sabato 14 gennaio 2012

Scena del crimine a via Cola di Rienzo






Benissimo le manifestazioni, benissimo le richieste di dimissioni di Bordoni, peccato i famosi 15 mesi di ritardo di cui abbiamo già parlato. Facciamone comunque il più possibile. E magari promuoviamole insieme: noi ne abbiamo avuto notizia oggi.

10 commenti:

  1. Amici, basta guardare i reciproci siti -possibilmente- tutti i giorni.

    E' UNA GUERRA COMUNE!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  2. Lo facciamo quasi sempre, anzi abbiamo qui a destra il link al sito basta cartelloni. Ma questa, forse perché annunciata con poco anticipo, ci era proprio sfuggita. Basta Cartelloni che organizza una manifestazione e non avverte Cartellopoli è una cosa clamorosa. Ormai i nostri amici non ci sorprendono più, ma è veramente fuori dalla grazia di dio.
    Con un semplice post ieri avremmo potuto magari garantire l'arrivo di più persone, rendendo l'iniziativa ancora più efficace.

    Comportamenti incredibili si assommano a comportamenti incredibili. O forse siamo noi a non capirli.

    RispondiElimina
  3. Caro Tonelli, del tuo commento non convince la parola 'amici'. Gli amici si appoggiano, si spalleggiano, si criticano anche severamente. Ma gli amici non si accusano di nefandezze del tipo 'essersi venduti la delibera'. La correttezza viene prima di ogni altra cosa. E tra amici la correttezza è tutto. Mi sembra che il giorno della bocciatura della delibera questo blog sia stato assai poco corretto. Eticamente poco corretto. Poteva criticare, giudicare ma non precostituire una tesi assurda e malevola. Gli amici, se subiscono fuoco amico, diventano indifferenti. E l'indifferenza è peggio dell'odio!

    RispondiElimina
  4. Guarda anonimo (appunto!), ci sono stati comunicati stampa contenenti bugie e menzogne e mi è stato risposto "lo sappiamo che ci sono menzogne, ma abbiamo deciso di inviarli così". Ci sono personaggi che magari hai tenuto in braccio, sulle spalle, per 'battezzare' qualche cartellone che poi hanno passato i successivi mesi a scrivere che tu non sai fare altro che scrivere blog e non ti sporchi le mani, c'è gente che ha sentenziato la mia cattiva fede e il mio secondo fine in questa battaglia desumendolo dal fatto che sono arrivato tardi di 15 minuti ad un appuntamento, ci sono blog che censurano i link a cartellopoli, anzi c'è solo un blog che lo fa, ci sono queste e molte altre scorrettezze e infamie in giro, ma non sono mai provenute da qui.
    Da qui tante critiche, quando occorreva farle. Critiche a fin di bene, posizioni dure che andavano prese subito e che invece, con enorme danno per la battaglia di tutti, solo per il gusto di rifiutare i consigli e gli ammonimenti, sono state prese dopo 15 mesi come abbiamo dimostrato dati alla mano.
    Sulla delibera nessuna scorrettezza, purtroppo tutti sanno come è andata quella cosa. Abbiamo scritto che è stata l'ennesima strategia sbagliata, l'ennesima mossa non lucida. Mai parlato di cattiva fede.

    Le dimissioni di Bordoni andavano chieste nel 2010, a metà legislatura; non nel 2012 a fine dei giochi con i massacri già compiuti e, purtroppo, insanabili.

    Qui troverai tante critiche, mai menzogne, mai bugie, mai scorrettezze, mai colpi bassi, mai diffamazioni soprattutto. E mai azioni che potessero nuocere alla battaglia pur di togliersi uno sfizio personale. Per noi i nemici da cui guardarsi sono i mafiosi dei cartelloni, non gli altri blog.

    RispondiElimina
  5. In effetti basta vedere cosa è successo qui per capire certi modi di fare.....

