martedì 31 luglio 2012

Lo levano dallo spartitraffico e lo mettono sopra le radici di un pino secolare

30 luglio 2012

16 febbraio 2011
Spostamento effettuato in questi giorni a seguito di una segnalazione di VAS fatta il 27/02/2011.
Giudicate voi la qualità di questa ricollocazione effettuata sicuramente dopo una preventiva istruttoria sulla legittimità della posizione dell’impianto in quel luogo...

lunedì 30 luglio 2012

Bosi segnala: pure sui pali dell'illuminazione pubblica


Pubblicità affissa sui pali della luce del Lungoamte Paolo Toscanelli

Segnalazione inviata il 17 luglio 2012 a: seg13.polizialocale@comune.roma.it, segnalazioniaffissioni@comune.roma.it, davide.bordoni@comune.roma.it, assessorato.ambiente@comune.roma.it, cesare.tabacchiera@comune.roma.it, picsdecoro@libero.it, antonio.dimaggio@comune.roma.it, claudio.saccotelli@comune.roma.it

In data 9 luglio 2012 é pervenuta a questa associazione una segnalazione corredata dalle foto allegate (scattate il 4 luglio 2012), che fa presente che sui pali della luce del Lungomare Paolo Toscanelli risultano essere stati affissi una serie di cartelli che reclamizzano tutti la "Wind of Summer" e che forse arrivano fino al pontile di Ostia.

Si fa presente che le suddette affissioni pubblicitarie non risultano previste nel vigente Regolamento approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 37/2009: si chiede ad ogni modo di volere accertare la loro legittimità, specie di quelle che risultano installate all'altezza di semafori e di attraversamenti pedonali.

Si evidenzia ad ogni modo che l’Assessore all'ambiente On. Marco Visconti ha a più riprese dimostrato il giro di vite proprio contro le affissioni di questo tipo.

Si chiede pertanto la più sollecita rimozione di tutti i suddetti cartelli, una volta che ne sia stata accertata la loro oggettiva natura abusiva.

Si resta in attesa di un cortese riscontro scritto, che anche se per via telematica si richiede ai sensi degli articoli 2, 3 e 9 della legge n. 241/1990.

Distinti saluti.

Dott. Arch. Rodolfo Bosi
- Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) -

domenica 29 luglio 2012

In altre città la gente che fa così viene arrestata‏. In altre...

Mazzette per la pubblicità sulla statale dipendente Anas arrestato a Bergamo
L'uomo, 54 anni, chiedeva denaro agli imprenditori per il via libera ai cartelli sulla statale 42
Si era anche spacciato per poliziotto chiedendo 800 euro a un immigrato per l'esame di guida

Un dipendente dell'Anas di Bergamo, Raffaele Polimeno, è stato arrestato dalla guardia di finanza: l'uomo, 54 anni, chiedeva somme di denaro ad alcuni imprenditori per consentire loro di collocare alcuni cartelli pubblicitari sulla statale 42, dove era addetto. L'arresto è stato eseguito sulla base di un ordine di custodia cautelare emesso dal gip di Bergamo. L'ufficio stampa dell'Anas informa che il dipendente è stato immediatamente sospeso dal servizio e che la società si costituirà parte civile nel procedimento a suo carico.
(Continua qui).

sabato 28 luglio 2012

La distanza non viene rispettata semplicemente perchè siamo a Roma. Facile no?

Buongiorno,
mi chiedevo se la pratica diffusa dei cartelloni consecutivi fosse lecita o se bisogna rispettare il vincolo di distanza di 15 metri tra un cartellone e l'altro. 
La foto in allegato è stata scattata ieri a via laurentina incrocio con via dei boccabelli. Si contano ben 6 cartelloni consecutivi. Oltretutto siamo anche in prossimità di un'intersezione.

Posizione su google maps:

Saluti
Andrea T.


Caro Andrea come puoi leggere in questa istruzione per l'uso la distanza deve essere rispettata eccome.

Attualmente ogni cartellone pubblicitario che sia stato installato nelle strade di quartiere e nelle strade locali del centro abitato di Roma deve risultare posizionato ad almeno 25 metri dal più vicino impianto: questa distanza minima può essere ridotta a 15 metri solo se gli impianti vicini sono di dimensioni uguali o inferiori a metri 1,20 x 1,80.
Poi riguardo la tua foto magari potremo anche parlare che si trovano in curva ed a pochissima distanza da un incrocio ma come disse tempo fa qualcuno è colpa di Roma che ha gli incroci e le curve.

venerdì 27 luglio 2012

Cartelloni con rimorchio

Via Biagio Petrocelli.
Foto Andrea T.

