giovedì 9 febbraio 2012

Presidente Giannini piazza Irnerio ha bisogno di lei

 
 
 
 
Oggi i blog basta cartelloni e cartellopoli aprono con le rimozioni al XVIII°.
Per rimanere in tema in allegato alcune foto di piazza Irnerio dove, approfittando dei lavori di riqualificazione, un intervento sarebbe auspicabile. Sugli spartitraffico sono tutti platealmente irregolari.
Sulle aiuole è più complicata la valutazione ma ad occhio e croce vedo un certo affollamento.
Stefano

5 commenti:

  1. Ho visto le foto di giannini "un uomo un propagandista", ahahah che ridere, hanno rimosso (almeno quello nella foto) un cartello VUOTO e inutile che stava lì da mesi e prima o poi sarebbe caduto da solo, mentre a poche centinaia di metri ci sono fior di obbrobri piccoli e grandi (sia vuoti che pieni), per esempio tutta la porcheria nell'aiuola spartitraffico di via Gregorio XI, che ovviamente non sono stati nemmeno sfiorati.
    Ma mi faccia il piacere !
    Marco1963

    RispondiElimina
  2. Ciao Marco, che un politico si faccia della propaganda mi pare talmente scontato che è inutile ribadirlo. Secondo me, per quanto comunque limitati i poteri del municipio, Giannini è uno che nel quartiere si da da fare. Sabato 25 ci sarà un nuovo decoro day al pineto, magari vieni anche tu, una mano è sempre gradita.
    Stefano

    RispondiElimina
  3. Italiani panciafichisti9 febbraio 2012 15:41

    Stefano non ti illudere.
    Sono capaci solo di venire qui, abbaiare contro tutto e tutti (ieri c'era un idiota che vpleva "dare fuoco") ma rimboccarsi le maniche e FARE... NO..CHE SEI MATTO? La neve la deve spalare tutta Alemanno e io "ciò dirittooooo" e me ne sto col culo al caldo mentre la neve davanti al portone diventa ghiaccio.

    RispondiElimina
  4. E' INCREDIBILE COME QUESTI BANDITI CARTELLONARI ABBIANO DETURPATO MASSACRANDOLA IMPUNEMENTE TUTTA ROMA.

    SEMPLICEMENTE INCREDIBILE!!

    Mc Daemon

    RispondiElimina
  5. I Cartelloni a Piazza Irnerio vanno rimossi!!!! Solo noi romani possiano stare zitti davanti a questo scempio!!! Siamo proprio delle capre e ci meritiamo lo schifo di città in cui viviamo.

    RispondiElimina