    RispondiElimina
  6. L’anonimo delle ore 16,57 del 14.1.2012 sostiene che gli amici non si accusano di nefandezze del tipo 'essersi venduti la delibera' perché la correttezza viene prima di ogni altra cosa e tra amici la correttezza è tutto: arriva ad affermare che il giorno della bocciatura della delibera questo blog sia stato eticamente assai poco corretto. Dal momento che i post pubblicati sulla bocciatura della delibera sono stati soprattutto se non esclusivamente i miei, il commento mi chiama direttamente in causa e mi dà l’occasione di precisare una volta per tutte le ragioni che mi hanno portato a considerare ormai l’ex Comitato Promotore, ora “associazione Basta Cartelloni-Francesco Fiori”, un pericoloso avversario non tanto per la “strategia” fallimentare che ha fin qui portato avanti, ma per quella ancor più suicida che sta seguendo riguardo al PRIP.
    Dal momento che stiamo parlando di “correttezza” e di “etica” dell’informazione, l’anonimo dovrebbe chiedersi anzzitutto per quali ragioni su www.bastacartelloni.blogspot.com non è stata data la notizia della approvazione di un ordine del giorno, su cui il Comitato Promotore ha scatenato una feroce polemica per arrivare poi a dover ammettere testualmente che “riguardo invece all'ordine del giorno menzionato dallo stesso Cassone, esso è stata un'iniziativa della maggioranza su cui è stato chiesto il contributo del Comitato. Non potendo impedire alla maggioranza di procedere in tal senso, IL COMITATO HA CERCATO DI INSERIRE NELL'ORDINE DEL GIORNO QUANTI PIÙ ELEMENTI POSSIBILE PER IMPEGNARE LA MAGGIORANZA NEL PROSSIMO FUTURO”.
    L’anonimo dovrebbe chiedersi poi perché il Comitato Promotore, dopo che è stato pubblicato il comunicato stampa dell’On. Ugo Cassone che parlava dello stesso ordine del giorno "concordato con i Comitati dei cittadini", non abbia fatto un contro-comunicato stampa per confutare come non vere le dichiarazioni rese dal Presidente della Commissione Commercio.
    (per esigenze di spazio seguita nel commento successivo)

    RispondiElimina
  7. (seguito del commento precedente)
    Il 3 novembre scorso, 21 giorni prima quindi che venisse approvato quell’ordine del giorno “concordato”, avevo fatto presente per posta elettronica quanto segue ad uno dei più accaniti sostenitori del Comitato Promotore: “hai ammesso che l’approvazione di un ordine del giorno significa implicitamente una bocciatura della proposta di delibera che preferisci accettare addirittura in anticipo, prima ancora che sia avvenuta, per cui d’ora in poi non dovreste più’ dire in giro di essere un comitato ‘promotore’ di una delibera di iniziativa popolare, dal momento che vi siete trasformati di fatto in un comitato ‘promotore’ di un ordine del giorno di bocciatura della delibera….. TI RIBADISCO CHE SE SI PRETENDESSE UN VOTO ESPRESSO SULLA PROPOSTA DI DELIBERA, UNA SUA EVENTUALE BOCCIATURA IN UN MOMENTO COME QUESTO, DOPO CIOÈ L’INCIDENTE MORTALE DI IERI, AVREBBE PROPRIO QUELL’EFFETTO ‘POLITICO’ DEFLAGRANTE DI CUI HO PARLATO, MENTRE APPOGGIARE UN ‘ORDINE DEL GIORNO’ CHE – SULL’ONDA EMOZIONALE DI QUANTO E’ SUCCESSO – CONTENGA ANCHE QUALCHE VAGO IMPEGNO A GARANTIRE UNA MAGGIORE SICUREZZA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE SIGNIFICHEREBBE ALMENO PER ME DARE A QUESTA MAGGIORANZA UNA ‘SCAPPATOIA’ ED UN ALIBI PER RIMANDARE A TEMPO INDETERMINATO QUANTO MENO DELLE SUE PRECISE RESPONSABILITÀ’ CHE - OLTRE AD ESSERE OGGETTIVE – SONO INVECE IMMEDIATE ED INDEROGABILI.
    TI RIBADISCO CONSEGUENTEMENTE QUANTO SIAMO ORMAI DISTANTI, DAL MOMENTO CHE IO SCELGO SENZA SE E SENZA MA QUELLA CHE É STATA FIN DALL’INIZIO E DOVEVA RIMANERE FINO ALLA FINE LA 1° ED UNICA STRADA, MENTRE TU E CON TE IL COMITATO PROMOTORE ACCETTATE ORA LA 2° STRADA, QUELLA DELLA SCAPPATOIA COME PRESUNTA ED UNICA VIA D’USCITA….. PER LE RAGIONI CHE TI HO SPIEGATO NON É PROPRIO IL CASO CHE BATTIAMO IL FERRO TUTTI ASSIEME, SPECIE SE SI TRATTA DI BATTERLO COME INTENDETE FARLO VOI, DAL MOMENTO CHE LA INSANABILE DIFFERENZA TRA NOI STA PROPRIO NEL FATTO CHE VOI PENSATE DI OTTENERE SOLTANTO ‘QUALCOSA’, RINUNCIANDO ALLA FINALITÀ PER CUI VI FATE BELLI, MENTRE IO PUNTO COERENTEMENTE AD OTTENERE ‘TUTTO’, CONSIDERANDO TALE COME RISULTATO ANCHE UNA EVENTUALE BOCCIATURA, CHE DOPO L’INCIDENTE E LE INEVITABILI DENUNCE PENALI (FORSE ANCHE DI VAS) AVRÀ COMUNQUE L’EFFETTO DI UNA ‘SCONFITTA’ DELLA MAGGIORANZA DI FRONTE A TUTTA L’OPINIONE PUBBLICA.”
    (per esigenze di spazio seguita nel commento successivo)

