domenica 13 maggio 2012

E' ripartito il disco Cassone. Per favore qualcuno insegni a questo tizio ad usare Street View

Roma, 11 mag. -(Adnkronos) - "Il collega De Luca, prima di presentare denunce o esposti vari, dovrebbe ricordarsi che la situazione di caos sulla questione cartelloni e' stato il risultato dell'immobilismo delle giunte Rutelli-Veltroni". Lo ha dichiarato il presidente della Commissione commercio di Roma Capitale, Ugo Cassone.

"Inoltre, a parte le belle parole - ha aggiunto Cassone - in pratica il Pd non sta facendo nulla di concreto per dibattere e votare il piano regolatore che, con la sua definitiva approvazione, potra' sanare queste criticita' che, ribadisco, abbiamo ereditato. Condivido poi l'impegno del sindaco Alemanno che continua la sua opera di contrasto giornaliero al fenomeno dell'abusivismo. Proprio in aula vedremo chi e' realmente a favore del contrasto al degrado e chi invece e' pronto solamente a fare demagogia e propaganda personale e politica".

http://www.liberoquotidiano.it/news/1012347/Roma-Cassone-Pdl-caos-su-cartelloni-colpa-giunte-Rutelli-e-Veltroni.html

7 commenti:

  1. A Casso', ABBIAMO GIA' VISTO IN AULA CHI E' A FAVORE DEI CARTELLONARI.

    E TU E BORDONI SIETE SOLO DALLA PARTE DEI CARTELLONARI!

    RispondiElimina
  2. La credibilità si questo cassone è pari a ZERO.

    RispondiElimina
  3. CAXXONE? Fa rima con qualche epiteto poco lusingiero....

    RispondiElimina
  4. Più che Cassone...a Cassaroo

    Cque anche il Pd sta facendo la sua porca fifura..di merda !!

    RispondiElimina
  5. Che buffone... Ereditata? Da Street View purtroppo si vede benissimo che i cartelloni a Roma dal 2008 ad oggi sono centuplicati.

    RispondiElimina
  6. Cazzone ha ragione,
    la giunta precedente si è contraddistinta per immobilismo, infatti la situazione era congelata, BORDONI invece si è contraddistinto per attivismo, a favore dell'economia del degrado a lui tanto cara ovviamente.
    E anche su un'alta cosa ha ragione: è in aula che si vede chi è a favore del decoro e chi no, lui lo sa bene, avendo fatto bocciare la delibera di iniziativa popolare che avrebbe messo un primo tassello per la risoluzione del problema.
    In un'interveista di maggio 2010 BRODONI annunciava che ento fine anno (2010) il problema sarebbe stato risolto... mi pare che siamo nel 2012, ma se non ricordo male Caxxone dopo la bocciatura della delibera popolare andava trobfio ad annunciare alle agenzia di stampa che però avevano approvato un ordine del giorno per cui entro fine 2011 il PRIP sarebbe stato discusso.... mi pare che siamo sempre nel 2012.. cmq meglio che non sia stato discusso tanto fa cagare.

    RispondiElimina
  7. Purtroppo per come è il PRIP rischia di essere vero quanto dici: meglio che non si discuta e che tutto venga preso in mano da un'altra amministrazione. Non ci interessa se di sinistra o di destra, ma ci auguriamo meno fiancheggiatori della camorra.

    RispondiElimina