domenica 10 giugno 2012

"Basta cartelloni e degrado" sit-in a Castel Sant'Angelo

"Ieri bellezza, oggi abusi, degrado e illegalità. Basta offese a Roma" e "Invasione cartelloni, stupro della città". Davanti a Castel Sant'Angelo è andata in scena l'ennesima protesta contro gli impianti illegali sparsi in ogni angolo della capitale. A scendere in strada a invocare più decoro sono stati, ancora una volta, gli esponenti del comitato "Basta cartelloni" insieme alla presidente del XVII municipio, Antonella De Giusti. Con alle spalle la cupola di San Pietro hanno rimosso un cartellone abusivo in largo Giovanni XXIII

Repubblica Roma

15 commenti:

  1. vi inoltro il link dell'evento, giudicate voi, e grazie all'ultima foto giudicate anche il contesto!

    http://dellevittorie.blogspot.it/2012/06/santa-caterina-e-non-solo-ringrazia.html

    RispondiElimina
  2. Quando ci sono 200mila cartelloni abusivi è folle ringraziare e esultare per la rimozione di uno tra questi.

    RispondiElimina
  3. Franco Quaranta11 giugno 2012 14:00

    Tonelli tu che pensi di essere una persona di intelligenza superiore dovresti sapere che nessuno esulta veramente per uno dei 200.000 cartelloni che sfregiano Roma che viene rimosso.
    Semplicemente queste iniziative servono a non far cadere nel dimenticatoio il problema e infatti ne hanno parlato i principali quotidiani.
    Che fai? Il gemello di Scrotino??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dare dello Scrotino a Tonelli, a questo siamo arrivati... impressionate il livello di offese a cui sono capaci di scendere. toglietelo il banner a bastacartelloni

      Elimina
    2. Uhh, figurati. Non ci sorprendiamo ne ce la prendiamo più di troppo. Ha detto anche di peggio e sotto mentite spoglie, almeno qui ha insultato col suo nome e cognome, è già un passetto in avanti...

      Elimina
  4. Infatti l'iniziativa è condivisibile e da noi appoggiatissima (vedo qui alla mia destra mentre scrivo il logo enorme dell'associazione basta cartelloni la quale continua da un anno a far finta che Cartellopoli non esista -salvo poi venirci a commentare scrivendo mignottate- danneggiando enormemente il movimento). Nessuna riserva sulla iniziativa. Solo riserve sul blog qui sopra che "ringraziava", visto che non c'è nulla da ringraziare.
    E qualche riserva anche su chi ha dichiarato (il solito Crea, ma ormai è una battaglia persa anche con lui) che "qualche cartellone abusivo è stato tolto". Frase errata. Occorreva dichiarare ai giornali che su 10 cartelloni abusivi tolti ne sono stati rimontati 100. Queste sono le immagini da restituire alla stampa.

    Come vedi non c'è ne c'è mai stato alcujn attacco verso questa iniziativa che, condivido con te, servono per tenere alta l'attenzione.
    Dunque dove sta il tuo problema? Sono due anni che hai le mestruazioni, rilassarsi no!?

    RispondiElimina
  5. Filippo Guardascione11 giugno 2012 18:47

    Solo per dire a Tonelli che Basta Cartelloni non ignora Cartellopoli. Lo ha citato in due occasioni solo nell'ultima settimana. Mi sembra invece che Tonelli sappia solo provocare. Nel filmato che abbiamo pubblicato abbiamo specificato che è solo una goccia nel mare e che l'iniziativa serve solo a sensibilizzare l'opinione pubblica, non certo a gioire perchè su migliaia di cartelloni ne sia stato levato uno.
    Se queste sono le tue reazioni, Tonelli, poi non devi stupirti se non vieni coinvolto.

    RispondiElimina
  6. Bene, mi fa piacere che l'atteggiamento verso Cartellopoli, il sito che ha fatto nascere dal nulla tutta la battaglia, sia cambiato. Per il resto l'invito è a leggere bene sopra: non c'è nessuna riserva verso le dichiarazioni di basta cartelloni, la mia era solo una risposta al blogger di Delle Vittorie, al quale consigliavo di non "ringraziare".

    Si montano polemiche sul nulla e poi chi sa "solo provocare" (non rispondo a queste continue offese personali, come non ho risposto a quelle ancor più gravi e velenose di Quaranta) sarei io? Sempre più bizzarra la situazione.

    Una sola raccomandazioni: riservare bile e energie per combattere i cartellonari, non per combattere gli altri cittadini. Ammenoché non ve ne sia una più che valida ragione.

    RispondiElimina
  7. mah..... io leggo ancora le dichiarazioni di Tonelli su "associazione di merda", "residenti mentecatti o deficienti" ecc. ecc. rivolte ai rappresentanti delle associazioni del centro. O l'appoggio allo 'ndranghetista di Via dei banchi Vecchi. Non mi sembra che sia Tonelli ad essere stato offeso.

    RispondiElimina
  8. Quando ci sono delle associazioni di merda (quelle che tolgono i tavolini per far posto alle auto in divieto, sei mai passato a Piazza del Fico o alla Pace?), vanno bollate come "associazioni di merda". Quando ci sono dei deficienti occorre, per civismo proprio, dar loro dei "deficienti". Ma questo cosa c'entra con il caso di specie qui sopra caro... Anonimo?

