venerdì 20 gennaio 2012

Almeno IGPDecaux ci da retta

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

Egregio sig.xxx xxx,

faccio riferimento all’articolo comparso ieri su “cartellopoli.it”, per allegare le immagini della rimozione del cartello da noi effettuata questa mattina (19/01/2012).
L’impianto in questione, originariamente concesso nella posizione fotografata poi successivamente inserito nella procedura di riordino, è stato regolarmente ridotto in termini di superfici (da 18 a 12 mq) e quindi rinnovato nel 2006.

Conveniamo con voi che il poster risultava non conforme alle disposizioni del Codice della Strada: le confermo che IGPDecaux non ha mai ricevuto alcuna segnalazione relativamente al poster, anche a valle delle verifiche disposte a valle del rilascio della concessione.

Ringraziandovi per la segnalazione ci rendiamo disponibili ad organizzare un incontro a Roma per confrontarci in modo più ampio sulla problematica della cartellonistica nella città, argomento sul quale siete evidentemente interlocutori preparati e di riferimento.

Cordiali saluti,

xxx xxx
Direttore Patrimonio e Sviluppo
www.igpdecaux.it
 
IGPDecaux S.p.A.
Centro Direzionale Milanofiori
Strada 3 - Palazzo B10 - 20090 Assago - MI

 
 
******************************************************

Stiamo pianificando l'incontro che naturalmente, una volta fissato, estenderemo anche all'associazione Basta Cartelloni e all'associazione VAS (Verdi Ambiente e Società).

7 commenti:

  1. VEDERE UNA STRADA CHE TORNA A RESPIRARE A ROMA NON HA PREZZO!
    COMPLIMENTI.

    Cmq resta il fatto che IL CARTELLONE LI' NON CI DOVEVA STARE.

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  2. il cervello è talmente assuefatto allo schifo dei cartelloni che ormai in uno spartitraffico libero sembra che ci sia qualcosa che manca....

    RispondiElimina
  3. Non c'è dubbio che bisognerebbe dare concessioni solo a ditte serie e oneste.
    Alessandro

    RispondiElimina
  4. Ottimo, si comincino a togliere TUTTI i cartelloni presenti contra legem, in particolare contro le disposizioni del Codice della Strada, e poi se ne parla.

    Non può che riqualificare agli occhi della gente la percezione di serietà della ditta che osserva queste fondamentali norme, prima di tutto create per la SICUREZZA, di chiunque.

    Ben venga l'incontro, ben venga una sana discussione e un sano interloquire, magari con i differenti punti di vista e proposte, rimanendo oramai acclarato che ROMA COSI COME E' STATA RIDOTTA DALLA GIUNTA ALEMANNO-BORDONI-PACIELLO-CASSONE è VERGOGNOSAMENTE INDEGNA.

    E' ora che certa gente vada a casa, dimissionata e/o si commissari il settore o si faccia CON RAPIDITÀ' tabula rasa di ogni e qualsiasi politica che abbia anche il benché minimo sospetto di essere legata a cricche dalla assai, molto dubbia legalità....

    RispondiElimina
  5. La terra dei cachi21 gennaio 2012 15:17

    Magari anonimo magari.
    Ma chi può fare tabula rasa?
    Il più pulito ha la rogna, si dice a Roma.
    Noi ci auguriamo che la prossima amministrazione sia più attenta e meno complice.
    Per ora però è solo una speranza.
    La cosiddetta opposizione avrebbe un'arma potentissima per vincere le prossime elezioni: la guerra all'economia del degrado.
    Ma ti ricordi cosa accadde quando fermarono i bengalesi venditori abusivi in Centro e gli misero un braccialetto di carta?
    Tutte le oche a starnazzare ai "nuovi nazisti".
    Medita anonimo medita.

    RispondiElimina
  6. Cara IGP, ora continua con i l'impianto di piazzetta del bel respiro (dai tempi forse di rutelli ben piazzato su uno strettissimo spartitraffico e nel bel mezzo di una curva) e dei 2 di via gasparri, via nella quale perfino la SCI ("società cartelloni incivili") ha tolto il suo dallo spartitraffico......se poi avanza tempo, cara IGP, perché non proseguire con quelli, sempre del tutto illegali, di viale dei colli portuensi, dove minimo si violano, sempre dai tempi dell'ambientalista (ambientalista.... ahahahahahahahah) ex sindaco rutelli, almeno 2 norme (spartitraffico ed area verde curata dal servizio giardini) talvolta accompagnate anche da quelle riguardanti le distanze da incroci, semafori e attraversamenti pedonali........ CAVOLO: LA IGP E' ANCH'ESSA DECADUTA DA OGNI LICENZA DEL COMUNE DI ROMA......GLI IMPIANTI IRREGOLARI ORMAI SI CONTANO A DECINE......CHE NE DICE VAS, CARTELLOPOLI E BOSI.......PERCHè NON DIRGLIELO A QUESTI SANTI DELLA IGP? manusardi

    RispondiElimina
  7. Ancora una volta lodi alla civiltà di Cartellopoli per la nota in calce.

    RispondiElimina