lunedì 5 maggio 2014

Le linee guida del Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari presentate in Campidoglio. Finalmente l’amministrazione parla la nostra stessa lingua. Ora avanti veloce



Sono state presentate oggi alle 13 presso la Sala delle Bandiere del Campidoglio, dal Sindaco di Roma Ignazio Marino e dall’Assessore alla Roma Produttiva Marta Leonori, alla stampa le linee guida del nuovo Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari di Roma Capitale. Oltre a diverse testate giornalistiche eravamo presenti anche noi di Cartellopoli, l'Associazione Bastacartelloni - Francesco Fiori e il Dott. Arch. Rodolfo Bosi - Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS).
In attesa della registrazione completa che presto verrà caricata su YouTube dagli amici di Bastacartelloni riportiamo a caldo alcune dichiarazioni rilasciate durante la conferenza.

Marta Leonori è apparsa subito molto chiara riguardo il percorso da seguire:
1) Approvazione del PRIP e Regolamento in Assemblea Capitolina;
2) Redazione Piani di localizzazione con i Municipi;
3) Gara per assegnare le concessioni suddivise per lotti e la responsabilità di controllare il territorio.

Il punto 3 è pari pari quello che questo blog dice da più o meno 4 anni. Un passaggio fondamentale viste le pressioni da ogni parte politica per affossare una regolare assegnazione previo bando. Durante la conferenza la Leonori ha poi fatto più volte un confronto con Milano per dimostrare quanto la pubblicità a Roma sia svalutata rispetto alle altre realtà metropolitane. Ha anche ringraziato i blog dai quali ha preso delle foto da inserire in una slide della presentazione che è stata trasmessa.
Poi è stata la volta di Ignazio Marino che a continuato sulla stessa falsariga della Leonori menzionando più volte il bisogno della gara pubblica e dando anche la scadenza temporale della fine dell'anno per effettuare i bandi di gara.
Infine ci sono state le domande dei giornalisti. Qui Leonori ha risposto ad una domanda riguardante l'abusivismo così: "Roma è l'unica città che ha 400 ditte pubblicitarie. Con il bando di gara ci sarà semplificazione. Immaginate cosa significa dover contattare 400 ditte e invece cosa significa contattarne una decina. Serve, appunto, semplificazione. Noi pensiamo che con i bandi di gara raddoppierà il valore della pubblicità. Lo dimostra comparazione fatta con Parigi.". Ripetiamo che queste parole sono state pronunciate dall’Assessore alla Roma Produttiva Marta Leonori e non da uno dei blogger di Cartellopoli. È incredibile come non solo la nostra impostazione – coerente da quattro anni e mezzo – sia passata e sia diventata di dominio pubblico, ma che sia passato anche il nostro linguaggio. Una grande soddisfazione per chi ha lottato con davvero enormi sofferenze, tra minacce e incredibili ritorsioni giudiziarie, in questi anni.

Infine è stato fatto presente ad Ignazio Marino che chi ha cercato di riformare questo settore in passato è stato oggetto di minacce lui ha risposto così: "mi è stato detto da qualcuno che io ora giro in bicicletta senza scorta e dopo questa riforma invece ne avrò bisogno. Io non mi spavento". Anche per questo, anche per tutti coloro che sono stati minacciati e che hanno subito le intimidazioni delle ditte e degli avvocati delle ditte, bisogna andare avanti velocemente e spazzare fuori dal tessuto produttivo della città “imprenditori” che non meritano di starci.

Insomma, siamo davvero molto contenti delle linee guida illustrate oggi dall'assessore Leonori e dal sindaco Marino. L'impostazione dell'amministrazione è oggi esattamente sovrapponibile alla nostra quando abbiamo iniziato questa battaglia nel 2010, oltre 4 anni fa. Finalmente, dopo anni, parliamo la stessa identica lingua dell'amministrazione e i nostri concetti sono passati. Tutti.

