giovedì 23 febbraio 2012

Le chiacchiere stanno come sempre a zero caro Onorato

 
Il piano regolatore delle affissioni da telenovela si è trasformato in una barzelletta: ci sono voluti anni prima che vedesse la luce, e non ha fatto in tempo ad essere presentato che il Sindaco lo ha rispedito in Commissione. Fa bene Alemanno: se ci sono dubbi o incertezze è meglio aspettare un altro mese piuttosto che emanare un provvedimento dannoso che darebbe il colpo di grazia alla città. Adesso che è stato smentito anche da Alemanno l’assessore Bordoni non ha più alcuna credibilità: nonostante tutti i suoi sforzi, non è assolutamente in grado di portare al settore un minimo di regolamentazione e legalità. Per lui è davvero arrivato il momento di presentare le dimissioni e uscire di scena.

Così scrivera il 18 gennaio scorso il Consigliere Comunale Alessandro Onorato sul suo profilo facebook.
Parla di regolamentazione e legalità (cosa che a noi, sia chiaro, non può che far piacere) ma certo che se poi si serve degli impianti comunali per farsi pubblicità abusiva (naturalmente su quei manifesti non è presente nessun timbro del Comune di Roma) come si può prenderlo sul serio?
Ricordiamocene alle prossime elezioni.

Nessun commento:

Posta un commento