martedì 22 aprile 2014

Quanti posti di lavoro generano le ditte cartellonare? E quali sono le condizioni di lavoro? Una testimonianza

Abbiamo raccolto una testimonianza, che per ovvie ragioni proteggiamo come anonima, riguardo alle condizioni di lavoro nelle ditte cartellonare. Pare che alcune ditte – ovviamente non tutte – non abbiano mano d'opera interna per gestire le affissioni, ma si affidino a società esterne che, poi, sono gestite come potete leggere qui. Quanti posti di lavoro regolari e dunque quanto gettito fiscale, quante tasse, quanto contributo all’occupazione potrebbero scaturire invece da una riforma del settore come è avvenuto in tutte le città europee e in molte città italiane?

Qualche tempo fa facevo proprio questo lavoro pensando fosse niente di ché, una cosa da prendere alla leggera, ma non fu così. Mi stravolse tutta la mia routine, non avevo più tempo per me. Il periodo in cui ho lavorato è andato da ottobre 2012 fino a settembre 2013. Essendo un ragazzo giovane ero disposto a fare dei cambiamenti nella mia vita per lavoro, ma non sono stato mai gratificato dal mio datore di lavoro. Orari insoliti notte e giorno si lavorava solo sab-dom-lun-mar-mer poi si rimaneva fermi per 10 giorni e si riprendeva il sabato dopo. Avevamo due tipi di cartelloni da fare: i piccoli 2x2 o i grandi 4x3. La paga per i 2x2 era 1€ per chi bagnava e 1,50€ chi attaccava (non importava se erano monofacciali o bifacciali sempre quella era la paga a impianto). Invece per i 4x3 pagavano 2€ a chi bagnava e 3€ a chi attaccava (a facciata, al contrario dei piccoli, quindi bifacciale 4€ e 6€). Ovviamente tutto in nero.
Facevamo trenta 4x3 a notte invece quando uscivamo per i piccoli ne facevamo minimo 45 e orari non ce ne erano, avevamo all'incirca 150 cartelloni grandi e 150 piccoli. Eravamo tre squadre.
Le ditte di cartelloni non posso rivelarvele, ma sono sicuro che avrete visto molti di questi cartelloni in giro. Non lavoravo direttamente con le ditte proprietarie dei cartelloni ma per conto di uno che faceva da tramite.
L'unico contatto diretto era quando andavo fisicamente a prendere i manifesti che dovevamo attaccare sui cartelloni.
I soldi li prendevamo quando questa persona aveva una qualche liquidità, molte volte iniziavamo l'affissione ancor prima che finisse di saldare quella precedente perché le ditte pagavano sempre in ritardo.
Alcune ditte pagavano talmente in ritardo l'affissione che non abbiamo più attaccato per quella ditta.
Sentendo quello che lavorava con me da molti più anni, prima si guadagnava benissimo, c'erano i cartelloni abusivi che venivano pagati 30€/35€ a facciata al "capo", lui ovviamente ti pagava meglio ma aveva sempre un eccellente guadagno. Sono venuto poi a conoscenza che il "capo" negli anni penso '80 e '90 aveva 150 cartelloni di sua proprietà comprati grazie ai soldi delle affissioni abusive. Alla fine mi ha detto che non guadagnava tanto e mi voleva pagare non più a cartellone ma a giornata, in pratica 50€ per 30 cartelloni. Ho rinunciato.
Tutte le persone con cui ho collaborato in questo ambito speravano che si tornasse a lavorare con i cartelloni abusivi in modo tale da aumentare il guadagno.

5 commenti:

  1. Niente di nuovo sotto al sole, visto millemila volte solo extracomunitari, in cima alle scale
    Quindi che non fossero in regola era il minimo sindacale
    Semmai abbiamo l'ulteriore conferma che il mercato dell'outdoor romano si sta lentamente strangolando da solo
    E va bene cosi .....
    Marco1963

    RispondiElimina
  2. Piuttosto chissà che ne pensa l'avv. Scavuzzo, delle condizioni di lavoro DISUMANE E FUORILEGGE, di chi lavora in cima a quelle scale
    Perchè tutti vediamo in che condizioni lavorano, e tutti abbiamo visto gli orari "di servizio di questi poveretti"
    Sarebbe interessante sapere
    Marco1963

    RispondiElimina
  3. SEGNALAZIONE:
    ISTALLATI TRE NUOVI MAXI CARTELLONI 4 X 3 -DURANTE LE FESTE- SU LUNGOTEVERE TESTACCIO POCO PRIMA DELL'INCROCIO CON VIA ALDO MANUZIO
    LUNGO LE MURA DI CINTA DELL'EX MATTATOIO. AD OCCHIO SEMBRA LA STESSA DITTA CHE HA FATTO SEMPRE UNA TRIPLETTA DI CARTELLONI 4X3 SU VIA PORTUENSE POCHI GIORNI FA E CUI E' STATO DEDICATO UN POST. Mi scuso ma, stando al volante, non ho potuto fare foto.
    Mc Daemon

    RispondiElimina
  4. Segnalo nuovo Esotas 4X3 esattamente davanti al rettorato di Roma Tre/Facoltà di Economia "Federico Caffè".

    RispondiElimina
  5. Aho' questi non si fermano mai.!!!

    QUALCUNO FACCIA QUALCOSA.. ASSESSORE LEONARI, AIUTO!!!

    RispondiElimina