Impianto segnalato con un messaggio di posta elettronica inviato da VAS martedì 7 agosto 2012 a: seg10.polizialocale@comune.roma.it; segnalazioniaffissioni@comune.roma.it; davide.bordoni@comune.roma.it; assessorato.ambiente@comune.roma.it; cesare.tabacchiera@comune.roma.it; picsdecoro@libero.it; antonio.dimaggio@comune.roma.it; claudio.saccotelli@comune.roma.it

mercoledì 25 luglio 2012

Palazzo Venezia cartellonato

ROMA CENTRO: LOBEFARO (PD), CON PUBBLICITA’ SOPRINTENDENZA DA’ CATTIVO ESEMPIO 

(AGENPARL) - Roma, 23 lug - “La base di ben dieci finestre di Palazzo Venezia, sul lato della piazza, è occupata da pannelli che pur illustrando opere artistiche della mostra e della collezione ospitata al suo interno, sono di fatto delle pubblicità. Il paradosso è che all’interno dell’edificio si trova la sede della Soprintendenza per i Beni Storici e Artistici del Lazio che non dà dunque il buon esempio. Ci chiediamo se la Soprintendenza abbia dato il permesso a se stessa per tappezzare con immagini pubblicitarie la facciata. E’ un antico vezzo quello di utilizzare i palazzi storici del centro di Roma per pubblicità di eventi più o meno di richiamo o di interesse culturale. Ciò che stupisce, oltre alla questione permessi, è che nell’era di internet si continuino ad usare strumenti anti-estetici, invasivi e dai risultati scadenti come cartelloni e pannelli disseminati in città e questo vale purtroppo anche per le imprese e i partiti politici”. Così, in una nota, il consigliere provinciale Pd Giuseppe Lobefaro.

http://www.agenparl.it/articoli/news/regionali/20120723-roma-centro-lobefaro-pd-con-pubblicita-soprintendenza-da-cattivo-esempio

martedì 24 luglio 2012

Incidenti contro i cartelloni della mafia cartellonara. Continua la mattanza


Ciao,
vi mando le foto che ho fatto oggi sulla scena di un incidente che ha coinvolto due cartelloni piantati su uno spartitraffico in corrispondenza della rotatoria tra via della Grande Muraglia a via Don Pasquino Borghi, tra Mostacciano e Torrino (qui: http://goo.gl/maps/XF8Og).
Nelle foto si vede un cartellone abbattuto ancora dove si trovava in origine, e il buco del secondo cartellone, che è stato adagiato poco più in là a seguito dell'incidente. Nessuno dei due cartelloni ha la targhetta identificativa, ma su uno dei due c'è l'indicazione della società che lo gestisce ("il globo", come da foto). Parcheggiata lì vicino c'è l'auto incidentata, con metà parabrezza (lato passeggero) sfondato molto probabilmente da uno dei cartelloni. Per fortuna, all'interno dell'abitacolo non ci sono macchie di sangue, probabilmente non c'erano passeggeri, altrimenti sarebbe stata sicuramente una tragedia.
Nelle foto si possono notare gli altri cartelloni di tutte le taglie e fogge, di cui è disseminata la rotatoria, pronti ad accogliere nuovi incidenti.

Non credo ci sia altro da aggiungere. spero che l'automobilista faccia causa ai criminali che hanno piantato lì quei cartelloni.

Paolo F.

Non è uno scherzo


Andate al minuto 0:27 e guardate di cosa è stato capace il sindaco per presentare la sua lista civica.

P.S.noi avevamo cliccato su "non mi piace" e lasciato un commento (garbato). Come per magia le votazioni sono state disattivate, i commenti disabilitati ed i commenti presenti cancellati.

Via Arenula, tutti così in attesa di tagliare il corpo di qualcuno o di provocare gravi incidenti‏

lunedì 23 luglio 2012

Un mercato distrutto

Mercato talmente massacrato che pure le megamultinazionali, sebbene in posizioni visibilissime, sono alla canna del gas!!! Chiuderete tutti se il settore non si riforma, tutti!!! La pubblicità a Roma non vale un cazzo. Capito? Un cazzo.

domenica 22 luglio 2012

Ancora sugli alberi a Serpentara

Qui l'articolo alquanto confusionario dedicato da Repubblica.
Qui un articolo della rubrica "Voci Romane" sul corriere.it dedicato alla vicenda.

sabato 21 luglio 2012

Valle dei Casali, rimossi cartelloni abusivi all'interno della riserva

 
 
Augusto Santori (PDL): “Chiamare centralino Polizia Locale in caso di avvistamento fasi di installazioni abusive”
“Dopo numerosi esposti presentati dal sottoscritto, dai comitati di zona e da singoli cittadini finalmente in data odierna si è provveduto alla rimozione di diversi cartelloni abusivi comparsi all’interno delle aree verdi della Riserva Naturale Regionale della Valle dei Casali”, così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV.
“L’operazione – insiste Santori – che ha visto impegnate squadre del Dipartimento Ambiente di Roma Capitale, di Roma Natura e del XV Gruppo della Polizia Locale di Roma Capitale è un passo importante per il contrasto di uno dei fenomeni più gravi nel deturpare le bellezze paesaggistiche del nostro territorio. Un fenomeno che da tempo si va purtroppo alimentando e che registra un tasso di crescita superiore agli interventi di contenimento effettuati, quale è quello odierno registrato in Viale Isacco Newton e nelle aree circostanti”.
“L’apposizione e l’installazione di cartelloni abusivi avviene notoriamente in orari notturni e quindi risulta difficile per le poche squadre di controllo a disposizione riuscire ad identificare chi commette tali reati – conclude Santori – per tale ragione non posso però non invitare tutti i cittadini, giovani compresi, che si trovassero a passare in orari notturni, nel mentre è in fase di installazione il cartellone abusivo, a chiamare le forze dell’ordine, compreso il centralino del XV Gruppo della Polizia Municipale allo 06.67696313”.
Roma, 18 Luglio 2012

