domenica 1 aprile 2012

Tranquilli questa è gente di cui fidarsi. Siamo in ottime mani

Piazzale di Porta Pia
Chiediamo ai lettori di dare un voto da meno dieci a trenta sul tasso di credibilità di quest'uomo che discetta di affissioni (vedi post precedente) e al contempo incarta la città di manifesti abusivi con messaggi deliranti.

16 commenti:

  1. Certo, a questo personaggio sta molto a cuore la questione del Tibet....buffone! L'ipocrisia della destra....

    RispondiElimina
  2. BUFFONE, LE ELEZIONI SONO VICINE!

    RispondiElimina
  3. POVERO TIBET, JE CE MANCAVA ST'ARTRA DISGRAZIA!

    A Casso',ma popo popo nun te vergogni?? popo popo noooooooooo?????

    RispondiElimina
  4. La credibilità di questo cassone, così come quella del sindachetto, è pari a ZERO.

    RispondiElimina
  5. Ma Cassone si scrive con due S o con due Z?
    Cmq denunciato la mattina seguente all'affissione selvaggia ai PICS.

    RispondiElimina
  6. Cassone avvelena anche te: digli di smettere. Ha incartato luoghi dove l'affissione è vietata e sui manifesti sulle plance SPQR i poster deliranti erano tutti privi di bollo. Insomma, il Presidente (!!) della commissione commercio che si occupa anche di affissioni fa affissioni abusive a danno del Comune che amministra. Bravo Benny!
    Ah, dimenticavo, mentre il sindachetto dice che bisogna bloccare le affissioni abusive "politiche" con un patto. Aribravo Benny

    RispondiElimina
  7. veramente ridicoli!! il sindaco fa il video contro le affissioni abusive da una parte, quell'altro riempie la città coi manifesti abusivi dall'altra...ma dove l'hanno presi questi? ridicoliiiiiiiiii

    RispondiElimina
  8. Ma il governo è stato informato di questa iniziativa di cassone?
    Dal sole 24H:
    Monti: gli investimenti cinesi sono un indicatore delle riforme, per la crescita valgono quanto lo spread
    Sullo stato di salute dell'economia italiana gli investimenti provenienti dall'estero - e la Cina è in prima linea - influiscono tanto quanto lo spread, il famigerato differenziale tra Btp italiani e bund tedeschi. E nei prossimi anni i primi potrebbero avere un ruolo più risolutivo dei secondi. È questa la sensazione che il presidente del Consiglio Mario Monti ha maturato a seguito degli incontri di questi giorni nei principali Pesi dell'Est asiatico.

    RispondiElimina
  9. Siccome il PRIP è un capolavoro e a Roma non c'è niente da fare, gli amministratori della Giunta Bordoni si occupano di qualcosa di vicino alla vita quotidiana dei cittadini... la roba cinese no, però tutta la merdaccia che gira sulle bancarelle va benissmo, anzi mettiamone qualcuna in +

    RispondiElimina
  10. E poi, aggiungiamoci anche tutta la roba made in china che vendono i bancarellari, mutandari, camio bar e similari di cui Roma è strapiena e comtrollati in gran parte da qualcuno in giunta.... Una città da vomitare.

    RispondiElimina
  11. Infatti sono gli ultimi che dovrebbero dire di boicottare la roba cinese.
    Che poi che boicotta...ormai è tutto cinese pure monti è cinese :-)

    RispondiElimina
  12. Il "signor" ugo cassone ha un sito internet http://www.ugocassone.com
    una canale YT http://www.youtube.com/user/ugocassone
    e una pagina facebook http://www.facebook.com/ucassone

    se volete sfogarvi...

    RispondiElimina
  13. http://www.flickr.com/photos/61435911@N08/5827524035/in/photostream/

    E ho detto tutto.

    RispondiElimina
  14. Questa la mail che abbiamo appena mandato al Sindaco Alemanno, per quello che può valere. Almeno non potrà dire che non lo sapeva.

    Egregio Sindaco Alemanno,
    l'invasione di manifesti abusivi che il consigliere Cassone ha messo in atto in tutta la città in barba alle regole, al decoro, alla dignità della propria funzione istituzionale e anche alle Sue parole del giorno prima che chiedevano proprio il rispetto della legalità e con forza invitavano civilmente di evitare le affissioni abusive, è un atto incivile, inqualificabile a illegale.

    Il fatto è stato segnalato da noi e da molti altri cittadini alle autorità competenti, in primis al PICS decoro, al quale chiediamo di intervenire nell'ambito delle proprie competenze e responsabilità con tutte le azioni del caso.

    Chiediamo con forza che sia rimosso o indotto a dimettersi dalla Presidenza della Commissione Commercio per evidente incompabilità con il ruolo istituzionale che ricopre. Rimaniamo fiduciosi in un intervento da parte Sua, in quanto temiamo che il consigliere Cassone non abbia la sensibilità di farlo da solo.

    Distinti Saluti

    Roberto Crea
    Coordinatore Assemblea "Roma Centro" - Cittadinanzattiva

    RispondiElimina