venerdì 18 gennaio 2013

"Siamo un paese di matti, condanniamo chi denuncia i manifesti abusivi e non chi li mette". Oh, l'ha detto Myrta Merlino


Ulteriore passaggio in 'cronaca nazionale' per il Caso Cartellopoli di scena venerdì mattina a "L'aria che tira", la frizzante trasmissione della giornalista Myrta Merlino su La7. Interessante la chiosa della giornalista dopo il servizio, raggelanti le immagini, inquietante e grottesca l'intervista all'assessore Davide Bordoni da parte della brava Delia Mauro: al di là dei dati falsi (a detta di Bordoni i dati sui cartelloni abusivi tollerati dal Comune deve essere lo stesso Comune a darli, follia. Il Comune è parte del problema e se ci fosse un Tribunale in questa città sarebbe condannato per omissioni in atti d'ufficio, altroché), al di là dei dati falsi, dicevamo, secondo l'assessore al commercio di un capitale europea il 15% di abusivismo è "fisiologico" perché "c'è sempre stato". Un genio, ogni volta che lo senti parlare ti rendi conto perché è l'unico assessore a non essere stato sostituito nei quindici\venti rimpasti di giunta di Gianni Alemanno. Ripetiamo insieme: inquietante e grottesco.

8 commenti:

  1. Ma bordoni in che citta' vive ?!

    RispondiElimina
  2. Le stime dei blog parlano di 200mila cartelloni in barba al codice della strada, altro che 30mila...

    RispondiElimina
  3. Di inquietante e pericoloso per la città di Roma, oltre che grottesco, é che l'Assessore Bordoni speri nella approvazione del PRIP "con il coinvolgimento dell'opposizione",facendo credere che il PRIP approvato sia quello che in perfetta buona fede l'intervistatrice ha definito un "piano preciso delle regole che le ditte pubblicitarie devono rispettare", quando invece se approvato così come approdato in aula Giulio Cesare lascerebbe come "regole" la situazione così com'é adesso per almeno altri 2 anni.
    Per Bordoni "é un atto che arriva sicuramente in ritardo": per me é ormai più che necessario che quest'atto venga approvato da chi vincerà le prossime elezioni fra i provvedimenti da licenziare nei primi 100 giorni, e non certo da questa attuale maggioranza che si é dimostrata del tutto inaffidabile e che é bene quindi che se ne vada ormai a casa senza fare ulteriori danni sul territorio.

    RispondiElimina
  4. Il 15 % di abusivi in più ?
    Ahahahah comicità assoluta !!
    A roma il 15 % è quello in regola !!! (forse, non è detto)
    Marco1963

    RispondiElimina
  5. Il riferimento all'aiuto dell'opposizione per l'approvazione-blitz del Prip è criminogena. Consociativismo per favorire la camorra cartellonara, ma i magistrati pensano a indagare e condannare Tonelli.
    VIDEO AGGHIACCIANTE DI BORDONI. MA AVETE VISTO CHE FACCIA???

    RispondiElimina
  6. "Con il coinvolgimento dell'opposizione". E, dopo, mi immagino la chiosa : "un'offetta che non si può rifiutare".

    RispondiElimina
  7. italiani..sempre scandalizzati, sempre indignati, ma fondamentalmente un popolo senza palle: poco serio, mai unito, molto ignorante ed egoista. diciamoci la verità se a Parigi, Londra, Berlino queste cose non sono neanche immaginabili è perchè gli inglesi, i francesi e i tedeschi sono popoli seri, ad iniziare dai rappresentati politici

    RispondiElimina
  8. nel frattempo tutti i politici, con poche eccezioni, hanno ripreso a foraggiare il sistema criminale dei cartellonari.
    Perfino qualcuno che si schierò fattivamente al nostro fianco.
    Vero De Giusti?
    In questo senso un'accordo bipartisan già esiste.
    D'altronde lo abbiamo ripetuto infinite volte: LA COSIDDETTA OPPOSIZIONE, a parte De Luca e sporadicamnte altri, COSA HA FATTO IN QUESTI 4 ANNI PER LOTTARE DAVVERO CONTRO LA CAMORRA?
    Il vero scandalo è che questa guerra sia stata condotta dai blog e dai cittadini e che nessuno, NESSUNO, LI ABBIA VERAMENTE SOSTENUTI con continuità.
    Chi ci garantisce che la prossima consiliatura esprimerà una nuova volontà politica per strappare la città dalle unghie sporche di sangue dei cartellonari?

    RispondiElimina