L'unica strada per risolvere l'enorme problema economico, di decoro, di sicurezza stradale (e anche di criminalità organizzata) rappresentato oggi dalla cartellonistica pubblicitaria a Roma è lasciar cadere le attuali concessioni e riassegnarle a pochi e qualificati operatori previo regolare bando pubblico internazionale. Non solo si creeranno posti di lavoro, non solo la città potrà avere in cambio dei servizi dalle ditte concessionarie (bike-sharing, arredo urbano e molto altro), non solo si elimineranno dal tessuto economico della città degli operatori scadenti e tal volta criminali, ma soprattutto la città otterrà in cambio molti più soldi rispetto a oggi. Oggi Roma guadagna dalla pubblicità tanto quanto Milano essendo però 10 volte più grande, avendo molti più turisti, avendo una attrattività internazionale non paragonabile. Riformare questo settore significa far diventare il Comune più ricco e finalmente Ignazio Marino lo ha capito. E ora? E ora questo percorso non si deve interrompere e deve procedere con tempi certi e celerissimamente. Non ci sarebbe niente di peggio che lasciare le buone intenzioni sulla carta.


Rassegna stampa online:
romadailynews.it - DOMANI MARINO E LEONORI PRESENTANO IL NUOVO PIANO REGOLATORE DEGLI IMPIANTI PUBBLICITARI (PRIP)
roma.repubblica.it - Piano regolatore, tagli a 'Cartellopoli': meno spazi ma più costosi
asca.it - Roma: D'Ausilio(Pd), ok regolamento impianti pubblicitari. Ora assemblea
meridiananotizie.it - VIDEO > Affissioni, controlli e contrasto abusivismo: ecco il nuovo Piano Regolatore della Capitale
roma.repubblica.it - AFFISSIONI, CONTROLLI E CONTRASTO ABUSIVISMO: ECCO NUOVO PIANO REGOLATORE ROMA 
liberoquotidiano.it - Roma: taglio a 'Cartellopoli', meno spazi pubblicitari e piu' costosi 
ignaziomarino.it - Nuovo Piano Regolatore degli Impianti Pubblicitari 
paesesera.it - Cartellopoli, il Comune prova a contrastare l'abusivismo
romatoday.it - Cartelloni, in arrivo il Prip: bando, piani di zona e più soldi al Comune
affaritaliani.it - Marino: la sfida ai pubblicitari. Mini cartelloni e maxi prezzi
adnkronos.com - Roma, taglio a 'Cartellopoli': meno spazi pubblicitari e più costosi
asca.it - Roma: Giansanti (Civica Marino), nuovo Prip fondamentale per citta
metronews.it - Meno cartelloni e molto più cari 
roma.corriere.it - Addio ai super cartelloni selvaggi: meno spazi per la pubblicità
laprimapagina.it - Roma, impianti pubblicitari la Giunta approva il nuovo Piano Regolatore
bastacartelloni.it - Prip: arriva la riforma attesa da anni. Presentate questa mattina le linee guida. Ottimo il percorso indicato da Marino e Leonori 
vasroma.it - Il Sindaco Marino e l’Assessore Leonori hanno presentato le linee guida del PRIP da cui la Giunta Capitolina ha deciso di ripartire 
comune.roma.it - Impianti pubblicitari, la Giunta approva il nuovo Piano Regolatore 
ilvelino.it - Impianti pubblicitari, la giunta capitolina approva il nuovo Piano
romaeasy.it - CARTELLOPOLI A ROMA, STRETTA DEL CAMPIDOGLIO
iltempo.it - Pubblicità abusiva: Marino taglia i cartelloni e aumenta i prezzi 
sicurauto.it - Roma, guerra ai cartelloni abusivi
occhioche.it - PRIP, GIUNTA APPROVA PIANO REGOLATORE 

