venerdì 24 febbraio 2012

Nel pieno di una strada che qualcuno chiama ancora la vetrina più lunga d'Europa. Atroce. Siamo ai cartelloni geneticamente modificati


Perchè limitarsi a installare un cartellone a 5 metri da un semaforo e a 6 da un incrocio?
Perchè limitarsi a non indicare nella targhetta identificativa dell'impianto dove questo si dovrebbe trovare?
A questo punto facciamo pure una sopraelevazione del cartellone, così non solo copriamo meglio il semaforo ma con un cartellone possiamo pubblicizzare due negozi!
Solo a Roma accade questo.
Solo in via Appia Nuova, angolo via Faleria, IX municipio, con il cartellone n. 0126/BI396/P

Andrea 

Aggiornamento - Impianto segnalato con un messaggio di posta elettronica inviato da VAS Roma martedì 20 marzo 2012 a: segnalazioniaffissioni@comune.roma.it; polmunicipaleseg09@comune.roma.it; polmunicipaleseggssu@comune.roma.it; davide.bordoni@comune.roma.it; assessorato.ambiente@comune.roma.it; info@aequaroma.it; cesare.tabacchiera@comune.roma.it; picsdecoro@libero.it; antonio.dimaggio@comune.roma.it; claudio.saccotelli@comune.roma.it

6 commenti:

  1. ...che la targhetta non riporti il codice della ditta non lo fate notare....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amico della Città26 febbraio 2012 12:18

      Il codice ditta c'è... E' 0126. Peccato che a quel codice non corrisponde nessuna Ditta e probabilmente nessun impianto censito

      Elimina
  2. Bene allora sono tutti autorizzati a passare col rosso, tanto non vi possono multare...cioè possono pure, ma se voi fate una bella foto, e dimostrate che il semaforo non si vede ad una corretta distanza (quella specificata nel codice della strada) la multa non la pagate.

    Chiaramente è una provocazione, ma era solo per dire che oramai la "legalità", a Roma, è una parola quasi svuotata di ogni significato.

    RispondiElimina
  3. Bene allora sono tutti autorizzati a passare col rosso, tanto non vi possono multare...cioè possono pure, ma se voi fate una bella foto, e dimostrate che il semaforo non si vede ad una corretta distanza (quella specificata nel codice della strada) la multa non la pagate.

    Chiaramente è una provocazione, ma era solo per dire che oramai la "legalità", a Roma, è una parola quasi svuotata di ogni significato.

    RispondiElimina
  4. Ma la Fantino dov'è ?
    Esiste ?

    RispondiElimina
  5. Ringraziamo bordoni e il sindachetto. Che schifo.

    RispondiElimina