mercoledì 15 maggio 2013

Solita storia di mille altre volte


I cartelloni sono gestiti dalla mafia (cit. Alemanno), uccidono tante persone, altre ne feriscono, sono uno dei motivi per cui la nostra città risulta inguardabile, pericolosa, illegale fino al midollo, sono collocati laddove è vietato secondo il codice della strada. Ma loro, non appena possono, li criticano non per quello che sono, ma per il messaggio (sessista, razzista...) che veicolano. Ma saranno scemi!?

paesesera.it - "Nessun rispetto per le donne serve protocollo con le agenzie"
ilmessaggero.it - Pubblicità-choc di un centro estetico, è polemica: «Donna ridotta a quel che sta sotto la gonna»
agenparl.it - ROMA: DE ROBERT (L. C. MARINO), NO A PUBBLICITA’ CONTRO IMMAGINE DONNE

2 commenti:

  1. Ma che domanda è? Ma se erano svegli ti pare che la città stava ridotta a 'sta maniera?

    RispondiElimina
  2. Come sempre a Roma si raggiona per soliti luoghi comuni. Non perche' qualcuno veda, dopo aver guardato, ed azioni il cervello.

    Mc Daemon

    RispondiElimina