giovedì 19 luglio 2012

Un albero contro cartellone selvaggio

Foto Comitato di quartiere Serpentara

Da sottolineare la figura di merda della Fiat (ma dopo i dati di vendita di giugno ancora esiste?) a dar mandato ai propri centri media di servirsi financo del diavolo in persona pur di pubblicizzare una vettura.

Rassegna stampa online:
liberoquotidiano.it - Roma: De Luca (Pd), ripristinare alberi tagliati in via Tina Pica
abitarearoma.net - Un albero contro cartellone selvaggio

3 commenti:

  1. Ben fatto, notare come il Comune si preoccupa di rendere migliori le periferie...Invece di dare ai cittadini verde, alberi, frescura, decoro gli offre orribili e pericolosi cartelloni pubblicitari piantati all'interno di aree verdi. Gli alberi se li devono comprare e piantare i cittadini. Grazie Alemanno & cricca che dicevi Roma Cambia. Appunto Roma cambia, il Sindaco.

    RispondiElimina
  2. Grandi!! Si cacci via a pedate questa gentaglia in giunta, questa folla di gaudenti che ha ridotto Roma in questo stato disastroso, nel degrado più devastante.

    RispondiElimina
  3. Che Tina Pica li stramaledica!

    Il cambiamento parte dal basso.
    Riprendiamoci il territorio, ciascuno pianti un albero nei miseri spazi lasciati liberi dal cemento (e magari sradichi un cartellone).
    Complimenti al CdQ Serpentara.
    marco

    RispondiElimina