mercoledì 9 gennaio 2013

Condanna Cartellopoli. Nove mesi di galera per aver aperto un blog che combatte contro la mafia dei cartelloni a Roma, solo per questo

Giornata triste quella di quest'oggi non solo per noi, ma per la città. Riavvolgiamo velocemente il nastro. Qualche tempo fa vennero pubblicate sul blog delle foto spedite da un lettore che era intervenuto smontando e segnalando come abusivi alcuni cartelloni a suo avviso non regolari.

Una delle ditte interessate a questa azione di resistenza civica (azioni avallate addirittura dal Sindaco: "fate pure, basta che non vi fate del male") ha pensato bene di chiedere il sequestro del blog Cartellopoli perché si è sentita danneggiata in prima persona benché nessuno ce l'avesse con quella o con quell'altra ditta in particolare bensì con il sistema della cartellopoli romana in generale.

Subito dopo a mio nome -poiché fui io ad aprire questo blog nel 2010- chiesi il dissequestro del sito. Il pubblico ministero che si interessò della questione ritenne di andare avanti e, una volta emerso il mio nome, mi indagò per "istigazione a delinquere". Secondo il pm, evidentemente, alcuni cittadini erano intervenuti su alcuni cartelloni non perché esasperati da una situazione fuori controllo e unica al mondo, ma perché istigati dal blog Cartellopoli. E qui entriamo nel campo dell'inponderabile.

Le indagini preliminari, con sorpresa di tutti, andarono fino in fondo e venne accettata la richiesta di rinvio a giudizio. Una richiesta di cui, come vedremo, il PM si pentirà.

Durante il dibattimento nulla è emerso contro di me salvo il fatto che ero coordinatore del blog Cartellopoli e come tale gestivo questo spazio, che appunto è un blog e non una testata giornalistica che obbliga il responsabile a controllare ciò che pubblica, come una libera bacheca a disposizione di tutti, garantendo semplicemente la libertà a ogni cittadino esasperato di esprimersi.

La polizia postale ha a lungo indagato cercando prove contro di me senza trovarne alcuna come l'agente ha testimoniato in aula; i due teste che mi sono stati concessi (Michele Ruschioni, direttore del sito NoiRoma e Andrea Catarci, presidente del XI Municipio), sono stati abili a spiegare il ruolo del blog Cartellopoli a Roma (tutto fuorché uno strumento criminale), addirittura nell'ultima udienza -oggi appunto- il PM, la stessa pubblica accusa che aveva chiesto il rinvio a giudizio, ha formulato richiesta per me di assoluzione con formula piena per inesistenza di prove a mio carico.

2 dicembre 2010, Metro Valle Aurelia - Daniele Giannini, presidente del XVIII° Municipio, assiste alla rimozione di un cartellone della ditta D.D.N. srl precedentemente "vandalizzato" da un ignoto cittadino (Il presidente del Municipio 18 Daniele Giannini, presente sul luogo delle operazioni, mostra un cartellone abusivo che viene rimosso da una squadra del Nucleo Decoro Urbano).
Ciò nonostante il Giudice ha preferito dare ascolto alla appassionata arringa dell'avvocato della società che, dopo aver richiesto il sequestro del blog, una volta partito il procedimento si è costituita parte civile richiedendomi la somma di 20mila euro (A me? Perché? Perché qualcuno, anonimamente, sul blog aveva pubblicato delle immagini relative a degli impianti danneggiati che dunque il blog mostrava dopo l'avvenuto danneggiamento -registrandolo- e non prima -istigandolo-...? Mah). L'avvocato di questa ditta, la D.D.N. srl, ha spiegato che i "vandali" (testuale) sono i cittadini che cercano a mani nude e senza nessun secondo fine diverso dal bene comune di combattere contro una situazione fuori controllo, non i cartellonari che questa situazione hanno creato. Ha spiegato che sono i cittadini (istigati dal blog Cartellopoli, e come ti sbagli) ad aver "devastato" (testuale) la città: pazzi noi che pensavamo fino a ieri che questa città fosse stata devastata dalla furia dei cartellonari, una furia che è finita su tutti i giornali d'Italia e del mondo, sulle prime pagine dei quotidiani, sulle tv di mezza Europa, una furia che ha fatto esprimere il sindaco Alemanno nei termini che tutti ricordano: "stroncheremo questa mafia". Ci è dispiaciuto poi che, durante le dichiarazioni spontanee, il responsabile della D.D.N. srl, sotto giuramento, abbia dichiarato di non aver mai avuto cartelloni abusivi: sta di fatto tuttavia che i verbali e le avvenute rimozioni sono dati pubblici! L'associazione VAS e l'arch. Rodolfo Bosi tengono traccia di tutte le denunzie effettuate, di tutte le segnalazioni e di tutti gli interventi sanzionatori (sia verbali, sia rimozioni) da parte della Polizia Municipale e gli impianti irregolari di D.D.N. srl (come di molte altre ditte) risultano numerosi in vari Municipi: talora "solo" sanzionati, talora anche rimossi. In alto, appunto, la foto del presidente del XVIII Municipio, Daniele Giannini mentre rimuove uno dei cartelloni irregolari di proprietà D.D.N. srl di Via Baldo degli Ubaldi, proprio quei cartelloni che -danneggiati da qualche cittadino- avevano spinto la D.D.N. srl a chiedere l'oscuramento di Cartellopoli ingiustamente e erroneamente considerato in qualche maniera responsabile dei fatti. Non è nostra intenzione farne una questione personale contro questa ditta (Cartellopoli nasce e continuerà a operare per sensibilizzare i cittadini e gli amministratori su un grave problema di questa città, non per attaccare la singola ditta concessionaria), ma nella circostanza sarebbe dovuta bastare questa anomalia per far saltare tutta l'accusa di parte civile, ma averla segnalata al giudice non è servito a quanto pare.

