giovedì 3 maggio 2012

Si è parlato di cartelloni ieri mattina a "Buongiorno Regione Lazio"


Bene Roberto Crea che dice che non c'è nessuna vittoria da festeggiare. Per fortuna. Bene Crea che parla delle risorse sciupate. Come, purtroppo, spesso accade, male Tomassi che risponde "esatto!" quando gli si chiede conto dei 32mila impianti a Roma. Lì serviva far notare che se fossero veri i 32mila impianti, a Roma ve ne sarebbe uno ogni 4 ettari. Vi pare possibile? Bella occasione perduta! Bene Tomassi sull'ordinanza sulle ricollocazione, ma non è quello di certo il problema. Bene Lazzaro Pappagallo, da studio, che cita indirettamente Cartellopoli (geniali i nostri "colleghi" a fare finta che non esista. Davvero geniali: questo giova a qualcuno?) e che cita la situazione di Parigi, mai che i nostri "colleghi" si azzardino a citare le cose che hanno risolto questo problema nelle altre città: bando pubblico e internazionale e drastica riduzione delle ditte operanti. Fa paura parlare di queste cose, anche se sono le uniche nostre salvezze, solo perché le ha dette Cartellopoli? Si può investire tempo per accennare all'ordinanza sulla ricollocazione e si lascia al conduttore da studio la citazione sul confronto Roma-Parigi? Perché?
Bene Crea e Tomassi che non si fanno inquadrare insieme a Cassone, sul quale non commentiamo.

8 commenti:

  1. Che ne dite di contare i cartelloni, non tutti ma almeno quelli sulle grandi vie di comunicazioni o sulle vie che percorriamo tutti i giorni per andare e tornare al lavoro?

    RispondiElimina
  2. In riguardo al piano regolatore avete notato che Cassone ha specificato "con le norme transitorie". Mi chiedo il perchè?

    RispondiElimina
  3. Perchè sa benissimo che con le norme transitorie non cambia un cazzo.

    RispondiElimina
  4. A Casso', in I Municipio i cartelloni non ci debbono proprio stare!!

    Avete gi{ distrutton (anche) i piu' bei quartieri di Roma, non vi basta ??!!!!

    RispondiElimina
  5. questi lavorano per non cambiare un cazzo con quale faccia continuano ad andare in tv a dichiarare il contrario, mentono sapendo di mentire

    RispondiElimina
  6. Meravigliosa la conduttrice che prima cita i 400 e le 4, poi dice "ma andiamo avanti e parliamo della soluzione del problema"
    Palese dimostrazione che non ce capisce un cazzo.
    L'hai appena detta, la soluzione, 'gnorantona !
    4 ditte, e punto.
    Marco1963

    RispondiElimina
  7. Capisce, capisce. Non è questione che non capisce, è questione che lavora per il TGR-Roma, già ribattezzata Tele Alemanno. Avete notato tutti come cerca di interrompere i pareri contro l'amministrazione.

    RispondiElimina
  8. Allora è anche peggio.
    Marco1963

    RispondiElimina