mercoledì 9 maggio 2012

Una buona idea da mettere nel form del Governo

Appena inviata mediante il form sul sito governo.it:

Mi rivolgo a codesto spettabile Governo per segnalare la situazione, drammatica, delle pubbliche affissioni in tutta Italia.
Eccetto rari esempi virtuosi (Milano, Torino, Ravenna, ad esempio), in particolare da Roma in giù, la cartellonistica pubblicitaria stradale, il c.d. "outdoor", invade completamente le strade delle città come quelle extraurbane, senza alcuna regola, senza alcun freno, ma soprattutto senza il corrispettivo incasso da parte delle Amministrazioni competenti per la singola strada del relativo canone di concessione.
Si stimano centinaia di milioni di euro persi di canoni, in questo assurdo e incivile fenomeno che tra l'altro distrugge uno dei valori aggiunti, del nostro bellissimo Paese, il paesaggio.
Quindi chiedo, di applicare, urgentemente, la stessa normativa vigente negli stati più evoluti (Germania, Austria, Francia, ecc.), opportunità peraltro già prevista nell'ambito della liberalizzazione dei servizi pubblici economici di interesse locale di cui ai decreti dell'autunno 2011, ovvero privatizzare il servizio di pubbliche affissioni urbane ed extraurbane a gara europea, con lotti geograficamente più o meno grandi a seconda della città o area geografica interessata, in quanto tale gestione dimostra che a fronte di un canone versato, il concessionario privato avrà tutto l'interesse a rimuovere la cartellonistica abusiva in favore dei suoi soli impianti regolarmente autorizzati.
Si risparmieranno così inoltre anche i costi delle rimozioni (mediamente 250 euro a impianto nel comune di roma), costi totalmente inutili in quanto di solito ad un impianto rimosso ne corrispondono 1-2-3 nuovamente reinstallati (a roma in alcuni casi si è documentato anche il numero di 10 !!! fonte: www.cartellopoli.net), in quanto l'assenza di controlli è totale.
Certo della presa in considerazione della mia proposta, porgo i miei più cordiali saluti.

3 commenti:

  1. Mandato anche un appello affinchè le rimozioni le paghino le ditte !

    RispondiElimina
  2. Speriamo lo leggano.

    Bravo!

    Mc Daemon

    RispondiElimina