Insomma, la città è completamente scarnificata da questo fenomeno incredibile, questo fenomeno comporta infiltrazioni mafiose, guadagni illeciti per centinaia di milioni e crimine diffuso (non ci riferiamo alla D.D.N. srl che è una piccola ditta familiare che nel corso delle udienze abbiamo imparato essere gestita da persone per bene contro le quali nulla avevamo e nulla abbiamo oggi nonostante tutto, ci riferiamo al sistema in generale). Questo fenomeno comporta feriti e morti (la cronaca parla chiaro e le vite perdute sono ormai molte), ma nonostante ciò il Tribunale di Roma procede non contro le ditte o, almeno, contro chi nell'amministrazione ne coadiuva l'invasione, bensì contro i cittadini, i blog, le associazioni che cercano di reagire ad una situazione che non ha eguali al mondo. Qualsiasi fascicolo aperto riguardante lo scempio abissale della città più abusivamente cartellonata dell'universo, i nostri magistrati sono riusciti a archiviarlo. Contro i cittadini, i volontari, i civici resistenti, invece si procede eccome.

E non solo procede, ma condanna, come dicevamo: quest'oggi, completamente incensurato, sono stato condannato a 9 mesi di reclusione, a pagare i 20mila euro che la D.D.N. srl mi chiede come risarcimento e a rimborsare 2mila euro di spese legali.

Attenderemo la pubblicazione delle motivazioni, faremo appello e sicuramente verremo risarciti di questa sentenza ingiusta, ma nonostante ciò dobbiamo celebrare una giornata triste e buia per questa città, purtroppo non è la prima, purtroppo non sarà l'ultima. Che dire, stiamoci vicini...

