lunedì 8 luglio 2013

Sanzionate le affissioni elettorali abusive di Massimiliano Lorenzotti e Ambra Consolino segnalate da VAS


Il 15 maggio scorso mi è trasmessa per posta elettronica una segnalazione relativa alla propaganda elettorale che il Presidente uscente dell’ex VIII Municipio (ora VI) sig. Massimiliano Lorenzotti (PDL) da qualche giorno si stava facendo su tutto il viale dei Romanisti (da via Palmiro Togliatti a via di Torre Spaccata) tramite "cartelloni aerei” di evidente natura abusiva, di cui mi sono state allegate le foto.

Il successivo 18 maggio ho provveduto a segnalare a mia volta la violazione della normativa in materia di affissioni elettorali dapprima alla Prefettura per posta elettronica certificata e subito dopo per posta elettronica a tutti gli altri soggetti interessati (vedi allegato).

Alla segnalazione è stato dato seguito (dopo nemmeno 2 ore) addirittura di sabato e direttamente dal Comandante Generale del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale, Dott. Carlo Buttarelli, con cui è nato e proseguito fino al pomeriggio del successivo lunedì 20 maggio.

Con nota prot. n. 45870 del 15 giugno 2013 il Dott. Francesco Paciello ha comunicato che «l’Ufficio ha provveduto ad inoltrare copie al Gruppo Sicurezza Sociale Urbana di Roma Capitale per le verifiche di competenza» ed ha precisato che «in data 14 giugno 2013, con prot. 4442, il GSSU riscontrava di aver provveduto ad elevare n. 39 verbali in considerazione delle irregolarità riscontrate sul territorio».

Il 22 maggio 2013 mi è stata trasmessa sempre per posta elettronica una ulteriore segnalazione relativa ancora alla propaganda elettorale che la candidata al Consiglio del VI Municipio (ex VIII) Ambra Consolino (PD) da circa 10 giorni si stava facendo in tutta la zona di Torre Spaccata.

Secondo la segnalazione tutta la zona di Torre Spaccata è stata tappezzata, in maniera posticcia, con volantini appiccicati su ogni dove, davanti a scuole, biblioteche, asili, cabine telefoniche, cassette del gas, pali della luce, tralicci, addirittura attaccati a dei palloncini: sono stati risparmiati i secchioni dell'immondizia dalla propaganda elettorale, che però non ha potuto fare a meno di attaccare i manifesti sopra i contenitori gialli dei vestiti usati.

A dimostrazione la segnalazione ha allegato una serie di foto.
Il giorno stesso ho provveduto a segnalare di nuovo la violazione della normativa in materia di affissioni elettorali prima alla Prefettura per posta elettronica certificata e subito dopo per posta elettronica a tutti gli altri soggetti interessati (vedi allegato).

Con nota prot. n. QH/44088 del 13 giugno 2013 il Dott. Francesco Paciello ha comunicato che «con nota prot. n. 39462 del 28/05/2013 si è proceduto alla segnalazione per l’intervento al competente Gruppo Sicurezza Sociale Urbana di Roma Capitale» per cui «l’esito degli accertamenti sarà propedeutico ad ulteriori azioni dell’amministrazione» che a tutt’oggi non è dato sapere se si siano tradotte in altrettante sanzioni.

Dott. Arch. Rodolfo Bosi

1 commento:

  1. Intanto l'obiettivo pubblicitario (rimanere fino al ballottaggio) è stato centrato. Una piccola nota di spesa ggiuntiva di bilancio nell'economia della campagna elettorale. Unica consolazione: HA PERSO....

    RispondiElimina