venerdì 23 agosto 2013

Piazza Alessandria, l'emblematico caso del cartellone irregolare che resiste da 41 mesi

Aprile 2008
8 febbraio 2010
10 febbraio 2010
22 luglio 2011
Novembre 2012
Luglio 2013
Lettere - La nostra posta - Corriere della Sera Cronaca di Roma del 23/02/2010

Cartelloni
«Ma il nostro è in regola»
Desidero contestare la recente foto dei lettori titolata “Cartellone selvaggio” che riporta l’immagine del nostro impianto 3x2 appena ristrutturato e installato, secondo il progetto del Comune con le previste autorizzazioni e previo pagamento dell’imposta dovuta, sul muro del mercato di Piazza Alessandria, armonicamente, rispettando anche il decoro e senza recare danno a nessuno. L’impianto assolutamente regolare è peraltro stato installato dietro cassonetti dell’immondizia che spesso invece trasbordano dell’inciviltà di chi li utilizza. Direi che bisogna prestare attenzione a non demonizzare chi, operando correttamente da oltre 50 anni nel settore dell’affissione, è vittima e non colpevole del degrado di operatori abusivi e manifesti selvaggi.
Anastasia Paglia
Apa, Agenzia di Pubbliche Affissioni


******************************************************** 

                 Prot.    62151 /RHBD                                                            Roma, 21/09/2011
Coll.   13149-49857-48497-55212
Pos.    605-2279-2369-2670
cdb
                                                
Al Sig. Rodolfo Bosi                                                                                                               
                                                                                                 vas.roma@alice.it


Oggetto: segnalazione impianti pubblicitari.

      In merito alle segnalazioni da Lei inoltrate via e-mail concernenti impianti pubblicitari ricadenti nel territorio di competenza di questo Comando si comunica quanto segue:
-       ............;
-       ............;
-       ............;
-       Piazza Alessandria altezza Via Bergamo l’impianto pubblicitario corredato dal n° identificativo 0044/BB583/P risulta installato a circa 10 metri prima dell’intersezione stradale pertanto si è proceduto a carico della società proprietaria a norma di legge;
-      .......................;
-       .............

Carlo BUTTARELLI

8 commenti:

  1. Marino se ci sei batti un colpo!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Ah Ah Ah, l'APA auto-dichiara di essere "assolutamente" in regola col cartellone... che risate!
    Avranno avuto certamente una svista quando leggevano il codice della strada con annessi e connessi!

    RispondiElimina
  3. QUARANTUNO MESI?
    Al Dipartimento competente per le rimozioni staranno pensando a come far sparire il cartellone con la bacchetta magica. Purtoppo nel frattempo l'apa continua a guadagnare illecitamente......

    RispondiElimina
  4. che facce di bronzo a dare ste risposte.
    che lavoraccio infame devono fare questi a trovare ogni scusa e cercare di rigirare le frittate. si attaccano ai cassonetti che trasbordano...
    quindi se un cassonetto trasborda io posso installare quanti cartelloni mi pare quando e dove mi pare. bel ragionamento.
    cara apa vogliamo farci insieme un giretto per la città a controllare i vostri cartelloni?
    ma poi ancora esiste gente che si pubblicizza sui cartelloni? fanno schifo. è ormai sinomino di prodotto di bassa qualità, di negozi di bassa qualità ecc.
    sui cartelloni ci si pubblicizzano solo i comprooro e le sale scommesse ed è tutto dire.

    RispondiElimina
  5. Anastasia Paglia...benissimo, questo nome non lo scorderò mai più..Questa signora quindi crede che quel cartellone al lato del mercato non deturpi l'architettura e il paesaggio di una delle area più elite di Roma...
    Io persone che ragionano così.. dicendo "che tutto è norma perchè abbiamo il permesso"...gli toglierei il passaparto e le spedirei in Burundi a fare questo mestiere...
    Hanno veramente rotto i coglioni... Roma è diventata una carta straccia piena di cartelloni pubblicitari ovunque e questi hanno anche il coraggio di dire che sono innocenti...
    Non mi piace essere rude, ma questo tipo di persone andrebbero prese a calci in culo...sono stanco di vedere gente che specula ... ancora più stanco di vedere che le istituzioni fanno finta di niente di fronte a questa situazione talmente indignante che sta cominciando a generare odio...

    RispondiElimina
  6. L'impianto in questione è stato da me segnalato con un messaggio di posta elettronica trasmesso il 22 luglio 2011, che fra i vizi di legittimità faceva presenti non solo la violazione della distanza minima dall'incrocio con via Bergamo (rilevata dall'allora Comandante del II Gruppo di Polizia Municipale), ma anche la posizione illecita a ridosso di due cartelli stradali di senso obbligatorio.
    Sembra che in origine esistesse un impianto APA di mt. 6 x 3 che per accorpamento (o frazionamento che dir si voglia) è diventato un 3 x 2.
    Alla sanzione amministrativa del II Gruppo di Polizia Municipale, operata a due mesi di distanza dalla mia segnalazione, non sembra aver fatto seguito a distanza ormai di 3 anni nessuna rimozione.
    Di questa eventuale omissione di atti dovuti d'ufficio dovrà rispondere prima o poi nelle sedi opportune chi se ne è reso responsabile.

    RispondiElimina
  7. Il cartellone è chiaramente deturpante, indecente e volgare come la gran parte delle inserzioni che raccoglie. L'ho denunciato il giorno stesso che è stato messo e i vigili hanno fatto i pesci in barile come al solito. Sono intervenuti ed hanno redatto un verbale di constatazione. La signora mi è venuta a trovare sul posto di lavoro (chissà chi le ha detto chi ero e dove trovarmi, e peraltro in maniera molto civile, mi ha espresso le sue ragioni che purtroppo trovano riscontro nell'attuale "non regolamentazione"). Durerà ancora poco. ( La volgarità non attiene alle inserzioni ma al deturpamento dell'edificio storico)

    RispondiElimina
  8. E' la stessa "signora" che dopo l'installazione di un osceno cartellone in Piazza S.Martino ai Monti a ridosso di una torre trecentesca con targhette che indicavano "piazzale jonio" (!!!!!!!) ebbe il coraggio di affermare: "e chi lo dice che questa torre è un monumento?".
    La mobilitazione immediata di residenti e resistenti anticartellonari portò ad una rapidissima rimozione.
    Le vacanze sono finite.Sindaco Marino,Assessora Leonori COSA SI ASPETTA AD AFFRONTARE QUESTO SCANDALO VERGOGNOSO???????

    RispondiElimina