Massimiliano Tonelli

Rassegna stampa online
giornalettismo.com - Quando vince la Cartellopoli vera
paesesera.it - Cartellopoli, condannato per istigazionea delinquere il coordinatore del blog
romatoday.it - Blog Cartellopoli, il coordinatore condannato a 9 mesi di carcere
bastacartelloni.it - Ingiustizia è fatta. Nella Roma dell'illegalità l'unica condanna è per un blog 
noiroma.it - LA VERGOGNA DELLE VERGOGNE: 9 MESI AL BLOG CHE COMBATTE GLI ABUSIVI
malaroma.blogspot.it - Solidarietà a Cartellopoli condannato a 9 mesi (SIC!) per le sue battaglie civiche!
facebook.com/umberto.croppi - È incredibile, io mi sento correo
romanove.blogspot.it - Massimiliano Tonelli blogger sotto minaccia
ciclabiliaroma.blogspot.it - Blogger sotto minaccia
dalsellino.blogspot.it - Blogger sotto minaccia
romafaschifo.com - L'incredibile storia del blog Cartellopoli. Lo sappiamo che c'è uno scempio civile al giorno ormai a Roma, ma questo è particolarmente amaro. E allora leggete qui 
riprendiamociroma.blogspot.it - APRIRE UN BLOG CHE DENUNCIA LA MAFIA CARTELLONARA E RITROVARSI CON UNA CONDANNA A 9 MESI PER ISTIGAZIONE A DELINQUERE. ACCADE A CARTELLOPOLI...
twitter.com/viscontimarco - ogni sopruso è una vergogna! 
twitter.com/GianniniDan - nessuna condanna potrá fermare l'esercito del #decoro e della #trasparenza. Coraggio!
alemannovigiliurbani.wordpress.com - La giustizia al contrario: condannato il blog Cartellopoli perché troppo civile
today.it - Denuncia cartelloni pubblicitari abusivi sul blog: condannato a 9 mesi di carcere
twitter.com/umbertocroppi - Condannato a mesi perché denuncia l'illegalità: aspetto per Massimiliano Tonelli la stessa sollevazione che c'è stata per Sallusti.
facebook.com/umbertocroppisindaco - È incredibile, come si può combattere l'llegalità se questi sono i risultati? Io mi sento correo
degradoesquilino.com - Cartellopoli è un blog antimafia. E oggi hanno condannato il suo creatore a 9 mesi di galera perché questa è la fine che deve fare in Italia chi osa impegnarsi civicamente in prima persona
mantellini.it - Rimozione abusiva
romatoday.it - Condanna coordinatore blog Cartellopoli: De Luca al fianco di Tonelli
twitter.com/mariostaderini - 9 mesi di reclusione a chi ha il solo torto di denunciare manifesti e pubblicità abusive.e a chi deturpa e froda) solidarietà 
roma.repubblica.it - Denuncia sul blog lo scempio di "Cartellopoli" condannato a 9 mesi per istigazione a delinquere
roma.repubblica.it - Tutti con lui, su twitter gara di solidarietà/ Foto
roma.repubblica.it - Ecco i manifesti abusivi denunciati sul suo sito / Foto
agenparl.it - ROMA: DE PRIAMO, SCONCERTANTE CONDANNA A TONELLI
twitter.com/Alfio_Marchini - 9 mesi di condanna,per essersi battuto per il decoro di Roma? Non può essere! Se ė come dici(lasciami studiare carte) saremo con te
ilmessaggero.it/roma - Roma, condannato a 9 mesi Tonelli il blogger anti-cartelloni
pinobruno.globalist.it - Sono abusivi i cartelli non il blogger!
twitter.com/robertotavani - piena solidarietà a @direttortonelli. surreale vivere in un paese che sembra tollerare tutto ma non chi fa battaglie di #legalità
facebook.com/lazzaro.pappagallo - Solidarietà piena alla battaglia civica e, ora, personale di Massimiliano Tonelli.
romacheverra.it - La condanna a Cartellopoli è una condanna a tutti coloro che amano Roma
liberoquotidiano.it - Roma: De Priamo (Fdi), sconcertante condanna blogger contro cartelli abusivi
cronachebastarde.wordpress.com - Blogger romano condannato a 9 mesi di carcere: sentenza storica
riprendiamociroma.blogspot.it - L'ASSURDA VICENDA CARTELLOPOLI SULLE PRIME PAGINE DI REPUBBLICA ROMA: ATTESTATI DI STIMA E SOLIDARIETA' A UNO DEI MIGLIORI URBAN BLOG DI ROMA! 
blitzquotidiano.it - Denuncia cartelloni abusivi: paradosso del blogger condannato per istigazione 
twitter.com/paolo_levi - Solidarietà a @Cartellopoli e @direttortonelli, condannato a 9 mesi per aver denunciato lo scempio dei cartelloni pubblicitari a Roma.
twitter.com/paolo_levi - Le blogueur de @cartellopoli condamné pour avoir dénoncé le scandale des panneaux publicitaires qui massacrent #Rome.
lunico.eu - Esquilino, Pd: «Solidarietà a Tonelli, continuiamo lotta all’abusivismo»
webnews.it - Cartellopoli: blogger condannato per istigazione
agenparl.it - ROMA: CATARCI, SU CARTELLONI GIUSTIZIA ALLA ROVESCIA
globalist.it - Combatte contro i cartelloni abusivi. Condannato
romacapitalenews.com - MASSIMILIANO TONELLI CONDANNATO A 9 MESI PER ISTIGAZINE A DELINQUERE
urbanfileroma.blogspot.it - La pagliuzza e la trave
garbatella.romatoday.it -  Montagnola: solidarietà del Municipio al blogger di Cartellopoli
romasostenibile.com - Solidarita’ per Cartellopoli | Solidarity for the “Billboard City” blog
twitter.com/FabrizioSantori - piena e sentita solidarietà a Tonelli anche da parte della Commissione Sicurezza invierò nota ufficiale
agenparl.it - AFFISSIONI: TOZZI (FDI), SOLIDARIETA’ A TONELLI, SCONCERTANTE CONDANNA
twitter.com/AntonellaDeGiu1 - penso sia una vergogna! Sono con voi, sempre e comunque...ditemi cosa devo e dobbiamo fare
facebook.com/arteprima.noprofit - ARTEPRIMA esprime sconcerto per la condanna di Massimiliano Tonelli
facebook.com/stefano.tozzi.98 - "SOLIDARIETÀ A TONELLI, SCONCERTANTE CONDANNA"
municipio18.it - CONDANNA CARTELLOPOLI: il Presidente del XVIII propone una sottoscrizione pubblica.
fulviosarzana.it - Cartellopoli: paga chi denuncia. Blogger condannato a 9 mesi per istigazione a delinquere
movimentocapitale.it - Movimento Capitale al fianco di Massimiliano Tonelli: condanna che uccide il decoro di Roma
beppegrillo.it - Chi tocca il cartello (abusivo) "muore"
dalle10alle12.wordpress.com - Denuncia lo scempio dei maxi-cartelloni a Roma e viene condannato a 9 mesi di carcere. A Radio ies, Massimiliano Tonelli, curatore del blog “Cartellopoli”
huffingtonpost.it - Condannato perché denuncia l'illegalità. L'incredibile caso di un blogger romano
agenparl.it - MUNICIPIO XVII: DE GIUSTI, SOLIDARIETA' A MASSIMILIANO TONELLI
news.giorgiotave.it - Il Blogger italiano condannato per Istigazione
fonte-laurentina.it - La cartellopoli nostrana
Nota della Commissione consiliare speciale Politiche per la Sicurezza Urbana
wilfingarchitettura.blogspot.it - Cartellopoli condannato a nove mesi di reclusione per istigazione al senso civico
riprendiamociroma.blogspot.it - ANCORA SULLA ASSURDA CONDANNA DI CARTELLOPOLI: LA RASSEGNA STAMPA E L'INTERVENTO DI DANIELE GIANNINI
waltermarketing.it/lobefaro - Io istigo a delinquere? Criminale è chi imbratta la città
tv.ilfattoquotidiano.it - Cartellopoli, il blogger denuncia gli abusi, ma viene condannato al carcere