    RispondiElimina
  8. (seguito del commento precedente)
    PER COME SONO POI ANDATE LE COSE, COME REDATTORE DEL TESTO DELLA DELIBERA DI INIZIATIVA POPOLARE RINFACCERÒ A VITA AL COMITATO PROMOTORE DI AVERMI TOLTO LA SODDISFAZIONE DI SAPERE COME SAREBBE ANDATO IL VOTO DEL CONSIGLIO COMUNALE SE NON GLI FOSSE STATO PERMESSO DI APPROVARSI PRIMA COME ALIBI QUEL RIDICOLO ORDINE DEL GIORNO.
    Sotto questo aspetto, a distanza di ormai più di 2 mesi mi sento di condividere in pieno l’Anonimo delle Ore 22,34 del 26.11.2011 che sul sito proprio del Comitato Promotore ha scritto il seguente commento: “Prima avete usato la mia firma per collaborare con Bordoni e Paciello, ora l'avete usata per scrivere un ordine del giorno agli amici dei cartellonari del pdl. La cosa che mi fa stare male è che l'avete fatto senza mai chiedermi come la pensavo (avevate la mia mail). Pensavo di avere contribuito a firmare un documento serio, oggi leggo che "non si può fare i duri e puri" e che bisogna stringere la mano a gente come Cassone. … La mia domanda reale è "COME POSSO TOGLIERVI L'AUTOREVOLEZZA CHE VI HO DATO CON LA MIA FIRMA"? COME POSSO RITIRARLA?”
    A distanza di ormai più di 2 mesi anche dall’incidente mortale della via Tuscolana, non posso non giudicare quella di ieri come una manifestazione a scoppio ritardato che andava caso mai fatta prima della votazione del Consiglio Comunale sulla proposta di delibera di iniziativa popolare e che ora viene invece sfruttata per sollecitare che venga calendarizzato il PRIP che nell’ordine del giorno concordato doveva avvenire entro la fine dell’anno scorso ed a cui si intendono dare molti “suggerimenti”, stando a quanto commentato da Fitzcarraldo.
    Colgo l’occasione per far sapere non solo all’anonimo che il Comitato Promotore, benché abbia dovuto ammettere a suo tempo il fallimento della “collaborazione” data al Comune e da allora sul proprio sito spari a zero contro Bordoni, chiedendone le dimissioni, dalla fine dello scorso mese di settembre ha avuto copia delle controdeduzioni alle osservazioni da lui presentate al PRIP dallo stesso dott. Paciello, che gliel’ha fornita gratuitamente senza farne richiesta ufficiale di accesso , a differenza invece di quanto ha dovuto fare il sottoscritto a cui sono state per giunta inizialmente negate e che le ha ottenute solo nello scorso mese di dicembre.
    Nel caso che l’anonimo non sia uno dei membri sostenitori della suddetta associazione, invito lui e chi legge ad andarsi a vedere i 22 commenti pubblicati sul post relativo al PRIP che lo scorso 4 gennaio 2012 è stato pubblicato su www.bastacartelloni.blogspot.com: faccio presente che l’associazione “Basta Cartelloni-Francesco Firoi” mi ha invitato “a tenere ben distinte e separate le sue iniziative e quelle di VAS, rispetto a quanto messo in atto da questa Associazione” dopo avermi cassato i miei ultimi due commenti.
    Se non mi verranno cassati anche dal responsabile di questo sito, li riporto di seguito per opportuna informazione di tutti.
    (per esigenze di spazio seguita nel commento successivo)