Questo il comunicato stampa di Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV e di seguito le riflessioni del nostro lettore Manusardi sulla questione Valle dei Casali:

Miracolo !!!!! Da ieri sono spariti i 4 impianti pubblicitari che erano misteriosamente sopravvissuti a precedente bonifica nel tratto "verde" di via Isacco Newton (rientrante nella Valle dei Casali, quindi con divieto assoluto di installazione di impianti pubblicitari).....e nel contempo sono spariti anche i 2 impianti recentemente collocati dalla ditta "clone" della ODP, di cui non mi ricordo il nome (stesso tipo di impianti, stessa pubblicità......e un dubbio viene spontaneo: anche stessi proprietari??????).
Probabilmente ora quel tratto di via Newton è il più lungo tratto di strade romane percorrendo il quale NON si vede neanche un impianto pubblicitario sullo spartitraffico, sui marciapiedi, negli spazi verdi, in curva, sull'incrocio, ecc.....una cosa da città civile!!!!!
Ovviamente non vi sono dubbi che la bonifica sia stata effettuata a spese della collettività e non delle ditte cartellonare e che nessun provvedimento di radiazione dalla NBD verrà emanato dal "nuovo-Paciello" o dal "sindaco" Bordoni nei confronti delle ditte che hanno violato leggi e regolamenti, così come non è stato preso UN SOLO provvedimento di radiazione in concomitanza delle dichiarate (con vanto!!!) ben 5.000 rimozioni che il Comune di Roma, tramite il "santo" Bordoni, avrebbe eseguito nell'ultimo anno......
tenuto conto che le ditte sono circa 400 e che bastano 3 rimozioni o 3 semplici multe per essere radiati, si può desumere che questi 5.000 cartelloni fossero TUTTI di proprietà di una ditta della galassia di Orione, che risulta effettivamente un pochino complicato raggiungere da provvedimento di radiazione :)))))))
Ma basta polemiche con i "santi" Alemanno-Bordoni-Paciello-Sacconi-Saccottelli, godiamoci questo piccolissimo spazio di Roma che può essere considerato "civile" come il resto delle città del mondo !!!
E sempre buoni cartelloni a tutti da Manusardi!!!!

giovedì 19 luglio 2012

Un albero contro cartellone selvaggio

Foto Comitato di quartiere Serpentara

Da sottolineare la figura di merda della Fiat (ma dopo i dati di vendita di giugno ancora esiste?) a dar mandato ai propri centri media di servirsi financo del diavolo in persona pur di pubblicizzare una vettura.

Rassegna stampa online:
liberoquotidiano.it - Roma: De Luca (Pd), ripristinare alberi tagliati in via Tina Pica
abitarearoma.net - Un albero contro cartellone selvaggio

mercoledì 18 luglio 2012

Visconti rinuncia ai 4x3 ma purtroppo è solo una goccia nel mare

"Rispetto all'anno scorso sulla promozione abbiamo rinunciato ai cartelloni 4x3 dopo il ricorso al Tar presentato da Società Concessioni Internazionali e che ha annullato il bando di gara per l'affidamento della gestione del servizio di bike sharing". Fonte

"Dove si viaggia in due si viaggia anche in tre" comparirà sui retrobus, nei sottotetti degli autobus, presso gli indicatori di parcheggio, i pannelli retroilluminati delle stazioni metropolitane e sui pannelli degli indicatori di parcheggio. Fonte

Bene la scelta di Visconti (dopo il disastro dello scorso anno) di utilizzare, di fatto, solo alcuni impianti e supporti gestiti da multinazionali "serie" (virgolette d'obbligo perché nel contesto romano nessuno è e può essere definito 'serio'). La campagna sull'abbandono dei cani si svolgerà solo su mq gestiti da Clear Channel e IgpDecaux. Ma è una goccia nel mare. Anche perché la vera scelta coraggiosa che il Comune -tutto il comune!- dovrebbe fare in questi anni, finché la situazione non si risolverà, è astenersi completamente dall'acquistare inserzioni esterne. Quello sì che sarebbe un segnale... Altro che andare sui ridicoli indicatori di parcheggio, con campagna che vengono sommerse sotto ad un oceano di affissioni abusive!