Rassegna stampa cartacea
20130111_Corriere della Sera Roma
20130111_Repubblica Roma
20130111_Messaggero Cronaca di Roma
20130111_Cinque Giorni
20130112_Il Fatto Quotidiano
20130114_Repubblica Roma
20130116_Le Città

Rassegna video
RomaUno TV - Ditelo a RomaUno
RaiTre - Buongiorno Regione Lazio
Giornalettismo
Radio IES
antefattoblog

61 commenti:

  1. Il PM ha chiesto il rinvio a giudizio, poi si è reso conto che bisognava chiedere l'assoluzione e il giudice ha condannato? E' uno scherzo!?

    RispondiElimina
  2. Se possiamo fare qualcosa, come presenziare il giorno in cui verranno rese note, ditecelo. E noi organizzeremo.

    Questa cosa è ridicola, è una presa in giro nei confronti di tutti noi cittadini, e un insulto alle vittime di questo stupro della città.

    RispondiElimina
  3. ...solo a Roma può succedere questo schifo!
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  4. evviva la giustizia italiana,che dire per andare in galera devi comportarti bene,per restare incensurato devi rubare,uccidere ecc evviva l'italia repubblica delle banane!!!tutta la mia solidarietà!!!

    RispondiElimina
  5. Assolutamente appello!!!

    E' una vera indecenza questa sentenza di condanna quando tutta la città, dico TUTTA LA CITTA' è devastata da cartelloni di ogni risma e specie, la maggior parte dei quali posizionati contro norme e regolamenti, contravvenendo al codice della Strada e con grave spregio del decoro e della sicurezza stradale.

    Ma poi, hanno mai messo naso fuori dal palazzo di giustizia? Hann visto come è ridotto piazzale Clodio, sì?

    Da vomitare.

    RispondiElimina
  6. se serve un supporto economico fatecelo sapere , è un vero schifo

    RispondiElimina
  7. Il 4 novembre 2010 alla pagina www.cartellopoli.net/2010/11/anche-il-vostro-quartere-e-umiliato-da.html di questo blog (a quell'epoca non ancora sequestrato) é stato pubblicato un articolo di un cittadino (comunque non a firma di Tonelli) che spiegava come erano stati smontati alcuni impianti di mt. 1 x 1 installati dalla "D.D.N." nel XVIII Municipio ed incitava ad imitare questo tipo di azione di resistenza civica.
    Chi legge potrebbe pensare che il suddetto articolo possa essere stato il "motore" della querela presentata dal rappresentante legale della suddetta società: niente di tutto questo, dal momento che la querela é stata presentata il 3 novembre 2010, vale a dire un giorno prima che venisse pubblicato l'unico articolo che abbia riguardato espressamente impianti pubblicitari della "D.D.N.". Malgrado il blog non sia assimilaabile ad una testata giornalistica, la sentenza che é stata pronuniata oggi richiama per certi aspetti il caso Sallusti, con la differenza che Massimiliano Tonelli, oltre che alla pena di 9 mesi di galera che gli é stata inflitta, é stato anche condannato a pagare alla ditta "D.D.N." lo stesso importo del risarcimento danni che aveva richiesto costituendosi parte civile.
    In considerazione di questo precedente, che ritengo molto grave, mi sento di attestare a Massimiliano Tonelli tutta la mia solidarietà nel modo migliore che ritengo di potergli dimostrare in questo momento e che é quello di riprendere la mia collaborazione con questo sito, mettendo da parte le divergenze che a più riprese ci hanno portato a dividerci: la finalità dichiarata é quella di continuare a dare al sito quel carattere di serietà professionale e di conseguente credibilità che lo possa proteggere di per sé da qualunque altro futuro attacco strumentale.

    RispondiElimina
  8. Finalmente una buona notizia in questa giornata un po' bigia!