    RispondiElimina
  9. (seguito del commento precedente)
    Il commento che segue è quello dapprima pubblicato su www.bastacaartelloni.blogspot.com, ma subito dopo cassato dai responsabili del sito)

    MAI SU QUESTO BLOG SONO STATI PUBBLICATI POST DI DERISIONE, INSULTO O DIFFAMAZIONE NEI SUOI CONFRONTI O DEL BLOG CON CUI COLLABORA – Vero per quanto riguarda i post di questo blog, che il 10 ottobre 2011 mi ha addirittura pubblicato la lettera-diffida che ho trasmesso all'On. Cassone per ribattere alla sua grave dichiarazione sulle illegittimità che sarebbero contenute nella proposta di delibera di iniziativa popolare: in tal modo il Comitato Promotore si é risparmiato di fare quello che peraltro spettava anche a lui, forse prima di me.
    Falso invece per i commenti ai post. Fra quelli relativi al Comunicato Stampa sulla bocciatura della proposta di delibera c’è quello delle ore 00,42 del 26.11.2011: “noi ci mettiamo, cuore, faccia, impegno. E tu lo sai bene. Qualcun altro solo veleno, diretto a noi invece che ai veri nemici che tu giustamente indichi. Sarà ora che questo qualcuno la pianti o no? O forse visto che non lo ha capito con le buone lo capirà in Tribunale???”.
    Già un anno prima, come reazione sempre a delle mie critiche all’operato del Comitato Promotore che non condividevo, per posta elettronica un certo signore mi aveva scritto che il giorno dopo sarebbe andato alla Procura della Repubblica per denunciare sia me che l’associazione VAS.
    Su www.cartellopoli.net é stato pubblicato un mio post dal titolo “genesi di un ordine del giorno tripartisan” che se non altro faceva sapere che il 24 novembre scorso c'é stata l'approvazione di un ordine del giorno di cui su questo blog non é stato ritenuto di dare notizia alcuna e di cui ho ricostruito in modo dimostrato come é venuto fuori.
    Ad un precedente post che aveva pubblicato il comunicato stampa di Cassone che parlava dello stesso ordine del giorno "concordato con i Comitati dei cittadini" Nokia1 ha fatto il seguente commento delle ore 17,06 del 25.11.2011: "Mi fa piacere notare che qui si aggirano dei futuri Gianni Letta: vuole dire che se anche Monti toppa, verranno proposti come futuri Presidenti del Consiglio.
    Troppo spesso si leggono commenti di gente che fa i conti senza l'oste, ebbene dopo che vi siete sciacquati la bocca, andate dai soliti esponenti della maggioranza a dirgli che non volete cartelloni e bancarelle, e vedete voi se riuscite a convincerli". Fra i commenti del 26.11.2011 ce ne sono stati 3 separati che hanno voluto far presente 3 precisi articoli del Codice Penale secondo i quali nel suddetto post si ravviserebbero gli estremi dei reati di violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza, nonché di diffamazione aggravata a mezzo stampa, di cui sarebbero responsabili anche il direttore o vice-direttore responsabile del sito www.cartellopoli.net per aver pubblicato il mio articolo.
    Un anonimo delle ore 22,34 del 26.11.2011 su questo blog ha scritto: “Vi conosco tutti e relativamente bene, non metto la mia firma perché dopo le minacce a Alessandro ed all'Architetto Bosi mi fate realmente PAURA”.
    (per esigenze di spazio segue nel commento successivo)

