mercoledì 11 gennaio 2012

Che facciamo aspettiamo di mettere orsacchiotti, fiori e foto anche su questi?

Via Tuscolana - IX° Municipio

Via Ugo Della Seta - IV° Municipio

Viale Del Pattinaggio - XII° Municipio

Viale Del Pattinaggio - XII° Municipio

Viale di Val Fiorita - XII° Municipio

Estratto da questo articolo del Messaggero del 30 dicembre 2011:

...L'allarme sulla tipologia di cartelloni installati dalla società Pes, simili a quelli contro il quale Enis si è schiantato, scatta nel settembre dello scorso anno (2010). Le divise bianche del Gruppo Sicurezza Sociale e Urbana verificano la pericolosità delle installazioni e il 15 settembre (2010) inviano una lettera all'ufficio affissioni e pubblicità di via Ostiense. Lo stesso giorno una squadra di geometri esamina i cartelloni pubblicitari e indirizza un verbale ai responsabili dell'ufficio, in cui si conferma la pericolosità di quegli impianti. Non viene rispettata l'altezza minima tra l'asfalto e la base del cartellone (è di sessanta centimetri, invece di due metri e cinquanta) e soprattutto, si legge nella lettera, «i pannelli sono in vetro e gli spigoli vivi quindi pericolosi, vista l'altezza alla quale sono installati».
Il 12 ottobre
(2010) l'ufficio invia una lettera alla Pes nella quale si chiede di rimuovere gli impianti «pancia-vetro». «E' stata accertata la pericolosità degli impianti per i seguenti motivi» scrive il dirigente elencando i problemi relativi all'altezza e ai «materiali e formati degli impianti». Ci sono «quindi motivi ostativi al mantenimento degli impianti in questione sul territorio»...

Eppure a Roma dopo quasi un anno e mezzo di questi impianti non ne è stato rimosso uno.
Evidentemente la vita di due persone per certi personaggi ha poca importanza.

8 commenti:

  1. Direi che è il primo caso in cui il Comune si muvoe prima dei cittadini, anche se non è cambiato nulla lo stesso.
    Come dire che l'autorità non è abbastanza o pe rnulla tale per far rispettare leggi e regolamenti.

    RispondiElimina
  2. E' PIU' CHE EVIDENTE CHE C'E' UN SISTEMA MOSTRUOSAMENTE E VOLUTAMENTE INEFFICIENTE NELLA RIMOZIONE DEGLI ABUSI. ORMAI E' SCRITTO SUI SASSI.

    RispondiElimina
  3. Questa stessa società è responsabile di altre numerosissime installazioni di accrocchi pubblicitari in violazione delle norme stradali più basilari, come in oscuramento di cratelli stradali, vicinanza di semafori etc.
    Ma che volete facce: a Roma, prima che si identifichino gli abusivi, ce deve scappa' un papa nuoco!

    RispondiElimina
  4. Sabato 13 ore 11:00 Piazza Cola di Rienzo MANIFESTAZIONE ANTICARTELLONI E PER LA SICUREZZA STRADALE.

    Info su Bastacartelloni.blogspot.com

    RispondiElimina
  5. Basta essere civili con questi delinquenti.

    RispondiElimina
  6. Sabato 14 (e non 13)

    RispondiElimina
  7. Ma che aspettiamo a stilare un elenco delle multinazionali che comprano spazi sulla cartellopoli romana? E poi gli si scrive di non acquistare più perché contribuiscono alla morte/incidenti/degrado della città. Ovviamente finché non si regolamenterà meglio la situazione.

    Mc Donald's
    Lottomatica
    quelle che vedo in questa foto.

    RispondiElimina
  8. Che dire, bordoni e alemanno aspettano un altra tragica morte contro questi catafalchi, due non sono bastate.

    DA VOMITARE.

    RispondiElimina