mercoledì 23 maggio 2012

Il lavoro è completato

Il sito del ristorante Le Garage nella home page apre con la dicitura: "Un angolo di New York sul centro di Roma, senza pensare al parcheggio".
Sinceramente non crediamo che in qualsiasi angolo di New York possa essere tirato su un mostro simile senza che tempo due ore venga buttato giù a furor di popolo. Ma d'altronde siamo a Cartellopoli.
Qui le foto dell'avanzamento lavori.

11 commenti:

  1. Orrendo XD Come cazzo si fa ad andare a magnare in un garage. Romani, porcatroia ma come state LOL

    RispondiElimina
  2. Ho come il sospetto che il cartellone sia lo stesso rimosso pochissimo tempo fa - o forse pochi giorni or sono - nella vicinissima via Pacinotti, all'imbocco del Ponte di Ferro, sulla rotonda ad angolo con il lungotevere Gassman. A memoria l'impianto sembra esattamente lo stesso e, se così fosse, tutto ciò pare un tentativo di far capire chi davvero comanda il territorio.
    Carlo

    RispondiElimina
  3. Sarà una delle geniali "ricollocazioni" di bordoni!?

    Certo è che a Roma viene rovinato tutto compreso quel poco di nuova architettura che viene realizzato, apprezzabile specialmente in un momento di crisi come questo!!

    bordoni e alemanno hanno distrutto Roma!

    RispondiElimina
  4. Per la verità siamo già alla terza o quarta affissione su questo catafalco ILLEGALE.
    MG attenti, risciate nuove denunce.

    RispondiElimina
  5. Non capite un CAZ.....!!!! :)))))))))) il comandante Di Maggio sta togliendo qualche decina di cartelloni abusivamente autorizzati dagli ex Rutelli e Veltroni ed ora da AleDanno, e quindi cosa fa il comune? autorizza centinaia di nuovi impianti per compensare le rimozioni "selvagge" dei Vigili Urbani :)))) Addirittura stanno sbucando a decine e decine nuovi impianti di proprietà diretta del Comune di Roma..sono come delle grigie lapidi cimiteriali 1,5x1 posti per verticale con due piedi e un pericolosissimo vetro posto a circa 1 metro di altezza......2 in via laurentina, 3 attaccati in viale dell'oceano atlantico, ecc ecc.....mannaggia a sti vigili che tolgono i cartelloni, ora tocca rimetterli tutti in doppia misura ahahahahaha. Manusardi

    RispondiElimina
  6. Devono pagare fino in fondo la cambiale alla mafia.
    L'unica speranza che ci rimane è uno tsunami politico che spazzi via come a Parma una classe politica incapace,miope,impreparata, collusa e corrotta.
    Stendiamo un velo pietoso sulla cosiddetta opposizione.
    Tutti a casa, a lavorare..se ne sono capaci.
    E chissà che il mutato clima politico non apra gli spazi per un pool di magistrati che finalmente scopra tutte le porcherie di cui è stata capace questa gentaglia e li sbatta in galera.
    L'ultima vergognosa presa per il culo si chiama PRIP..il piano regolatore degli impianti pubblicitari..maddeché, ma quando, ma come, BUFFONI INFAMI

    RispondiElimina
  7. Manusardi, quelli tipo via Laurentina NON sono del Comune ma di qualche ditta di banditi che ILLERGITTIMAMENTE si fregia del marchio SPQR.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora so di che ditta sono..la famigerata SCI, perché assomigliano molto a quelli + grandi che 1 anno fa hanno invaso a migliaia Roma......tutti con targhetta NBD di AleDanno-Bordoni ovviamente.....sia mai che sono abusivi, sono invece tutti ABUSIVAMENTE LEGALIZZATI dal comune :)
      Manusardi

      Elimina
  8. Si, e'molto probabile che siano della SCI (almeno ora si vergognano di scriverlo e si nascondono facesndo sacrilegio con SPQR).
    SONO SOLO BANDITI!

    RispondiElimina
  9. Non vi seguo, senza polemica, ma che problema c'è con il parcheggio ed il relativo ristorante di cui mostrate l'immagine?
    Io penso che, a prescindere dal gusto architettonico, in quella zona un garage sia una mano santa, o no?

    RispondiElimina
  10. Bella foto di un'architettura sorprendente. Vero stile americano!

    RispondiElimina