    RispondiElimina
  10. (seguito del commento precedente)
    (ultimo commento che Bosi aveva preparato, ma che ha dovuto rinunciare a fare dopo l’invito ad evitare di pubblicare i propri contributi su www.bastacartelloni.blogspot.com)

    Visto che il seguito all’ultimo mio commento delle ore 10,59 è stato cassato (perché forse non ne sono piaciuti i contenuti) e dopo ben 8 commenti non c’è stato nessuno che si sia degnato di avere la correttezza di rispondere nel merito delle importanti questioni che ho sollevato, propongo di cambiare la scritta “posta un commento” in “posta un elogio o una lode sperticata (se vuoi essere preso in considerazione)”.
    Mi ripropongo d’ora in poi di non intervenire più su questo blog, come del resto mi ero ripromesso dopo il 24 novembre.
    Se l’ho fatto non è di certo per “cercare SISTEMATICAMENTE di demolire chi ha idee diverse”, come pensa invece Fitzcarraldo che mi considera così meschino in modo talmente prevenuto da mettere del tutto in secondo piano qualunque altra cosa potessi aver detto, senza mai chiedersi quanto serva ad una causa comune demonizzarsi l’un l’altro .
    Siccome però ha tenuto a precisare che OGNUNO PERCORRA LA STRADA CHE RITIENE MIGLIORE SENZA PERDERE TEMPO A CERCARE DI DELEGITTIMARE CHI ONESTAMENTE E DISINTERESSATAMENTE (e sottolineo disinteressatamente..) COMBATTE QUESTA BATTAGLIA PER IL BENE COMUNE E PER ROMA ed a ribadire che OGNUNO PROSEGUA CON LE SUE FORME DI LOTTA SENZA PENSARE DI ACCRESCERE LA SUA CREDIBILITA' TENTANDO DI DELEGGITTIMARE GLI ALTRI SOGGETTI, prima di congedarmi del tutto ci tengo a spiegare a tutti il serio motivo per cui ho ritenuto di dover fare per correttezza questo mio intervento come ultimo tentativo, prima di essere costretto a dover combattere anche contro questa associazione, oltre che contro il nemico vero e proprio.
    Usando le stesse parole del commento di Ale 77 delle ore 14,46 del 28.11.2011 mi TROVO COSTRETTO A SPECIFICARE A CHIARE LETTERE CHE IO STO PARLANDO ED HO SEMPRE PARLATO DI SCELTE STRATEGICHE E NIENTE ALTRO: come si fa a non capire che se a questa maggioranza politica ci si presenta con 2 posizioni diverse sul PRIP, per giunta antitetiche, la perdita di credibilità sarà per entrambi e farà proprio il gioco del nemico ?
    Se dovrò comunque cercare di convincere la parte politica ad approvare un PRIP con delle Norme Tecniche di immediata Attuazione che disciplinino sia l’immediato che il futuro nel modo che ho proposto e che mi sembra peraltro quasi lapalisiano nella sua più che logica necessità, sapendo che c’è una associazione che mi manda a monte tutto questo perché continua a fare ostinatamente la scelta strategica di norme transitorie che è stata già sposata da Cassone e dalla sua maggioranza, perché lascia di fatto la situazione così com’è, dovrò considerala una pericolosa “concorrente” se non una vera e propria avversaria, a cui non bisogna stavolta fare più sconti e soprattutto permettere che consenta nuovamente l’approvazione del contentino di un altro ordine del giorno che contenga le stesse promesse di pinocchio di quello concordato il 24 novembre scorso.

    P.S. - Ringrazio questo sito per avermi concesso lo spazio che mi é stato "democraticamente" negato sull'altro sito e che mi ha permesso di chiarire la mia posizione, spero una volta per tutte.

    RispondiElimina