    RispondiElimina
  9. Franco Quaranta13 giugno 2012 01:39

    Tonelli tu hai una capacità unica di manipolare la realtà. Nel filmato parlo chiaramente di danno erariale per i cartelloni rimossi a spese della collettività(il danno) e della beffa dei cartelloni che vengono rimessi nella stessa posizione a distanza di poco tempo.
    E smettila di fare la mammoletta: 9 volte su 10, a partire dal luglio 2010, ogni volta che il comitato promotore e poi bastacartelloni hanno organizzato qualcosa hai sempre trovato il modo di sminuire, denigrare, calunniare e insultare da queste pagine e dagli altri blog che gestisci.
    Ci sono decine e decine di tuoi post a confermarlo.
    Se vuoi ti mandiamo l'elenco dei link, così chi ti legge potrà giudicare.
    Vorrei che spiegassi a tutti quali sarebbero le offese gravi e velenose che ti avrei arrecato e in quale contesto.
    Se io ho le mestruazioni da due anni mi sembra che tu stia in menopausa.

    RispondiElimina
  10. Quaranta è tornato a difendersi da accuse che nessuno gli ha mai fatto. Filmato? Boh. Io me la pigliavo con i blogger di Delle Vittorie e sei spuntato tu a sproloquiare e soprattutto ad insultare.

    Prima Scrotino (scrotino è un cartellonaro, l'accusa peggiore per me: il fatto che tu non la reputi una accusa la dice lunga), ora manipolatore.

    Quando occorre me la piglio con le modalità, con le scelte strategiche (su quello certe associazioni sono un disastro totale, e va detto come è giusto che sia), ma non me la piglio quasi mai con le singole persone -salvo quando è proprio necessario- dunque, anche questa volta, eviterò di rispondere ai tuoi insulti.

    D'altronde Franco tu sei lo stesso Quaranta che, dopo esserti fatto issare sulle mie spalle per battezzare qualche bel cartellone (ci sono le foto, le devo pubblicare?), è andato a casa ed ha aperto il computer ancora per insultare al grido di "Tonelli è capace solo di stare dietro alla tastiera, è uno che non si vuole sporcare le mani". Un personaggio che arriva a bassezze simili non merita neppure risposte a tono.

    Resta da capire un fatto: dopo averti rassicurato che nessuno ce l'aveva con te e con la tua impeccabile associazione, perché ancora parli e rovini il commentario che dovrebbe essere un luogo di dibattito e non di polemica?

    RispondiElimina
  11. Scusate se intervengo, seppur non interpellato, ma tutto lo scambio di battute qui sopra è VERAMENTE triste. Io da esterno (e da lettore di entrambi i blog) vedo che Cartellopoli ha pubblicizzato la manifestazione di sabato, e che Basta Cartelloni ha citato Cartellopoli in almeno un paio di occasioni la scorsa settimana. Bene, quindi.
    Non potremmo fermarci qua? Non c'è scritto da nessuna parte che fra chi aderisce alla stessa battaglia ci debba essere amicizia o simpatia, né che ci debba essere sempre comunanza di idee, ma il rispetto sì.
    Quindi inviterei entrambe le controparti ad astenersi dall'attaccare e dal rispondere agli eventuali attacchi. Per Tonelli (libero di mandarmi a quel paese se vuoi), i toni alti che usi così spesso (nella gran parte delle volte in maniera condivisibile) li riserverei a chi se li merita.
    Poi io qui sono ospite, e mi adeguo, però penso di interpretare il sentire di una grande parte del pubblico dei due blog.

    RispondiElimina
  12. Antonio il blog Cartellopoli non è fatto per avere pubblico. Non siamo una testata giornalistica. E io non sono qui per risultare simpatico, non sono qui per raccogliere consenso da usare alle prossime elezioni come altri faranno. Non mi interessa di essere antipatico.

    A te - i tuoi punti di vista sono sempre ben graditi, intendiamoci- chiederei maggiore equilibrio. I commenti qui sopra hanno una scansione chiara e tutti possono leggerli. Un anonimo ha pubblicato un link ad un blog del quartiere Delle Vittorie, ho aperto il link e ho visto che si ringraziava l'amministrazione o chi per essa per la rimozione del cartellone, ho fatto notare che non c'era nulla da ringraziare. Fine. Punto. A quel punto si è scatenata una bagarre (fatta di insulti personali, gravi) non so bene dovuta a che. Ho risposto a offese ("sei uno che fa solo polemica", "manipoli la realtà" e addirittura una similitudine con Scrotino) sempre con fermezza ma mai offendendo personalmente chi lo aveva fatto con me. Dunque il tuo appello a toni diversi mi sfugge il motivo per cui lo riservi a me. Mi spieghi?

    RispondiElimina
  13. No, non lo riservo a te, ma come ho scritto, "a entrambe le controparti". L'accenno a te successivo è perché il blog su cui scrivo è il tuo e perché siccome c'è stima per quanto fai, mi addolora sinceramente quando a mio modo di vedere "sprechi la tua antipatia", che è il punto di forza dei tuoi blog, sui bersagli sbagliati.

    RispondiElimina