellini (XVI) e Antonella De Giusti (XVII)
    Associazioni e Comitati:
    VAS - Comitato Promotore per la Modifica del Regolamento sulle Affissioni – Cartellopoli - Malaroma – Riprendiamoci Roma – Casetta Rossa – Italia Nostra – Legambiente Garbatella
    Avv. Salvatore Russo

    RispondiElimina
  9. Interessante, forse vengo

    RispondiElimina
  10. ahahaah ma nel video si vede chiaramente che stanno rimuovendo e facendo a pezzi un cartellone che pubblicizza la emmepiù con la cimasa del Comune di Roma!
    ahahah proprio quelli con lo scudo rosso SPQR!
    quelli che dovrebbero essere gli "istituzionali" regolarissimi proprio perchè con il logo del comune...
    eh si chissà dove li fabbricano...

    RispondiElimina
  11. quando tutto sarà finito prenderà banane in testa come il nano più celebre.

    RispondiElimina
  12. AHAHAHAHAHAHAHAH....INCREDIBILE...BORDONI SI VANTA DI TOGLIERE I CARTELLONI ABUSIVI E SICURamente pericolosi per la circolazione ...e fra i "delinquenti" che li hanno piazzati vi è un impoanto di proprietà del COMUNE DI ROMA !!!!!!! BORDONI....2 AGGETTIVI TE LI DEVI BECCARE PER QUESTO: DELINQUENTE E BUFFONE :)

    RispondiElimina