venerdì 19 dicembre 2014

I 7 ricorsi al TAR presentati contro le modifiche e le integrazioni del Regolamento di Pubblicità approvate dall’Assemblea Capitolina

Pubblichiamo questo articolo ripreso dal nuovo sito del Circolo Territoriale di Roma di VAS (Verdi Ambiente e Società) di cui è responsabile il Dott. Arch. Rodolfo Bosi:
http://www.vasroma.it/i-7-ricorsi-al-tar-presentati-contro-le-modifiche-e-le-integrazioni-del-regolamento-di-pubblicita-approvate-dallassemblea-capitolina/


Con Deliberazione dell’Assemblea Capitolina n. 50 del 30 luglio 2014 sono state approvate una serie di modifiche ed integrazioni al “Regolamento comunale in materia di esposizione della pubblicità e pubbliche affissioni”.

Da voci raccolte sono venuto a sapere che nella giornata di mercoledì 17 dicembre 2014 il Tar del Lazio aveva fissato l’udienza per la discussione di una serie di ricorsi presentati da diverse ditte pubblicitarie sia contro la deliberazione n. 50 (Regolamento) che contro la Deliberazione dell’Assemblea Capitolina n. 49 del 30 luglio 2014 (PRIP).

Da una ricerca svolta ieri in Internet sul sito del TAR del Lazio Sezione di Roma ho trovato ben 7 ricorsi presentati tutti contro il Regolamento dalle seguenti ditte pubblicitarie. 

DEFI ITALIA (registrata nella Nuova Banca Dati con il codice 0115)

  Immagine.Ricorso DEFI


La Sezione Seconda del TAR ha rinviato aI merito il giudizio sul ricorso 14401/2014 presentato il 21 novembre 2014 

Immagine.Ricorso Defi.1

 

SCI (SOCIETÀ CONCESSIONI INTERNAZIONALI) (registrata nella Nuova Banca Dati con il codice 0040)

 Immagine.Ricorso SCI


La Sezione Seconda del TAR ha pronunciato l’Ordinanza Cautelare n. 06520/2014 accogliendo la richiesta di sospensiva del ricorso n. 14403/2014 presentato il 21 novembre 2014 e fissando l’udienza pubblica nel merito.

Immagine.Ricorso SCI.1
Immagine.Ricorso SCI.2

 

FOX (registrata nella Nuova Banca Dati con il codice 0164, ora cancellato) 

 Immagine.Ricorso FOX


La Sezione Seconda del TAR ha pronunciato l’Ordinanza Cautelare n. 06524/2014 accogliendo la richiesta di sospensiva del ricorso n. 14431/2014 presentato il 21 novembre 2014 e fissando l’udienza pubblica nel merito.

Immagine.Ricorso FOX.2

 

D & D OUTDOR ADVERTISING (registrata nella Nuova Banca Dati con il codice 0062)

 Immagine.Ricorso D&D


La Sezione Seconda del TAR ha pronunciato l’Ordinanza Cautelare n. 06523/2014 accogliendo la richiesta di sospensiva del ricorso n. 14433/2014 presentato il 21 novembre 2014 e fissando l’udienza pubblica nel merito.


Immagine.Ricorso D&D.2

 

WHAYAP (ha la stessa sede della A.P. Italia, registrata nella Nuova Banca Dati con il codice 0010, che è in via Cerchiara n. 45)

 Immagine.Ricorso whayap


La Sezione Seconda del TAR ha pronunciato l’Ordinanza Cautelare n. 06522/2014 accogliendo la richiesta di sospensiva del ricorso n. 14435/2014 presentato il 21 novembre 2014 e fissando l’udienza pubblica nel merito.

 Immagine.Ricorso whayap.1
Immagine.Ricorso whayap.2

 

APA (AGENZIA PUBBLICITÀ AFFISSIONI) (registrata nella Nuova Banca Dati con il codice 0044)

 Immagine.Ricorso APA


La Sezione Seconda del TAR ha pronunciato l’Ordinanza Cautelare n. 06508/2014 accogliendo la richiesta di sospensiva del ricorso n. 14436/2014 presentato il 21 novembre 2014 e fissando l’udienza pubblica nel merito.

Immagine.Ricorso APA.1
Immagine.Ricorso APA.2

 

CLEAR CHANNEL AFFITALIA (registrata nella Nuova Banca Dati con il codice 0025)

 Immagine.Ricorso Clear Channel


La Sezione Seconda del TAR ha pronunciato l’Ordinanza Cautelare n. 06525/2014 accogliendo la richiesta di sospensiva del ricorso n. 14853/2014 presentato il 28 novembre e fissando l’udienza pubblica nel merito.

 Immagine.Ricorso Clear Channel.1
Immagine.Ricorso Clear Channel.2

Da voci raccolte ma non ancora ufficialmente confermate sembrerebbe che la Seconda Sezione del TAR abbia accolto la sospensiva soltanto di una parte del Regolamento di secondaria importanza in cui è stato ravvisato il fumus boni iuris ma che non andrebbe minimamente ad intaccare l’intera intelaiatura delle modifiche e delle integrazioni che sono state apportate al Regolamento.

Sotto questo aspetto la pronuncia della Seconda Sezione del  TAR suona come un rigetto sostanziale dei ricorsi presentati.

Ne sapremo di più non appena verranno pubblicate le suddette 6 Ordinazne Cautelari e dal loro testo si potrà valutare l’esatto contenuto e la conseguente portata delle sospensive che sono state accolte.

Dott. Arch. Rodolfo Bosi - Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) 

Nessun commento:

Posta un commento