martedì 14 maggio 2013

Protocollo d’intesa per la propaganda elettorale

In data 9 maggio 2013, alle ore 10,presso questa Prefettura, si è tenuta una riunione per la disciplina della propaganda elettorale in occasione delle elezioni politiche e regionali indette per domenica 26 e lunedì 27 maggio 2013.

Alla riunione, presieduta dal Dirigente Ufficio Elettorale Provinciale dott.ssa Alessandra de Notaristefani di Vastogirardi, hanno partecipato:

  • Roma Capitale : Vice Capo Gabinetto dott. Gianmario Nardi, Tabacchiera Cesare, Nota Bruno, Severino Gerardo
  • Questura di Roma: dott.ssa Brunella Beni
  • Comando Provinciale dell’Arma dei Carabinieri di Roma: Capitano Capezzone
  • Il Comandante Provinciale della Guardia di Finanza : Maggiore Claudio Bellumore;
  • I rappresentanti delle forze politiche in calce indicate.

I rappresentanti delle Istituzioni e delle formazioni politiche ritengono necessario raggiungere un’intesa tra tutte le parti, in occasione delle prossime consultazioni elettorali, che consenta uno svolgimento sereno della campagna elettorale, in un clima di indispensabile, reciproco rispetto, nella piena osservanza delle norme vigenti e delle consuetudini elettorali, e che garantisca la tutela dell’ambiente e del patrimonio storico, monumentale ed artistico”.

È quanto si legge nel Protocollo d’Intesa che è stato sottoscritto in modo quanto meno curioso a distanza ormai di quasi un mese dell’inizio della campagna elettorale, perché sta a significare la riconosciuta necessità di dover mettere un freno alla invasione selvaggia con cui i manifesti di propaganda elettorale imperversano in ogni angolo della capitale: ancor più emblematica è la constatazione che si debba arrivare a far sottoscrivere un Protocollo d’Intesa a non violare la disciplina vigente in materia che per legge deve essere rispettata a priori senza bisogno di “promesse” successive .

Il Protocollo d’Intesa che è stato sottoscritto in modo ancor più significativo da molte delle forze politiche indicate alla fine di esso, ma non da tutte: risultano barrati infatti e non con la sigla “f.to” una serie di gruppi politici che molto probabilmente hanno preferito disertare la riunione del 9 maggio scorso, più che rifiutarsi sfacciatamente di firmare davanti a tutti gli altri, come ad esempio Fratelli d’Italia e La destra di Storace (che sostengono Gianni Alemanno), S.E.L. con Vendola e Partito Socialista Italiano (che sostengono Ignazio Marino), Forza Nuova, Fiamma Tricolore Destra Sociale ecc..

Hanno invece sottoscritto il Protocollo d’Intesa in particolare:
  • Popolo della Libertà Berlusconi, che è la lista di Gianni Alemanno;
  • Cittadini x Roma, che sostiene Alemanno;
  • Movimento Azzurri Italiani, che sostiene Alemanno;
  • Lista Civica Marini Sindaco che è la lista di Ignazio Marino;
  • Partito Democratico che sostiene Ignazio Marino;
  • Centro Democratico che sostiene Ignazio Marino;
  • Verdi Ecologisti Reti Civiche Animalisti che sostiene Ignazio Marino;
  • Lista Alfio Marchini Sindaco che è la lista di Alfio Marchini;
  • Movimento 5 Stelle, che è la Lista di Marcello De Vito;
  • Progetto Roma Alessandro Bianchi Sindaco che è la lista di Alessandro Bianchi;
  • Rifondazione Comunisti Italiani Sinistra per Roma che è la lista di Sandro Medici;
  • Repubblica Romana che sostiene Sandro Medici;
  • Casapound Italia che è la lista di Simone Di Stefano..

Anche a non voler considerare retroattivo il Protocollo d’Intesa ed a chiudere quindi un occhio su tutte le passate affissioni elettorali abusive, gli impegni assunti debbono essere rispettati a partire dallo scorso 10 maggio in poi: si invita pertanto tutti i cittadini che hanno a cuore il rispetto della legalità e soprattutto non intendono essere presi in giro a denunciare senza sconti i manifesti elettorali abusivi di tutte quelle forze politiche che predicano bene, ma razzolano molto male, perché non hanno di fatto rispettato il Protocollo d’Intesa che hanno firmato.

Dott. Arch. Rodolfo Bosi

Nessun commento:

Posta un commento