    RispondiElimina
  9. M. Tonelli, hai tutta la mia stima per l'impegno che hai messo, e che spero continuerai a mettere, nell'aprire gli occhi di centinaia di cittadini su questo scempio. Io da parte mia continuero a diffondere i tuoi post ancora piu' di prima.

    Fabrizio Vienna

    RispondiElimina
  10. Ma dunque anche per i blog chi "istiga a delinquere" è il responsabile "editoriale" e non chi materialmente scrive nei commenti? Praticamente così i blog sono equiparati ai quotidiani.

    RispondiElimina
  11. Comitato Cartellopoli9 gennaio 2013 20:17

    Eh, hai visto? Abbiam fatto giurisprudenza!

    RispondiElimina
  12. Tagliare il dito per far sparire la Luna? A Roma si può!
    Tonelli tienici informati e alla prossima udienza verrò io Ridolini in persona, visto che siamo su "Oggi le comiche" ;-)
    http://alemannovigiliurbani.wordpress.com/2013/01/09/la-giustizia-al-contrario-condannato-il-blog-cartellopoli-perch-troppo-civile/

    RispondiElimina
  13. Avete scritto ai candidati sindaci, alle testate giornalistiche ed ai TG per informarli della condanna?

    RispondiElimina
  14. La mafia del terzo millennio si serve della magistratura

    Riccardo

    RispondiElimina
  15. Il presidente della Cina Hu Jintao ha chiamato Alemanno e gli ha detto ".... ma che cazzo fai?"; il presidente della Corea del nord Kim Jong-un è scoppiato a ridere dicendo "... cazzo, vedi che non sono il più stupido!" ;-)

    RispondiElimina
  16. Non c'è nessun partito che mette Tonelli in lista per le politiche? Anche al solo scopo di permettergli di usufruire d'ora in poi dell'immunità! Non tutte le condanne sono eguali, alcune garantiscono rispetto.

    RispondiElimina
  17. Come fa notare pizzardone, abbiamo toccato il livello delle dittature comuniste.

    http://www.asca.it/news-Vietnam__processo_farsa_e_dure_condanne_per_tre_blogger-1234113-ATT.html
    http://www.repubblica.it/esteri/2012/10/05/news/cuba_yoani_sanchez-43914761/
    http://www.tempi.it/scrive-un-tweet-ironico-sul-congresso-del-partito-comunista-cinese-arrestato-per-terrorismo#.UO3lWG-zKSo

    RispondiElimina
  18. Totale solidarietà a Massimiliano Tonelli
    Qui s'è girato il mondo, sono raccapricciato, schifato, sconvolto
    Ma in appello vedremo .....
    Marco Fantegrossi

    RispondiElimina
  19. Mi sa tanto di condanna esemplare, colpirne uno per zittire tutti.

    RispondiElimina
  20. oltre alla solidarietà a chi sta pulendo la NOSTRA Roma, penso sia utile far capire ad amministratori e cialtroni vari che sono dei burini provincialissimi (ovviamente col massimo rispetto per chi se ne sta tranquillo in campagna e non si fa pagare per amministrare una città), ma non si devono usare parole esplicite, ma TRATTARLI da burini, in modo sottile.
    Se vuoi amministrare una città europea non riempire le piazze di porchette, cartelloni in quantità unica al mondo (l'economia è tra le peggiori) e asiatici che vendono ombrellini.
    Non siamo noi ad essere esterofili, noi amiamo Roma, sono loro che la insozzano, che lasciano il potere al primo coatto di turno, che non fanno quanto gli compete. Il sindachetto mediatico e i suoi commensali se ne devono andare a cagare, e i prossimi devono rigare dritto, devono fare il loro lavoro.

    RispondiElimina
  21. Tutta la mia solidarietà a Tonelli: qui a Roma il mondo è alla rovescia !

    RispondiElimina
  22. con la condanna ti si apriranno le porte della politica. certo pure te... di tutte le ditte che piantano cartelloni te la sei presa con quella regolare... vabbé ci metti un paio di banner sui tuoi blog e paghi ma spero che tu venga assolto in secondo grado. speriamo che la prossima sentenza sia per qualche ditta abusiva e che il risarcimento sia per tutta la collettivitá.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cosa centra la politica con una condanna? dal canto mio posso solo affermare con assoluta certezza che si tratta di una sentenza ingiusta che ha lasciato sorpresi tutti, specie dopo che anche il pm, nella sua nota qualità di accusa che, dapprima aveva formulato il capo imputazione nei confronti di Massimiliano, dopo la istruttoria e dopo le motivazioni della difesa ha chiesto egli stesso l'assoluzione con formula piena. Ricordiamo a tutti come l'art. 530 cpp al comma 2 sancisce l'assoluzione di un imputato nel caso di incertezza e/o assenze di prove a suo carico, come nel caso di specie.

