sabato 6 ottobre 2012

Qualcosa si sta muovendo più velocemente

I 3 messaggi di posta elettronica trasmessi il 19 settembre scorso per segnalare gli impianti pubblicitari installati ai civici 990, 811 e 595 di via Cassia sono stati acquisiti due giorni dopo agli atti della Direzione Regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici del Lazio, a cui erano stati indirizzati solo per conoscenza, ma che ciò nonostante ha voluto darvi seguito ad appena 4 giorni di distanza con una nota a firma del Direttore in persona arch. Federica Galloni: la nota (che si rimette in allegato per opportuna conoscenza) ribadisce sostanzialmente che la via Cassia é soggetta al doppio vincolo paesaggistico e che per installarvi impianti pubblicitari occorre il preventivo parere vincolante tanto della Soprintendenza Archeologica di Roma quanto soprattutto della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Roma, a cui l’arch. Galloni chiede in particolare di “trasmettere le proprie valutazioni su quanto esposto, fornendo copia di atti eventualmente già prodotti, per i necessari adempimenti di competenza”. 

Il Soprintendente arch. Maria Costanza Pierdominici ha già dato seguito a sua volta a diverse mie segnalazioni di VAS (che si rimettono parimenti in allegato per opportuna conoscenza) chiedendo sempre a Regione Lazio e Comune di Roma “una puntuale verifica del rispetto della normativa ..., anche ai fini di una eventuale applicazione delle sanzioni previste all’art. 168 del citato D.Leg.vo 42/04 da parte dell’amministrazione competente”.

Le sanzioni sono quelle dell’art. 23 del D.Lgs. n. 285/1992 (Nuovo Codice della Strada) che come “amministrazione competente” deve applicare il Comune di Roma, ma che - in caso di sua inadempienza – proprio ai sensi dell’art. 168 del Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio dovrebbe essere la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Roma a pretendere che vengano applicate dall’amministrazione capitolina a pena di denuncia di omissioni di atti dovuti d’ufficio per legge.

Dott. Arch. Rodolfo Bosi
- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) - 


Documenti allegati:
Lettera Galloni su impianti in via Cassia.doc
Note dell'arch. Pierdominici sui vincoli paesaggistici di Roma Nord.doc

9 commenti:

  1. Non mi stupisce, col Dottor Pignatone non si scherza (piccolo, lusi, fiorito, da quando c'è lui la procura di roma ha messo dentro più politici che negli ultimi 30 anni), si sono presi paura finalmente !
    Marco1963

    RispondiElimina
  2. Si diradano le Nebbie del Porto? Speriamo davvero... Sarebbe la svolta per tutta la città.

    RispondiElimina
  3. Speriamo, SPERIAMO; SPERIAMOOOOOOO che la Magistratura finalmente si svegli: sono sotto gli occhi di TUTTI lo schifo, il malaffare, la violazione PALESE di norme e regolamenti, le connivenze, il racket, il riciclaggio che gira intorno al mondo illegale della cartellonistica romana....

    RispondiElimina
  4. Qualcsa indubbiamente si muove, certo, la regione adesso è un caso a parte, si sentono tutti sotto tiro, però anche al comune (piccolo) hanno dato; rimane quell'inchiesta archiviata che grida vendetta, ma prima o poi, per forza di cose, magari di rimbalzo da qualche altra inchiesta, vedrete che sul tema cartellonzozzoni ci si torna, ah se ci si torna, in procura
    Marco1963

    RispondiElimina
  5. Fa piacere che qualcuno ogni tanto esca dal letargo, anche se la domanda resta :" ma di fronte allo scempio totale e permanente di Roma dove erano costoro, soggetti istituzionalmente creati proprio per vigilare?!".
    Non capisco poi i riferimenti alla magistratura, visto che nel Post si parla solo ed esclusivamente della Soprintendenza.
    Cmq quando si muove qualcosina non puo' che far piacere...

    RispondiElimina
  6. Non capire i riferimenti alla magistratura significa abitare su un altro pianeta, caro anonimo, forse sei un hobbit e vieni dalla terra di mezzo ?
    Marco1963

    RispondiElimina
  7. Piazzale Clodio7 ottobre 2012 21:11

    Non tutto è stato archiviato Marco..le cose procedono, vedrete..

    RispondiElimina
  8. Piazzale Clodio dicci tutto. La mail la sai.

    RispondiElimina