sabato 17 dicembre 2011

Le dichiarazioni di un imprenditore anonimo che ammette di “aver l’obbligo di far pubblicità anche sui cartelloni abusivi”...

CARTELLONI: CATARCI, L’APPELLO A CAMBIARE È AGLI IMPRENDITORI

(AGENPARL) - Roma, 16 dic  - "Le dichiarazioni di un imprenditore anonimo che ammette di “aver l’obbligo di far pubblicità anche sui cartelloni abusivi” mette a nudo una situazione che il Municipio Roma XI, assieme agli altri Enti Territoriali, alle associazioni e ai comitati dei cittadini, denuncia da tre anni ininterrottamente. I mostri di ferro e cemento si sono moltiplicati con la gestione delle affissioni da parte della Giunta Alemanno. Una Delibera sbagliata, la 37/2009, ha favorito la diffusione delle strutture pubblicitarie, in ogni dove e in barba al Codice della Strada, aumentando il rischio di incidenti, deturpando il paesaggio urbano fino a sfregiare aree archeologiche e monumentali. Le responsabilità di Roma Capitale sono enormi. Tutto è stato permesso, prima, durante e dopo le installazioni, versando un piccolo obolo si è deciso in proprio quanti cartelloni mettere e dove, all’insegna della deregulation completa! La stessa stesura del Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari (Prip), spacciato come la risoluzione ad ogni problema, è in realtà un sistema di regole generiche pressoché inattuabili, assolutamente non sufficienti. Quel che occorre realmente è l’approvazione di Piani di localizzazione decenti, con numeri ragionevoli, per poi fare dei bandi pubblici con cui selezionare operatori ‘ufficiali’ in maniera trasparente, assegnando loro come primo compito la bonifica dell’esistente e regolamentando quella anomalia, tutta romana, determinata dalla presenza di 404 ditte impegnate nel settore. Al contrario dei vertici capitolini, nel mondo imprenditoriale c’è chi si è reso conto dello stato indecente in cui versa il sistema pubblicitario su strada nella Capitale e si è dichiarato disposto a rinunciare ad utilizzare i cartelloni. Un’azione concertata di tutti i soggetti socio-economici potrebbe scongiurare ciò che si sta rivelando una vera e propria piaga, mentre Alemanno ha dimostrato di non essere in grado di mutare lo stato delle cose e nemmeno in futuro lo farà mai!" E' quanto si legge in una nota di Andrea Catarci, Presidente Municipio Roma XI

http://www.agenparl.it/articoli/news/regionali/20111216-cartelloni-catarci-l-appello-a-cambiare-e-agli-imprenditori

3 commenti:

  1. Bravo. Uno dei pochi.

    RispondiElimina
  2. Assolutamente d'accordo con quanto asserito da Catarci. La Roma di alemanno è sotto gli occhi di tutti, DEGRADO INFINITO.

    E spero vivamente che la magistratura scoperchi al più presto lo schifo e il marcio che c'è dietro.

    RispondiElimina
  3. Catarci ha le palle!

    Mc Daemon

    RispondiElimina