      Elimina
  23. Dubito che a Roma ci sia qualche ditta regolare e, come è facile dimostrare, se c'è non è la DDN che ha avuto, come tutte le ditte vista la situazione sistemica della città, impianti sanzionati e rimossi. Inoltre io non "me la sono presa" proprio con nessuno, non conosco i titolari della ditta in questione non si capisce perché me la dovrei prendere con loro ne dove lo abbia fatto. Il blog che ho aperto anni fa ha pubblicato articoli dove, tra le mille altre ditte, si attaccava anche la DDN: questo è prendersela con qualcuno?

    Non capisco poi cosa c'azzecchi la politica.

    RispondiElimina
  24. e allora hai pestato la coda al cane sbagliato come si dice in questi casi... di ingiustizie il mondo é pieno. tu ti farai un sacco d pubblicitá da qst storia ma ti prego non ti atteggiare a paladino dei nostri diritti. o come moderno don chisciotte contro i mulini a vento... spero per te che tu ne esca "pulito" a questo punto ma mi sembra che da parte tua ci sia una rincorsa alla notizia, allo scoop facile, visto il crescente numero dei post sui tuoi blog... a cosa servono tutti questi articoli quasi sempre sugli stessi temi e a distanza cosí ravvicinata? c'é una redazione che cura le fonti? l'attendibilitá delle notizie é il primo passo per una corretta informazione e tu dovresti saperlo meglio di me. sennó sei tu che fai politica. senza rendertene conto.

    RispondiElimina
  25. Non c'è nessuna redazione e non c'è nessun controllo delle fonti, se volevo fare quelle cose lì aprivo una testata giornalistica con tutti i vantaggi del caso. Il blog è una bacheca, una piazza aperta a tutti, non si verificano le fonti, si dà spazio alle denunzie dei cittadini. Sono due ruoli diversi.

    Certo che faccio politica, tutti noi la facciamo anche quando scegliamo quello o questo negozio per comprare un chilo di pane. Fare politica significa occuparsi del bene comune e della polis, ovvero della città e lo faccio eccome come spero che lo faccia pure tu.

    Pestare la coda al cane sbagliato? Non lo so. La società DDN mi è sembrata gestita da persone per bene, una famiglia di piccoli imprenditori che cerca di sopravvivere nel marasma della cartellopoli romana. Il loro avvocato, che loro hanno detto essere anche avvocato di altre ditte, si chiama Giuseppe Scavuzzo. Sicuramente si tratterà di omonimia, ma su un avvocato chiamato Giuseppe Scavuzzo e avente a che fare con i cartelloni a Roma si era già parlato su Cartellopoli, puoi leggerti tutto qui (http://www.cartellopoli.net/2011/06/amarcord.html) e magari la tua teoria sul cane sbagliato prende corpo. Ma il punto è che qui non abbiamo pestato nessuna coda.

    RispondiElimina
  26. infatti ci sono migliaia di blog... che vanno dal colore dei fiori fino alle piu svariate tesi complottiste. ma stai sicuro che sul colore dei fiori nn c fanno un processo no? c sono blog che rivelano veritá ( o presunte tali) ben piu scioccanti delle tue. ma non si puó pubblicare sul proprio blog la prima cosa che ti arriva nella mail. per quanto sia una bakeca aperta c'é una responsabilitá di chi si assume la pubblicazione di foto o altro materiale. con prefazione o commento.

    RispondiElimina
  27. Nella città al contrario, per non dire città gestita di merda (e diciamolo va!) succede anche questo.
    Stefano

    RispondiElimina
  28. Massimiliano massima solidarietà da parte mia
    http://ciclabiliaroma.blogspot.it/2013/01/blogger-sotto-minaccia.html
    http://dalsellino.blogspot.it/2013/01/ho-appreso-oggi-che-massimiliano.html

    RispondiElimina
  29. Anche RomaNove si unisce alla protesta contro questa sentenza che rischia tra l'altro di diventare un caposaldo per i furbi...
    http://romanove.blogspot.it/2013/01/massimiliano-tonelli-blogger-sotto.html

    RispondiElimina
  30. Il tempo comunque sta già rimettendo da sé le cose a posto
    Da molto non vedo più nuovi "impianti" DDN qui all'aurelio (che è un po' la zona principale della ditta in quanto appunto collocata in zona), e anche quelli esistenti, mi sembra che a inserzionisti non se la passano bene.
    Avete voluto ammazzà il mercato cartellonaro ? Mo' tenetevelo !
    Marco1963

    RispondiElimina
  31. E come al solito sul sito di questa "seria" azienda pubblicizzano come spazi "autorizzati" (con foto) spazi palesemente in contraddizione col codice della strada. Si commenta da sè.