Rassegna stampa cartacea: 
Brand News Today - Il Comune di Roma approva piano per impianti pubblicitari. In vista una gara pubblica
Corriere della Sera Roma - Addio ai super cartelloni. Meno spazi per la pubblicità Cancellata la maxi sanatoria
Il Messaggero - Stretta sulle affissioni, taglio agli impianti e i prezzi aumentano
Il Tempo - Pubblicità abusiva: Marino taglia i cartelloni e aumenta i prezzi
Leggo - Contro la cartellopoli meno spazi e più cari
Metro News - Meno cartelloni e molto più cari
Repubblica Roma - Campidoglio, è guerra a “cartellone selvaggio” meno scempi e più tasse

Rassegna video: 
Meridiana Notizie

TG Lazio edizione delle 19.30 del 05/05/2014

bastacartelloni.it

9 commenti:

  1. Bene, ancora meglio comunque non stappare lo spumante, le forze della controriforma (immagino) si staranno già organizzando
    Però un bravo a tutti, è meritato
    (anche e soprattutto a Bosi ovviamente)

    Marco1963

    RispondiElimina
  2. Complimenti a voi e spero di farli anche a Marino e a tutto il Comune se veramente faranno quanto promesso. Questa città spero che abbia toccato il fondo ed ora possa solo risollevarsi.

    RispondiElimina
  3. bene, ma non festeggiamo troppo presto, abbiamo visto mille volte come va a finire poi soprattutto quando entrano in campo i lobbisti del PD...

    RispondiElimina
  4. Impagabile è l'impegno dedicato a questa oltraggiosa situazione, alla fine la dedizione e la perseveranza pagano.
    Siamo a tanto così dalla vittoria, non fermiamoci e CAMBIAMOLA sta città!

    RispondiElimina
  5. BENE! Era ora. Mi sarei aspettato una superficie espositiva inferiore (max 100.000 mq), ma è un ottimo, grande successo.

    Dopo i periodi di estremo buio e degrado di Alemanno, almeno sul fronte della pubblicità outdoor qualcosa si sta muovendo. Speriamo si proceda non velocemente, di più, a razzo.

    Roma non può più tollerare lo schifo che impera e Marino ha, con la regolamentazione della pubblicità outdoor, una possibilità per risalire a china del baratro in cui è precipitato per quanto riguarda il decoro e degrado in cui la Capitale sta attualmente vivendo.

    Forza, dopo la famosa delibera di iniziativa popolare di anni fa che firmai e che il "sindachetto" alemanno disattese a piè pari insieme al suo sodale bordoni, è finalmente arrivata l'ora per un ritorno ad un inizio di vera capitale europea, almeno sotto l'aspetto della pubblicità outdoor.

    BENE, si proceda speditamente con i bandi e rimozioni e DECORO. Sicurezza stradae e decoro.

    La cittadinanza ringrazierà, il mercato premierà, la criminalità in questo settore dagli oscuri (per usare un eufemismo) contorni sarà enormemente ridotta.

    RispondiElimina
  6. finalmente! vittoria!
    almeno si vede un barlume di speranza per la civiltà.
    chissà quanto ci vorrà ancora per rimediare all'indecorosa eredità lasciata da Alemanno & co.
    speriamo in azioni ancora più incisive e restrittive. non se ne può più!

    RispondiElimina
  7. Finalmente! Ora tutta la parte sana di questa Citta' si stringa intorno al Sindaco ed all'Assessore in questo grande sforzo per ridare un barlume di legalita' a Roma!
    Complimenti a Cartellopoli che da anni si batte contro questa vergogna enorme!

    RispondiElimina
  8. Ottima la previsione dei bandi di gara per assegnare la gestione dei MACROLOTTI di territorio. A questo proposito, è bene ricordare che la quasi totalità delle concessioni-autorizzazioni scade il 31 dicembre di quest'anno ed entro i primi mesi del 2015 andranno riassegnate con i bandi, prima che l'esercito delle ditte storiche pretenda il rinnovo eterno dei loro impianti da quarto mondo.

    RispondiElimina
  9. Voglio pubblicamente ringraziare voi per aver portato avanti questa battaglia con coraggio e fatica per anni. Ora speriamo che le cose procedano come promesso e che finalmente questa città possa cominciare a cambiare per i verso giusto!

    RispondiElimina