sabato 28 gennaio 2012

Si ripulisce la Tuscolana da Porta Furba a Cinecittà

 
 
 
Rimozioni che sembrano essere a cura della CERERE IMMOBILIARE APPALTI C.I.A. SRL  quindi, purtroppo, effettuate con i nostri soldi.
Poi sbagliamo o la magistratura inizia a fare molta paura a qualcuno???
Foto Willy

10 commenti:

  1. VIENE RISPETTATO ?

    emendamento alla prop di delibera 43 del 2011:

    "....le indennità si applicano inoltre agli impianti pubblicitari che risultino acquisiti al patrimonio comunale ai sensi del combinato disposto etc...tali impianti sono automaticamente inseriti al patrimonio e nella gestione del circuito pubblicitario comunale SPQR, sino alla loro effettiva rimozione. Le maggiori entrate reperite con la procedura di cui sopra saranno destinate alla rimozione degli impianti pubblicitari abusivi."



    Cioè l'impianto della ditta diventa del Comune se, dopo 1 mese dalla sanzione elevata e intimazione di rimozione, questa non viene fatta...l'impianto allora diventa SPQR ! A quel punto il comune manda la sanzione all'inserzionista e i soldi ricavati devono essre destinati esclusivamente, per legge, alla rimozione dell'impianto. RIMOZIONI A COSTO ZERO !
    Nokia1

    RispondiElimina
  2. Ahahaha con bordoni che fa il bello e il cattivo tempo? Vogliamo affrontare con lui seriamente la situazione? MA MI SI FACCIA IL PIACERE. E il sindachetto che fa? La magistratura ancora dorme?

    RispondiElimina
  3. ma alla fine della rimozione, quanti impianti rimarranno sullo spartitraffico della tuscolana...per legge dovrebbero essere ZERO vista la larghezza dello stesso.....ma a roma vi sono le ditte cartellone "figliastre" che subiscono le rimozioni, quelle quelle "naturali" che misteriosamente hanno i loro impianti mantenuti in loco in violazione del codice della strada e quindi gli viene concessa la LICENZA DI UCCIDERE e le ditte cartellone "figlie riconosciute come naturali" che vengono per tempo avvisate da qualche fantasmino dell'assessorato di Bordoni in modo che possono togliere spontaneamente gli impianti per poi ricollocarli allo stesso posto pochi giorni dopo la bonifica......viale marconi docet!!!!!
    Meditate gente, meditate.......!!! manusardi

    RispondiElimina
  4. Che c'entra Bordoni ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico della Città29 gennaio 2012 00:06

      Bordoni è il primo responsabile dello scempio di questi ultimi 4 anni ormai. Ed è la peggior specie politica del peggior PdL. Ha fatto Estromettere il dirigente delle AA.PP. come caprio espriatorio, da una indagine di un funzionario capitolino e non dalla latitante magistratura, per pararsi da future illazioni sul suo operato.

      Elimina
  5. A norma di regolamento devono fare tabula rasa di oltre 3 km di spartitraffico
    Ci sarà da ridere, se ne salvano qualcuno, nel sapere quale sarà la giustificazione .....
    Marco1963

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Marco1963, mi piacerebbe conoscere la giustificazione di viale marconi, dove tra figli naturali e figli naturalizzati di Bordoni, di impianti pubblicitari sullo spartitraffico centrale ne sono rimasti una cinquantina!!!!!! Perché VAS non prova a chiedere spiegazioni a Bordoni?
      manusardi

      Elimina
  6. QUALCUNO PUO' MONITORARE LO SPARTITRAFFICO DOPO LE RIMOZIONI ?

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  7. A rigore e in base al Codice della Strada non ne deve rimanere neanche UNO, e dico UNO.
    Sarà interessante vedere quali rimangono... e magari chi abita in zona potrebbe segnare i codici dei superstiti così facciamo fare una bella segnalazione a Bosi e a VAS.

    RispondiElimina
  8. Alzare le chiappe, please!30 gennaio 2012 13:34

    Qualcuno può monitorare lo spartitraffico..così facciamo fare una bella segnalazione a VAS..
    E si..c'è sempre qualcuno che deve FARE e tanti scrivere al PC col culo sulla sedia

    RispondiElimina