mercoledì 22 maggio 2013

Sveva Belviso solo una domanda: ma chi paga?


Dopo l'invasione di cartelloni ora tocca ad una quantità smisurata di camion vela e camper (entrambi parcheggiati in maniera assurda) in giro per la città.
Considerando che un assessore guadagna 3mila euro al mese come fa a spendere decine di migliaia di euro in campagna elettorale?

7 commenti:

  1. Ma chi paga la campagna sugli autobus di atos de luca?

    RispondiElimina
  2. PERSONAGGI PENOSI E PATETICI
    Credono davvero di spostare voti coi loro faccioni tristi?

    RispondiElimina
  3. Beh facile, Igp decaux!!

    RispondiElimina
  4. De Luca ha maesso qualche locandina su alcuni autobus e da sempre lotta per Roma. La Belviso ha letteralmente inondato Roma di cartelloni e camion vele e sta con chi ha distrutto Roma.

    RispondiElimina
  5. vi posso chiedere una cosa.....MA A VOI CHE COSA VE NE FREGA DI CHI HA PAGATO LA SUA CAMPAGNA ELETTORALE?!??!

    RispondiElimina
  6. @ Anonimo delle ore 12,43 del 22 maggio 2013

    Articolo 7 della legge n. 515 del 10.12.1993 relativo ai “Limiti e pubblicità delle spese elettorali dei candidati”. “1. Le spese per la campagna elettorale di ciascun candidato non possono superare l'importo massimo derivante dalla somma della cifra fissa di euro 52.001,89 e della cifra ulteriore pari al prodotto di euro 0,07 per ogni cittadino residente nel collegio uninominale ovvero al prodotto di euro 0,01 per ogni cittadino residente nella circoscrizione elettorale per i candidati nelle liste che concorrono al riparto di seggi assegnati con il sistema proporzionale. Le spese per la campagna elettorale di chi è candidato sia in un collegio uninominale sia nella lista per il riparto proporzionale dei seggi nella circoscrizione che comprende quel collegio, non possono comunque superare l'importo più alto consentito per una delle due candidature.
    2. Le spese per la propaganda elettorale direttamente riferibile al candidato, ancorché sostenute dai partiti di appartenenza, dalle liste o dai gruppi di candidati, sono computate, ai fini del limite di spesa di cui al comma 1, tra le spese del singolo candidato, eventualmente pro quota. Tali spese debbono essere quantificate nella dichiarazione di cui …. all'articolo 2, primo comma, numero 3), della legge 5 luglio 1982, n. 441”.
    Ritengo che la suddetta normativa debba valere anche per le elezioni amministrative, se non altro per una questione di trasparenza, e quindi a maggior ragione per la sig.ra Sveva Belviso e per tutti gli altri candidati di qualunque gruppo politico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma tu che ne sai di quanto ha speso la belviso?

      Elimina