    RispondiElimina
  32. Franco Quaranta10 gennaio 2013 13:23

    Solidarietà a Tonelli.
    Senza se e senza ma.
    E' INAUDITO E VERGOGNOSO che si condanni un blogger reo di aver pubblicato foto ed espresso la più ferma opposizione alla mafia che sta spolpando Roma e si lascino impuniti coloro che consapevolmente hanno lasciato sulle strade impianti che hanno provocato la morte di almeno 5 persone.
    SIAMO TUTTI CARTELLOPOLI!

    RispondiElimina
  33. Una sentenza infame. Alcuni giudici dovrebbero cambiare lavoro. Sono il disonore dell'Italia.

    RispondiElimina
  34. Mia nonna diceva che quando lanci tanta merda in aria è normale che poi un ti ricada sulla testa un po di sterco.
    Chissà cosa dovesse succedere se un frequentatore assiduo del blog picchiasse a sangue un giovane ragazzo graffitaro solo perchè Tonelli ha affermato che fosse per lui si dovrebbe usare la garrota oscomodando dio perchè no un bel tumore ai polmoni; o se cittadini esasperati dalla sosta selvaggia seguendo i tonelliani consigli facessero saltare a colpi di mazza da baseball specchietti e finestrini delle auto in doppia fila...con chi se la prenderebbero dopo i genitori del ragazzo in fin di vita o i proprietari delle auto distrutte?
    Questo ragionamento si può applicare a tutte le situazioni dove ti diverti a tirar colpi di merda all'aria.
    Attenzione che lo sterco sta ricadendo tutto intorno.

    RispondiElimina
  35. i cartelloni pubblicitari causano morti stradali perche' la gente che guida si distrae. vanno condannate le ditte che li mettono e le ditte che li utilizzano. chi mette un cartellone pubblicitario per strada ha le mani sporche di sangue degli automobilisti e dei pedoni.

    RispondiElimina
  36. Solidarietà massima al sig. Tonelli. Non demorda!

    RispondiElimina
  37. non pare un giudizio tanto sereno quello che ti e toccato... un paese di pazzi kafkiani

    Auguri!

    RispondiElimina
  38. i cartelloni stradali provocano morti stradali perchè collocati- IN VIOLAZIONE DEL CODICE DELLA STRADA- nei posti più pericolosi ed incredibili. A volte direttamente sulla sede stradale, cose incredibili.
    Ma questo pare ai magistrati non interessi.

    RispondiElimina
  39. ^^^ovviamente volevo dire cartelloni pubblicitari.

    RispondiElimina
  40. Magistratura romana? Il porto delle nebbie??? Che schifo, andassero a condannare le ditte che usano extracomunitari mandati in giro di notte e mettere manifesti su cartelloni a otto metri di altezza senza alcuna protezione.. Molte ditte sono in mano alla criminalità organizzata. Veltroni quando provò a ostacolare questa piaga fu minacciato di morte... E poi scusata ma è stato il Sindaco Alemanno a dire pubblicamente che si potevano segare i cartelloni responsabili del degrado..Allora va condannato anche il SIndaco no ?

    RispondiElimina
  41. E tutti quei cartelloni messi agli incroci o davanti i semafori e cartelli stradali che distraggono gli automobilisti causando incidenti ???? Nessuno paga per questo? La colpa è di Tonelli ??? Ci vuole una sollevazione civica contro questi abusi e contro questi atteggiamenti complici degli abusivi. Facciamolo sapere in tutto il mondo quel che accade a Roma.

    RispondiElimina
  42. Per favore pubblicate la data dell'appello dobbiamo essere in tanti ad assistere, mi auguro, al rovesciamento di questa sentenza che distorce la realtà ed il senso di giustizia. Vergogna!

    RispondiElimina
  43. Queste sono battaglie di civiltà e a volte si paga ingiustamente. Quella che sarebbe una vera battaglia è che la magistratura tutta, debba essere una carica elettiva e a tempo determinato. Solo cosi' le cose migliorerebbero e magari non avremo queste sentenze che fanno davvero vergogna ad un paese che i nostri politici (altri poltronisti a vita) amano definire "democratico"

    RispondiElimina
  44. Perchè la magistratura non indaga sulle decine di migliaia di cartelloni piazzati in sfregio alla LEGGE?
    Eh Perchè? La magistratura perde in questo modo di ogni credibilità. La magistratura pensa di aver fatto un danno a Tonelli. Ma sicuramente ha fatto un danno a se stessa, alla sua immagine, ha contribuito a minare il senso civico e la fiducia nella giustizia dei Romani. Ha in altre parole fatto con questa sentenza un danno enorme all menti delle persone e alla sua stessa credibilità. Oggi la Magistratura romana si è sparata sui piedi da sola. E si è mostrata a Roma per quello che è.

    Ci sono centinaia di indizi di Reato, documentato su questo e altri blog, a sufficienza anche per un PM cieco sordo per obbligarlo ad una azione giudiziaria nei confronti di tutti coloro (amministrazione comunale, Corpo dei Vigili) che con la omissione di atti di ufficio hanno permesso un danno economico IMMENSO alla città di Roma sotto forma di mancati introiti (centinaia di Milioni), danno di immagine non calcolabile. Ricordiamo che una enorme percentuale della città di Roma è patrimonio UNESCO.
    A questo punto lo staus di patrimonio UNESCO deve essere ritirato.

