venerdì 29 gennaio 2016

Le segnalazioni di VAS hanno fatto rimuovere i tre megaimpianti installati nel XV Municipio

Pubblichiamo questo articolo ripreso dal sito del Circolo Territoriale di Roma di VAS (Verdi Ambiente e Società) di cui è responsabile il Dott. Arch. Rodolfo Bosi:
http://www.vasroma.it/le-segnalazioni-di-vas-hanno-fatto-rimuovere-i-tre-megaimpianti-installati-nel-xv-municipio/


Con Nota VAS prot. n. 6 del 16 febbraio 2010, trasmessa anche al Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma, con allegato un dossier fotografico di tutti gli impianti da rimuovere dentro il Parco di Veio e nella zona vincolata di Tor di Quinto e di via Cassia, ho segnalato anche i due seguenti cartelloni pubblicitari di mt. 4 x 3 installati dalla ditta “GREGOR” in via Cassia a ridosso dell’istituto religioso “Bona Crux”, con i numeri di codice identificativo 0074/AO445/p e 0074/AO446/P.
2 impianti GREGOR originari in via Cassia
Foto scattata il 1 dicembre 2009
Quattro anni dopo ho accertato che i due impianti erano stati uniti a formare un unico megaimpianto di mt. 8 x 3, che alla fine di una riunione della Commissione Commercio sul PRIP ho segnalato di persona al Dott. Francesco Paciello consegnandogli la foto a colori scattata il 21 febbraio del 2014.
 GREGOR al 21.2.2014.1.
Foto scattata il 21 febbraio 2014
Quel giorno ho consegnato al Dott. Francesco Paciello anche la foto a colori di un altro megaimpianto della “GREGOR” realizzato allo stesso modo dall’unione di due impianti di mt. 4 x 3, che si trovava installato poco distante, più a nord, sempre lungo la via Cassia a ridosso del muro di cinta dell’Ospedale Fatebenefratelli, all’altezza del civico n. 585 con i numeri di codice identificativo 0074/AO443/P e 0074/AO444/P.
GREGOR al 21.2.2014
Foto scattata il 21 febbraio 2014
Dopo l’approvazione della Deliberazione n. 50 del 30 luglio 2014, con cui è stato modificato il Regolamento di Pubblicità consentendo un formato massimo degli impianti di mt. 3 x 2 ed il conseguente obbligo prescritto dal TAR del Lazio di rimuovere entro il 20 maggio del 2015 tutti gli impianti di dimensioni uguali o superiori a mt. 4 x 3, la ditta “GREGOR” ha dapprima oscurato il megaimpianto mt. 8 x 3 installato sul muro di cinta dell’Ospedale Fatebenefratelli.
IMG_1419
(foto scattata il 13 giugno 2015)
A giugno del 2015 l’altra megaimpianto risultava invece ancora sfruttato.
GREGOR al 13.6.2015.
(foto scattata il 13 giugno 2015)
La ditta Gregor ha poi rimosso entrambi i megaimpianti di mt. 8 x 3, convertendo i suoi due originari impianti di mt. 4 x 3 in due cartelloni di mt. 3 x 2, che ha però voluto mantenere uniti a formare due distinti megaimpianti di mt. 6 x 2.
GREGOR 6 x 2.B.
Foto scattata il 17 novembre 2015
GREGOR 6 x 2.A.
Foto scattata il 17 novembre 2015
Il 22 gennaio 2016 mi son trovato a passare in macchina per via Cassia e con mia grande soddisfazione mi sono accorto che i due megaimpianti sono stati nel frattempo rimossi e sostituiti da due distinti impianti di mt. 3 x 2.
100_6759
Foto scattata il 22 gennaio 2016
100_6761
Foto scattata il 22 gennaio 2016
La stessa identica storia si è ripetuta con il megaimpianto monofacciale che la Gregor aveva realizzato ed installato sulla spalletta orientale del futuro ponte sul rilevato ferroviario in via Flaminia che ho documentato nell’articolo pubblicato su questo stesso sito il 31 dicembre 2015 (http://www.vasroma.it/vas-chiede-di-accertare-la-regolarita-dei-megaimpianti-pubblicitari-installati-in-via-flaminia/).
Il 22 gennaio 2016 mi son trovato a passare in macchina anche per via Flaminia e con altrettanta grande soddisfazione mi sono accorto che il megaimpianto è stato nel frattempo rimosso e sostituito da due distinti impianti di mt. 3 x 2.
100_6767
Foto scattata il 22 gennaio 2016
Sono portato a presumere che la Dott.ssa Monica Giampaoli abbia raccolto i frutti dell’opera di repressione iniziata dal Dott. Francesco Paciello.
Dott. Arch. Rodolfo Bosi - Responsabile del Circolo Territoriale di Roma della associazione Verdi Ambiente e Società (VAS) - circolo.vas.roma@gmail.com

4 commenti:

  1. Qui accanto, ancora compaiono delle "istruzioni per l'uso", che mi sembra siano aggiornate.
    Tuttavia, al numero 1 si legge che gli impianti pubblicitari in questione dovrebbero, come minimo, rispettare la distanza fra loro di 25 metri.
    Non mi sembra accada nei casi sopra considerati, ne' in nessuno di quelli, un'infinità, che continuo personalmente a segnalare anch'io senza che ne venga mai rimosso alcuno...
    E allora chi sbaglia? Io o il Comune inefficiente?
    Lob

    RispondiElimina
  2. E’ tuttora valida la deliberazione n. 45 del 17 marzo 2008 con cui l’allora Commissario Straordinario, il prefetto Mario Morcone, ha consentito la permanenza degli impianti pubblicitari già autorizzati dall’Amministrazione nelle strade urbane di quartiere e locali fino alla redazione del PRIP e dei Piani di Localizzazione, a condizione che gli stessi non risultino collocati nello spazio di avvistamento di cui all’art. 79 del Regolamento di esecuzione del Codice della Strada, ad eccezione degli impianti installati sulle transenne parapedonali che, per la loro funzione di garanzia di sicurezza del pedone, sono ubicati nei pressi degli incroci.
    Il comma 9 dell’art. 34 del nuovo Regolamento di Pubblicità, approvato con deliberazione dell’Assemblea Capitolina n. 50 del 30 luglio 2014, consente la permanenza sul territorio di tutti gli impianti riconducibili alla procedura di riordino “non oltre l’esito delle procedure di gara conseguenti alla redazione dei piani di localizzazione”.
    Infine con deliberazione della Giunta Capitolina n. 325 del 13 ottobre 2015 è stato stabilito che “gli impianti già inseriti nella Nuova Banca Dati permangono nell’ubicazione in cui si trovano alla data del presente provvedimento e si procede alla loro ricollocazione soltanto per contrasto al Codice della Strada, per lavori pubblici e per contrasto alla disciplina di tutela paesaggistica-architettonica-archeologica-ambientale come risultante dalla deliberazione Assemblea Capitolina n. 49/2014, su diffida dell’Ente tutore, escludendo spostamenti su iniziativa delle Società”.

    RispondiElimina
  3. A quando colombo e tt quelli della gregor azzeccati ad arte tipo acqua acquosa Aurelia retro accademia agiati e le drittate tipo Francia Flaminia aiuola spartitraffico

    RispondiElimina
  4. ah la gregor? trasporta impianti dalle periferie al centro!!! chissà come farà.. o avrà fatto!

    RispondiElimina