domenica 6 novembre 2011

Uomini senza vergogna

 
Chi segue da tempo questo blog forse non crederà ai suoi occhi ma leggete qui cosa ha ancora il coraggio di dichiarare il sindaco dei cartelloni Bordoni dopo l'incidente cartellonaro che ha fatto due vittime:

"Dopo 20 anni - spiega l'assessore - la citta' avra' regole certe e chiare che potra' far rispettare, principi condivisi con le Soprintendenze. Da tre anni a questa parte abbiamo fatto una pianificazione che non era mai stata fatta e, contemporaneamente, portato avanti il ciclo di rimozioni di cartelloni irregolari, in collaborazione con i gruppi territoriali di Polizia Municipale".

"Ci siamo confrontati con associazioni cittadine e ambientaliste facendo conoscere loro, da vicino, come opera una pubblica amministrazione - sottolinea - Le rimozioni annuali che Roma Capitale effettua, le multe al pubblicizzato, i procedimenti a carico delle ditte sospette sono segnali tangibili di chi non sottovaluta il problema, ma sta facendo tutto quello che e' in suo potere per risolverlo".

"L'approvazione del Piano Regolatore e' fondamentale - conclude Bordoni - e mi auguro che anche l'opposizione lo capisca, invece di convincersi che solo sparando addosso all'avversario si possa fare qualcosa di buono per la nostra citta'". 


Possibile che la ragion politica faccia arrivare un amministratore ad un livello simile di cinismo? Cinismo che peraltro si ritorce contro, visto che l'evidenza delle responsabilità è evidente, visto che i numeri sono numeri, le delibere sono delibere, visto che quei cartelloni di vetro, assassini, piazzati ovunque come decine di migliaia di altri, sono nati a seguito di una delibera criminale che tutti conosciamo e che tutti sappiamo chi ha firmato e proposto.

Ma la vera vergogna non sta nei palazzi della politica. Li più della vergogna c'è il marciume totale, il tanfo, il fango, la putrefazione totale di ogni dignità anche umana come leggiamo da queste dichiarazioni. La vera vergogna sta nei palazzi della magistratura?

Ma cosa deve succedere ancora per entrare negli uffici, per sequestrare le carte, per mettere sottocontrollo le utenze telefoniche della mafia e di chi la sta coadiuvando, per parlare con uno qualsiasi dei dipendenti del dipartimento comunale interessato, ove gente per bene lavora letteralmente allucinata da quello che vede ogni mattina. Cosa deve succedere ancora? C'è un incidente al giorno (leggete qui), la città è completamente ricoperta e incrostata di illegalità, ci sono morti ammazzati su morti ammazzati, c'è un piano regolatore VERGOGNOSO che anche se passasse e fosse totalmente applicato domani non cambierebbe di una virgola la situazione. Cosa altro deve succedere? Deve morire ammazzato il figlio trentenne di qualche giudice o di qualche pm invece che una povera coppia di immigrati?

10 commenti:

  1. STRAQUOTO totalmente questo intervento. Magistratura??????

    E questo inqualificabile individuo bordoni deve solo DIMETTERSI e, sperabilmente, rispondere innanzi alla giustizia e alla cittadinanza per tutto ciò che ha causato a Roma.

    RispondiElimina
  2. Non si dimetterà, fidatevi.
    Il Comitato d'Affari che ha occupato il Campidoglio deve spolpare viva la città fino all'ultimo.
    Solo la Magistratura potrà fermarli per questo dobbiamo continuare senza tregua a denunciare lo schifo indicibile, a stargli col fiato sul collo..a sensibilizzare sempre più cittadini.

    RispondiElimina
  3. un uomo senza ritegno, ma ancora pensa di riuscire a prendere x il culo qualcuno?

    RispondiElimina
  4. Immerso nella lobby dei commercianti , è' il padre padrone di Roma, il vcero sindaco di Roma. Conta più Alemanno e tutta la giunta messi insieme. Ecco perchè nessuno lo ha licenziato prima e nessuno lo licenzierà dopo.

    RispondiElimina
  5. Tutte le stronzate che sta sparando questo mezzo uomo gli si ritorceranno contro.
    Il tempo è galantuomo.

    RispondiElimina
  6. il silenzio della procura romana è imbarazzante e la dice lunga, molto lunga...

    RispondiElimina
  7. E' vero, il tempo è galantuomo. Bernabè, forse l'uomo che paga (oggi) di più di tutti - mediante telecom - le affissioni a Roma, ha detto che da domani BASTA. E' un segnale forte, fortissimo di sfiducia verso questo modo di fare, quest'uomo, la sua giunta. Andate a vedere il tono delle sue dichiarazioni. E' molto interessante.

    RispondiElimina
  8. Con quale coraggio, uno come Bordoni che ha regalato Roma ai cartellonari, ai bancarellari, ai pullman turistici, alle lobby più becere e mafiose, oggi afferma che la sua lotta contro i cartelloni è senza quartiere? Ma quest'uomo è la reincarnazione del diavolo!

    RispondiElimina
  9. Fabrizio Vienna6 novembre 2011 15:31

    Ma quale alto indizio di reato vuole la magistratura? Che ha Bisogno di una foto con bordoni che con una vanga sta piazzando un cartellone abusivo 5X6 a piazza del Pantheon. MAGISTRATURAAAAAA!!!!!!!!!!!! SVEGLIA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  10. BORDONI, CO STI CARTELLONI, CI HAI ROTTO LI COJONI.

    RispondiElimina