    L'appello deve essere lanciato al prossimo Governo nazionale. La città di Roma deve essere commissariata, e con esso il corpo dei vigili Urbani dal governo. Diavolo 'e la capitale di Italia. Ed è ridotta un tinello di merda.


    RispondiElimina
  45. Massimiliano, non ti arrendere e vai avanti in appello, non ci sono parole per commentare. E se servisse un supporto economico, dicci come fare

    Massimiliano A.

    RispondiElimina
  46. Tutta la mia solidarietà.
    Fossi in te aprirei un conto paypal con il quale accumulare, tramite offerte libere, denaro per i prossimi passi in tribunale. Tutto in forma trasparente. Al termine di tale schifosa storia, restituirai o devolverai in beneficenza l'eventuale rimanenza di denaro.
    In tal maniera darai un segnale forte alla giustizia, alle ditte di installazione cartelloni, alla politica e alla gente comune poiché non penso che saranno poche le offerte.

    RispondiElimina
  47. Ma ora quindi cartellopoli verrà richiuso?

    RispondiElimina
  48. MOLTI NEMICI, MOLTO ONORE

    RispondiElimina
  49. Denuncia lo scempio dei maxi-cartelloni
    blogger condannato a 9 mesi di carcere
    Dura sentenza contro Massimiliano Tonelli, fondatore del sito 'Cartellopoli'. L'accusa è di istigazione a delinquere. Dovrà anche corrispondere 20mila euro alla ditta che si è sentita lesa nell'immagine e rimborsare 2mila euro per le spese legali. Solidarietà su twitter, dai candidati sindaci Croppi e Marchini e dall'assessore Visconti

    RispondiElimina
  50. ^^^^dalla NOTIZIA DI APERTURA DELLA CRONACA DI ROMA DI REPUBBLICA!!!!

    Si sta sollevando mezza Roma contro questa oscenità inammissibile!

    RispondiElimina
  51. E' giusto che tutta Roma si mobiliti contro l'ennesimo scandalo di una magistratura che è il primo problema di questo paese.
    Tonelli sindaco!
    Alessandro

    RispondiElimina
  52. Questa storia sembra una barzelletta. Da quello che ho capito, il giudice si è commosso davanti all'arringa dell'avvocato della ditta che si riteneva danneggiata dal blog. Per fortuna la ditta non aveva assunto l'avv. Taormina: a quest'ora il povero blogger sarebbe stato condannato all'ergastolo.

    RispondiElimina
  53. Sicuramente questa vicenda è scandalosa perchè si persegue colui che denuncia i criminali.

    Però inviterei tutti a ricordare cosa scriveva Tonelli su Cartellopoli prima dell'oscuramento.

    Ad esempio invitare i cittadini a tagliare i cavi elettrici per l'illuminazione dei cartelloni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma anche se il cartellone è abusivo ne va tutelata l'illuminazione?

      Elimina
  54. Solidarietà a Massimiliano Tonelli

    RispondiElimina
  55. ho voglia di vomitare...

    RispondiElimina
  56. Piena solidarietà dal IX Municipio, Appio-Latino

    RispondiElimina
  57. Che bella notizia!
    Andate a lavorare e lasciate stare chi la mattina si alza, lavora, crea occupazione e paga le tasse. Cioè quei soldi che servono per pagare gli stipendi a Voi impiegati.
    Grazie, Salvatore

    RispondiElimina
  58. Sig. Salvatore
    si metta il cuore in pace, NON VI DAREMO TREGUA.
    Voi pensate di essere padroni del territorio che da decenni scempiate con i vostri schifosi cartelloni E VI SIETE FATTI FORTI DI UNA GIUNTA E DI UN ASSESSORE COMPLICE FINO AL MIDOLLO.
    Calpestate ogni norma, li mettete al centro di minuscoli spartitraffico, ne piazzate migliaia uno attaccato all'altro,ve li hanno fatti piazzare davanti al Museo Etrusco, al Palatino,in altre aree preziosissime dal punto di vista archeologico, ma a gente come voi che je frega... continuate a piantarne pur sapendo che rimarranno vuoti.
    Avete già ammazzato due giovani ragazzi nel novembre 2011 e provocato infiniti incidenti stradali .
    Voi siete dei banditi e tanta gente NON NE PUO' PIU' DELLA VOSTRA ARROGANZA E IRRESPONSABILITA'.
    Nessuno vuole abolire la pubblicità, che esiste in tutto il mondo, ESIGIAMO CHE RISPETTIATE LA CITTA' E LA LEGGE.
    Non siete i padroni di Roma, sappiatelo.

    RispondiElimina