martedì 19 giugno 2012

La galleria degli orrori della Società Concessioni Internazionali

Navigando nel sito della S.C.I. - Società Concessioni Internazionali (che vuol dire?), codice NBD 0040, si riescono a trovare delle foto che in confronto quelle che pubblichiamo noi su Cartellopoli sono roba da pivellini.
In curva, sullo spartitraffico, tutti in una foto, su verde pubblico, attaccati ai semafori ed alle strisce pedonali, fuori formato, sugli incroci ecc... Insomma, ce n'è per tutti i gusti.
Guardare un pò voi che chicche (questa è solo una piccolissima selezione):

Qui per riconoscere i loro impianti hanno dovuto mettere una freccia...

Società Concessioni Internazionali, si infatti proprio una società dallo spirito internazionale...

9 commenti:

  1. La Sci ha massacrato Roma, eppure è intoccabile.

    Per chi lavora ? Qual'è il politico che la protegge ?

    RispondiElimina
  2. Quando si dice fare il proprio lavoro con amore e e dedizione fin nei minimi dettagli...

    RispondiElimina
  3. Perchè, PERCHE' non si indaga su questa società?

    Come mai ancora le si permette di installare cartelloni pubblicitari in palese violazione delle norme di cui al Codice della Strada? Chi ha dietro? Perché la magistratura inquirente, i vigili urbani preposti alla sorveglianza e a multare non agiscono?

    Perché non si rimuovono questi catafalchi che in molti casi sono un vero e proprio pericolo alla sicurezza stradale quando contra legem?

    Come mai c'è uno stato di assoluta inerzia nelle autorità preposte, presenti in giunta e negli organi amministrativi comunali indicati?

    RispondiElimina
  4. SOCIETA' CARTELLONI ILLEGALI

    RispondiElimina
  5. corruzione corruzione corruzione

    RispondiElimina
  6. La SCI, insieme alla Esotas, è una storica società cartellonara figlia della prima totale scandalosa deregulation del settore affissioni voluta dall'ex sindaco "ambientalista" (ambientalista? ahahahahahahaha) Francesco Rutelli....il primo milione di impianti romani porta la "regia" di Rutelli, il secondo di Bordoni/Alemanno.....perchè la magistratura, che come dice Berlusconi è tutta di sinistra, non interviene contro lo scandalo romano? Mah, forse un risposta è nello ricattarsi a vicenda....Alemanno magari ha censito bene bene i cartelloni ereditati da Rutelli e Veltroni e minaccia di tirare fuori l'elenco se per caso la sinistra aizza i giudici "rossi" ad intervenire......e quindi, in perfetta par condicio cartellorum, ora è la volta della destra violentare Rome dopo le violenze della sinistra.....giochi politici all'italiana, come sempre..........e lo spread BTP/Bund sale!!!! Buoni cartelloni a tutti da Manusardi!!!

    RispondiElimina
  7. SI CONFERMANO ESSERE PER QUELLO CHE SONO: SOLO DEI BANDITI FUORILEGGE MALEDETTI!

    RispondiElimina
  8. Anonimo delle 22.34, dimentichi la MG, e la NDP (il cui proprietario andò al gabbio), ma che è parente molto prossima della ..... 'ndovina, nuovi rubazzi ......
    Non maledirò mai abbastanza, il riordino (di questo mio c***o) di rutelli, il casino nasce (come dici giustamente te) proprio lì, nel 1993 per la precisione.
    Io soffro di sindrome da fastidio visivo da 19 anni, quando tonelli giocava suppergiù con le palline, questo per farvi capire
    Marco1963

    RispondiElimina
  9. Hai ragione anonimo delle 01:13...il famoso Studio MG o più semplicemente MG....ancora campa alla grande, ridimensionato ad un pivellino rispetto a S.C.I. e alla nuova ODP (quella degli spettacoli, la ditta n. 1 al MONDO per numero di impianti presenti in una singola città, ma sicuramente nella top 10 delle ditte mondiali col maggior numero di impianti in assoluto...solo che le serie multinazionali ne hanno alcuni decine di migliaia sparsi nel mondo, la ODP ne ha decine e decine di migliaia nella sola Roma!!!!!).
    "Riordino" rutelliano significava "FATE COME VOLETE E INSTALLATE IMPIANTI DOVE VI PARE", mentre Alemanno/Bordoni hanno esplicitamente detto "METTETE TUTTO QUELLO CHE VI PARE DOVE VI PARE, BASTA CHE PAGATE IL PIZZO AL COMUNE, PARDòN, IL CIP AL COMUNE"....la differenza di base è che 20 anni fa, ai tempi di Rutelli, le ditte erano di meno perché il business era meno sentito dai cartelloni, mentre oggi è il business numero 1 della capitale.......ma Rutelli eletto al posto di AleDanno non avrebbe certo ottenuto un risultato diverso....Sempre buoni cartelloni a tutti da Manusardi

    RispondiElimina